CD Projekt RED: "i DLC gratuiti di The Witcher 3 sono qualcosa che dobbiamo ai nostri sostenitori"

"Si tratta di dare un messaggio ai giocatori".

1

CD Projekt RED ha confermato in diverse dichiarazioni che The Witcher 3: Wild Hunt sarà supportato da una serie di DLC totalmente gratuiti che inseriranno alcuni contenuti minori che sicuramente faranno piacere ai giocatori.

Il cofondatore e CEO dello studio, Marcin Iwinski ha spiegato le motivazioni dietro a questa scelta in un'intervista rilasciata a IGN.

"Crediamo che sia giusto riasciare dei DLC gratuiti perchè le persone hanno pagato il prezzo pieno per il nostro gioco e quindi glielo dobbiamo, siamo in debito con loro. Vogliamo dare un messaggio molto chiaro ai nostri fan. Noi come giocatori vorremmo essere trattati in questo modo, vorremmo ricevere DLC gratuiti. Non devono essere necessariamente qualcosa di gigantesco.

"Noi non regaleremo contenuti giganteschi, non aggiungeremo dieci ore di storyline; daremo dei piccoli DLC e penso che le persone avranno un'opinione migliore del nostro gioco e si godranno ancora di più l'avventura.

"Forse in questo modo coloro che pensavano di piratare The Witcher 3 non lo faranno. Forse coloro che volevano vendere il gioco per comprare qualcos'altro cambieranno idea. Sarebbe fantastico, mi piacerebbe che succedessero delle cose di questo genere e se non dovesse essere il caso non importa. Spero solo che si divertano giocando al nostro titolo."

Quelle di Iwinski sono parole molto positive e l'iniziativa di CD Projekt potrebbe essere abbracciata anche da altre software house. Il settore videoludico tutto ne gioverebbe.

Vai ai commenti (28)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

The Witcher incontra gli anni '80 grazie allo splendido lavoro di un artista

Geralt come Jena Plissken in "1997: Fuga da New York".

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (28)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza