Call of Duty: Black Ops III, i tre anni di sviluppo sono stati cruciali per alcuni aspetti

Ce li spiega il direttore del multiplayer.

Attraverso un'intervista concessa ai microfoni di GameInfomer, il direttore del multiplayer di Call of Duty: Black Ops III, Dan Bunting, ha rivelato alcuni dettagli sui tre anni di sviluppo necessari alla creazione del gioco e, a detta sua, fondamentali per alcune caratteristiche dello stesso.

"I rischi in cui possiamo incorrere di questi tempi non possono essere affrontati con soli due anni di sviluppo, perché ciò complicherebbe molti aspetti della realizzazione del prodotto. Vi dico, per esempio, che abbiamo lavorato intensamente nella creazione del primo set di mappe dedicate alla modalità multigiocatore per circa un anno. Si tratta nella sostanza di realizzare prototipi differenti della stessa mappa e vedere come funziona l'inserimento di una determinata meccanica di gameplay in ognuna di esse", ha spiegato Bunting.

Vi ricordiamo che Call of Duty: Black Ops III è atteso per il 6 novembre 2015 su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Fonte: GameInformer

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Edy Bernardini

Edy Bernardini

Redattore

Figlio degli anni 90, tra le sue tante passioni spiccano il cinema e il videogaming: di quest'ultimo medium difende a spada tratta le enormi potenzialità espressive.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Elden Ring avrà il multiplayer online fino a 4 giocatori

FromSoftware svela nuovi dettagli sul gioco.

Articolo | Deathloop - anteprima

“Allacciati le cinture Alice, che di meraviglie adesso ne vedrai un bel po'”.

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza