ESL annuncia nuove politiche antidoping

Tolleranza zero dopo la vicenda Adderall.

La eSports League (ESL) ha annunciato una nuova politica antidoping in seguito alla vicenda del giocatore professionista di Counter Strike: Global Offensive che ha ammesso di usare l'Adderall.

1

Stando a VG247.it, infatti, la lega collaborerà con l'agenzia mondiale anti-doping (WADA) e con la National Anti Doping Agency (NADA) per introdurre i test antidoping agli eventi ESL.

I dettagli della nuova politica non sono stati ancora annunciati, ma certamente questo è un primo passo verso un eSport migliore.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Alex Franchini

Alex Franchini

Redattore

La sua passione per i videogiochi e la musica risale all'infanzia. PCista ma non di parte, approfitta di ogni occasione per fare paragoni con Dark Souls. Lo si pu occasionalmente trovare alla guida di auto da corsa virtuali con risultati imbarazzanti.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza