Scalebound: ecco come nata la collaborazione tra Microsoft e Platinum Games

Kellams: "Bayonetta per noi era un gioco dell'Xbox 360".

In un mercato composto soprattutto da esclusive first-party e solo da una manciata di esclusive third-party, Scalebound potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa per tutti i possessori di Xbox One e per coloro che apprezzano il lavoro di Hideki Kamiya.

Il creative producer, Jean Pierre Kellams, ha recentemente svelato come è nata la collaborazione tra Microsoft e Platinum Games.

"Microsoft parlava dei nostri progetti e della possibilità di creare qualcosa insieme ormai da divesi anni e stavamo cercando qualcosa da fare e un modo per lavorare insieme. Abbiamo sempre amato Xbox. Sapete, per noi Bayonetta era un gioco Xbox 360.

"Abbiamo sempre amato Xbox come piattaforma e abbiamo sempre voluto lavorare con Microsoft così quando finimmo Wonderful 101 tornammo da loro. Ci dissero: 'ok stiamo lavorando a questa nuova piattaforma e ci piacerebbe collaborare. Avete qualche progetto, magari qualcosa di molto ambizioso per il quale vi piacerebbe lavorare con noi?' Così mostrammo Scalebound e Microsoft dimostrò di credere molto nel progetto."

Si tratta sicuramente di una collaborazione molto interessante dato che con il talento di Kamiya e di Platinum Games, Scalebound potrebbe rivelarsi un'arma importante per Xbox One.

Fonte: Dualshockers

Vai ai commenti (11)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli dar ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Diablo 2 Resurrected: 'non stiamo cercando di aggiustare l'originale Diablo 2'

Ci saranno modifiche ma Blizzard non vuole allontanarsi dall'esperienza del titolo originale.

Street Fighter V accoglie Rose e i suoi incredibili Poteri dell'Anima. In azione in un trailer gameplay

Disponibile da oggi la lottatrice introdotta in Street Fighter Alpha.

Days Gone, AAA flop e sequel impossibili colpa dei giocatori? Un noto analista non d'accordo

Mat Piscatella di NPD risponde a John Garvin, director di Days Gone.

Six Days in Fallujah sviluppato da Sony Santa Monica? Lo studio di God of War pare fosse coinvolto

Anche Sony avrebbe lavorato al controverso gioco durante il lungo sviluppo.

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza