La patch 1.10 di The Witcher 3 migliora il frame-rate su PS4 - articolo

Ma lo peggiora, in alcuni casi, su Xbox One...

La nuova patch di The Witcher 3 è la più grande e importante uscita finora. Pesando ben 15GB su console, l'update 1.10 arriva con un lungo elenco descrittivo di tutti i miglioramenti, senz'altro il più corposo mai rilasciato da CD Projekt Red. Tra le sue oltre 600 voci, si trovano principalmente bug fix e aggiustamenti al gameplay; curiosamente, non c'è nessun riferimento ai miglioramenti di prestazioni su PlayStation 4 o Xbox One. Ma con ogni patch c'è sempre la speranza che gli sviluppatori riescano, finalmente, a migliorare il frame-rate su console: dopo molte false partenze, finalmente possiamo dire che la patch 1.10 è quella giusta... almeno su PS4.

Cominciamo dalle buone notizie. La console di Sony beneficia enormemente dell'update: i nostri primi stress test nella Palude del Gobbo mostrano i miglioramenti più evidenti. In quest'area, la nebbia e le trasparenze dell'acqua mettono il motore sotto sforzo e notoriamente le vecchie versioni del gioco portavano il frame-rate fino a 20fps. Dopo l'aggiornamento, il frame-rate torna decisamente più vicino ai 30fps. In alcuni specifici momenti, questo dà a The Witcher 3 un boost medio di 10fps su PS4, portando la console di Sony a superare la prestazione della versione Xbox One patchata.

Ci sono ancora dei cali di fluidità, e il grafico indica 28fps o anche meno in alcune circostanze, ma ci troviamo senz'altro di fronte a un passo avanti e ad un'esperienza complessivamente molto più fluida in quelli che in passato erano i punti più critici. Va infatti ricordato che la Palude del Gobbo è uno degli scenari più impegnativi e non rappresenta la prestazione media del resto del gioco.

Continuando a parlare di PS4, i miglioramenti riguardano anche le cut-scene più pesanti: anche qui il frame-rate viene sbloccato dalla soglia dei 20fps e, sebbene si notino cali di fluidità anche con la patch 1.10 installata, di certo non sono gravi come in passato. Anche nelle cut-scene, ora che il frame-rate è sbloccato, PS4 ottiene in genere un vantaggio di 2-3fps rispetto ad Xbox One.

PlayStation 4 ottiene i maggiori benefici dalla patch 1.10, che migliora fortemente il frame-rate in alcune zone. CD Projekt Red ha anche ottimizzato lo streaming degli asset negli ambienti più complessi, come Novigrad.

Interessante esaminare anche quanto avviene in un'altra area importante come la città di Novigrad. Qui le buone notizie sono due (sempre parlando di PS4). Da un lato, la stabilità dei 30fps è generalmente aumentata e si nota meno stutter mentre ci si avvicina ai cancelli cittadini: i test precedenti singhiozzavano in continuazione in questo scenario, ma con la patch 1.10 tutto è abbastanza fluido e fisso a 30fps mentre si accede all'interno della città.

Il secondo miglioramento riguarda il pop-in alla distanza, che ora risulta molto minore, sia su PS4 che su Xbox One. Le texture delle mura e degli NPC ora caricano rapidamente mentre ci si aggira per le strade cittadine, e difficilmente si notano zone sfocate o a bassa risoluzione. La patch 1.08 aveva già affrontato questi problemi, ma con risultati inferiori (non aveva corretto, ad esempio, il pop-in degli abitanti a pochi metri di distanza). Adesso, per la maggior parte, lo streaming degli asset non è più un problema, e il miglioramento è netto. Questo riguarda sia Xbox One che PS4 e risolve uno dei problemi più grandi dell'area cittadina.

Purtroppo, a Novigrad non si notano solo miglioramenti. La performance su PS4 cala nettamente mentre ci si muove verso l'area del mercato, portandoci fino ad una soglia di 28fps che non avevamo riscontrato nella versione pre-patch. È un piccolo passo indietro, che però abbiamo registrato ripetutamente nei nostri test. Nel complesso, i benefici della patch 1.10 vanno ben al di là dei nuovi compromessi compiuti, ma è comunque curioso vedere la performance arretrare fino ai livelli della patch 1.07 in questa specifica area.

Analisi della performance su Xbox One, con a confronto le patch 1.10 e 1.08. Lo streaming delgi asset è migliorato, ma i cambiamenti non sono subito evidenti. Sfortunatamente, ora l'area di Novigrad fatica a mantenere i 30fps.

Curiosamente, su PS4 c'è un modo per riuscire ad ottenere qualche fps in più in quest'area (e dunque, immaginiamo, anche altrove). Disabilitando gli effetti “blur” e “motion blur”, la performance si avvicina infatti di più ai 30fps stabili. I test con questi effetti disattivati sono costantemente migliori, specialmente nelle aree che altrimenti soffrono di più. Una rapida prova a Novigrad, ad esempio, restituisce un piccolo incremento di performance quando l'effetto di blur è disattivato (anche se comunque non si raggiungono neanche così i 30fps perfettamente bloccati).

La versione PS4 ha dunque fatto un passo nella giusta direzione con la patch 1.10, ma cosa si può dire riguardo quella Xbox One? Purtroppo, la nostra analisi non ha rilevato alcun incremento di performance sulla console di Microsoft. L'area della Palude del Gobbo continua a girare allo stesso frame-rate di prima, abbastanza fisso intorno ai 25fps. Anche nelle cut-scene la fluidità è identica a quella del gioco pre-patch.

L'unica vera sorpresa della patch 1.10, su Xbox One, riguarda la performance nella città di Novigrad. Come avviene anche su PS4, attraversando le strade cittadine si notano dei rallentamenti in più, ma in questo caso sono molto più marcati. Il calo di fluidità rispetto alla versione 1.08 è evidente, passando da 30fps fissi con qualche occasionale singhiozzo ad una performance che si aggira costantemente intorno ai 24-26fps. Abbiamo registrato questo comportamento in tutti i nostri test multipli effettuati in quest'area, nel medesimo momento della giornata e con le stesse condizioni meteo. È indubbio che si tratti di un downgrade delle prestazioni: confrontando le due versioni patchate, su Xbox One il frame-rate in città risulta inferiore di circa 5fps.

Infine, la patch 1.10 a confronto diretto tra PS4 e Xbox One, attraverso una serie di test simmetrici. La console di Sony ora è superiore in ogni ambito, con un margine di circa 2-5fps. Il distacco maggiore si nota nella città di Novigrad, dove l'Xbox One ha addirittura peggiorato la sua prestazione.

In altre parole, la performance di Xbox One con la patch 1.10 installata è identica a quella della versione precedente, fatta eccezione per l'area di Novigrad, dove è peggiore. Purtroppo, disattivare l'effetto di “blur” in questo caso non ci aiuta a migliorare la situazione e ad avvicinarsi di più ai 30fps. La fluidità è la medesima a prescindere dal fatto che l'effetto sia presente o assente, a differenza di quanto avviene su PS4.

Nel complesso, dunque, il giudizio su questa patch è misto. Su Xbox One si fa un passo in avanti (il migliore streaming degli asset) ma anche uno indietro (la peggiore performance in termini di frame-rate). Per quanto riguarda PS4, invece, questa è la prima patch che porta la performance a livelli costantemente superiori rispetto a quella di Xbox One. Gli update precedenti vedevano le due console sopravanzarsi in scenari differenti, ma questa patch è senz'altro più efficace su PS4, dove limita il problema dello stuttering e restituisce in generale un'esperienza più gradevole.

Si tratta di un vantaggio applicabile a tutte le scene su PS4, una versione che già beneficia della risoluzione 1080p (rispetto all'approccio dinamico di Xbox One, che generalmente fa girare il gioco a 900p). Nessuna delle due console mantiene i 30fps perfettamente bloccati, ma finalmente abbiamo superato la problematica fase iniziale di The Witcher 3. La patch 1.10 dà alla versione PS4 quel balzo in avanti in termini di performance che avevamo lungamente atteso, e rende il gioco più rifinito. Tutti i possessori dell'hardware Sony che stavano aspettando questa notizia per lanciarsi nell'epica avventura creata da CD Projekt possono finalmente sciogliere le loro riserve.

Vai ai commenti (17)

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (17)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza