Il team di Resident Evil sta sviluppando un motore grafico per la realtà virtuale

Capcom punta sulla nuova tecnologia.

La realtà virtuale sta facendo molto parlare di sé, e un numero sempre più elevato di sviluppatori sembra essere interessato a questa tecnologia.

Una di queste compagnie è Capcom, che a quanto pare ha messo al lavoro il team di Resident Evil per la creazione di un motore grafico dedicato ai visori (Oculus Rift, HTC Vive e PlayStation VR su tutti).

Per la precisione, il team coinvolto nel progetto è Development Division 1 guidata da Jun Takeuchi (producer di Resident Evil 5): "adesso stiamo orientando le nostre forze verso il mercato del gioco della realtà virtuale", ha esordito il Takeuchi.

"In questo mondo terrificante (quello della VR) potete scappare dove volete ma non potete fuggire dalle creature attorno a voi... finché non vi toglierete il visore VR dalla testa e tornate alla realtà. È così".

"Attualmente stiamo sviluppando un nuovo engine in grado di supportare la VR che è il mercato più caldo adesso, e simultaneamente stiamo sviluppando giochi per console", ha concluso il producer.

I survival horror è senza dubbio uno dei generi più adatti allo sviluppo di giochi per questa particolare tecnologia. Cosa vi aspettate da Capcom?

Fonte: VG247.it

1

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Massimiliano Conteddu

Massimiliano Conteddu

Redattore

Nato nel 1981, si è fatto le ossa su un Amstrad CPC 464 per poi scoprire tutta la bellezza degli 8-bit con un possente SEGA Master System. Adoratore di Shigeru Miyamoto e delle sue creature, ama scrivere, leggere e ascoltare storie, soprattutto sul divano col joypad in mano.

Contenuti correlati o recenti

Gli sviluppatori di Remothered: Broken Porcelain svelano gli inquietanti misteri e i personaggi dell'imminente survival horror

Il seguito di Remothered: Tormented Fathers può essere aggiunto alla lista dei desideri su Steam.

Un gioco più spaventoso del primo Silent Hill? Silent Hill in prima persona

I fan celebrano con una breve demo i 20 anni dell'amato gioco.

Days Gone incontra Death Stranding con un serbatoio della moto con tanto di Bridge Baby

Il gioco di Bend Studio riceve alcuni oggetti a tema Death Stranding.

Articoli correlati...

Moons of Madness - recensione

Rock Pocket Games ci porta su Marte, alla scoperta dell'orrore che si cela nelle profondità del cosmo.

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza