Assassin's Creed Syndicate - analisi comparativa

Le versioni PS4 e Xbox One a confronto.

Assassin's Creed Syndicate è il gioco della redenzione per Ubisoft dopo il catastrofico lancio di Unity. Le nostre impressioni iniziali hanno delineato una cornice di qualità: le prestazioni sono notevolmente migliorate e il gameplay è più stabile con meno bug e incertezze. Alcuni cambiamenti cruciali sono stati apportati al motore grafico e c'è l'impressione che Ubisoft abbia ribilanciato l'Anvil Next per far girare al meglio il gioco. In effetti, questo articolo non è solo un confronto tra le versioni Xbox One e PlayStation 4 ma anche uno sguardo ai miglioramenti tecnologici che lo separano da Unity.

Prima di tutto analizziamo lo stato della conversione: la qualità dell'immagine è identica su entrambe le console, dove il gioco gira a 900p con un anti-aliasing in post produzione che regala immagini morbide un po' come succedeva in Unity. La mancanza di dettagli elevati per singolo pixel diminuisce un po' la nitidezza di texture e normal mapping ma al contempo diminuisce il rischio di trovare artefatti visivi dovuti all'upscaling verso il Full HD. La qualità dell'immagine potrebbe essere migliore, insomma, ma la soluzione adottata da Ubisoft funziona come buon compromesso tra dettaglio, morbidezza ed effetti.

Gli asset sono identici su entrambe le versioni, così come gli effetti e un basso livello del filtro anisotropico (ci sembra un 4x) utilizzato sulle varie superfici per uniformare luci ed ombre. Anche le texture e il normal mapping sono i medesimi su personaggi e ambientazioni. Ci sono rare differenze tra le piattaforme ma pare si tratti più che altro di piccoli bug grafici occasionali: in due aree abbiamo trovato delle texture a risoluzione inferiore su PS4 ma rigiocando era tornato tutto normale. In un altro caso un fulmine era sparito (sempre nella versione PS4) ma in generale gli effetti sembrano identici.

Un'analisi video di Assassin's Creed Syndicate: ecco il confronto tra PS4 e Xbox One, e i cambiamenti maggiori da Unity.

Esplorando Londra per la prima volta non si può che rimanere colpiti dalla grande attenzione ai dettagli di Ubisoft e l'impressione è che anche in Syndicate si trovi lo stesso livello di non comune cura che avevamo visto in Unity. Dobbiamo però segnalare minori possibilità sul fronte dell'esplorazione degli interni degli edifici non rilevanti per la storia, mentre quelli con un ruolo sono liberamente esplorabili e giocano un ruolo importante per la campagna. Attraversare le strade della città con i suoi tetti, le macerie, gli oggetti e l'ampio orizzonte visivo è un vero piacere, anche se il dettaglio delle texture si perde un po' sulla distanza e si vede quasi un effetto pastello che speriamo sia assente nell'edizione PC.

Una grande differenza da Unity è nel numero degli NPC, che ora sono a dozzine e concentrati in specifiche aree della città. Questo dà a Londra un'aria meno popolata della Parigi rivoluzionaria, anche se non è che per questo sembri vuota: il traffico sia a piedi che su carrozza è continuo, e sembra sempre che i cittadini abbiano qualcosa da fare. Da un punto di vista tecnico, il minor numero di NPC porta a minore pop-up durante l'esplorazione e migliora anche la navigazione appiedata degli ambienti: non ci si incastra più nella folla.

L'illuminazione è stata ripensata in Assassin's Creed Syndicate con il ritorno ad un ciclo giorno-notte dinamico, con effetti meteorologici variabili e varie perturbazioni a coprire il cielo. L'orario è inizialmente scriptato col cominciare delle missioni ma non appena si gioca l'orologio si sblocca e comincia a ticchettare. Questo vuol dire che l'illuminazione globale di Unity è stata messa da parte e così si ha una maggiore piattezza generale, anche se il vantaggio di avere un sistema dinamico è notevole per la varietà dell'esperienza.

PlayStation 4Xbox One
Uno sguardo su Londra ci permette di apprezzare le nuvole dinamiche e l'ampio orizzonte, identico su entrambe le console.
PlayStation 4Xbox One
Assassin's Creed Syndicate gira a 900p con post-process anti-aliasing, questo dà al gioco un'immagine morbida e con pochi artefatti da upscaling.
PlayStation 4Xbox One
In questa immagine vediamo il filtro anisotropico in azione nello sfocare le texture lontane. I riflessi nelle pozzanghere sono identici su Xbox One e PS4.
PlayStation 4Xbox One
Il livello generale è uguale su entrambe le versioni. Qui vediamo le stesse texture e lo stesso normal mapping sugli abiti di Evie.
PlayStation 4Xbox One
Può capitare che dei problemi nello streaming dei dati portino a risoluzioni inferiori su PS4, ma è solo un bug e la maggior parte delle volte non succede.
PlayStation 4Xbox One
L'assenza di fulmini su PS4 qui è difficile da spiegare. Gli effetti sono gli stessi in altre aree, e sospettiamo sia un glitch più che un downgrade.
PlayStation 4Xbox One
Generalmente gli effetti alpha sono i medesimi su entrambele console. Qui vediamo fiamme e sbuffi di fumo.

In altre aree l'uso di luci basate sulla fisica contribuisce pesantemente all'estetica di Londra. La splendida ricreazione dei materiali che abbiamo visto in Unity (e pensiamo alla differenza che c'era nella reazione alla luce di metallo, pelle e pietra) è ancora visibile. Il subsurface scattering è presente sui personaggi e simula l'effetto particolare della luce sulla pelle. A volte sembra che il livello di dettaglio sia inferiore rispetto a quello di Unity, forse per poter gestire le nuove luci dinamiche, ma è comunque molto ben realizzato.

In termini di prestazioni, Assassin's Creed Syndicate rappresenta un grande miglioramento rispetto al predecessore, con i 30fps raggiunti molto frequentemente. Le masse di NPC erano forse la principale causa di rallentamenti in Unity, dove il frame-rate cadeva verso i 20 con risultati migliori su Xbox One rispetto a PS4 (forse per potenza della CPU). Era nei filmati che la GPU della console Sony dava il meglio di sé.

In Assassin's Creed Syndicate, vediamo un frame-rate migliore su entrambe le console con il risultato di avere un gameplay più morbido e meno input lag. Detto questo, vediamo anche un curioso cambio di posizioni, con PS4 che a questo giro è quasi sempre in vantaggio su Xbox One sia nei filmati che nel gameplay. In alcune aree dove vediamo la versione PS4 toccare senza problemi i 30fps, su Xbox One i numeri sono inferiori e scendono verso i 20 nei momenti più concitati (che portano l'edizione PS4 a 25). Il vantaggio della console Sony però non è sempre evidente, e in alcuni casi (come per esempio durante gli incidenti tra carrozze) vediamo dei cali su entrambe le macchine.

PlayStation 4Xbox One
Un grezzo effetto sfocato aggiunge intensità ad alcune scene d'azione, ma preferivamo il motion blur usato in Black Flag.
PlayStation 4Xbox One
La profondità di campo è utilizzata pesantemente durante i filmati, ed è identica su entrambe le console.
PlayStation 4Xbox One
Così come succedeva in Unity, i personaggi non proiettano ombre se illuminati da luci ambientali. Le ombre lentamente spariscono quando si allontanano dalle fonti di luce dirette.
PlayStation 4Xbox One
Il numero di NPC in Syndicate è decisamente inferiore rispetto a Unity. Qui vediamo un'area popolata da una dozzina di personaggi, che nel capitolo precedente sarebbe stata più densa.
PlayStation 4Xbox One
La qualità delle ombre è identica su PS4 e Xbox One, dando un'immagine morbida e con piacevoli penombre.
PlayStation 4Xbox One
L'uso di illuminazioni basate sulla fisica permette di avere superfici ricreate realisticamente, una tecnica che abbiamo visto anche in Unity. Il passaggio alle luci dinamiche di Syndicate, e l'assenza di illuminazione globale, può dare l'impressione di superfici meno definite.

Guardando i filmati troviamo le differenze maggiori tra PS4 e Xbox One, con la prima che generalmente gira più morbidamente della seconda. La versione Sony tocca l'obiettivo dei 30fps con più solidità di quella Microsoft, che è meno solida. Nelle scene con molti dialoghi non si sente particolarmente la differenza, del resto l'inquadratura non si muove, ma quando ci sono le sequenze d'azione la migliore prestazione di PS4 diventa immediatamente evidente. Ubisoft chiede uno sforzo maggiore alla GPU in questi casi, e la console nipponica può contare su un hardware più performante su questo fronte.

Le prestazioni più morbide rispetto al precedente capitolo rendono comunque più piacevole il gioco, anche per i sottili miglioramenti del gameplay in aspetti come il parkour. I personaggi si incastrano più difficilmente nelle ambientazioni e hanno un equilibrio migliore, più simile a quello tanto apprezzato in Black Flag. Ci sono passi avanti insomma, ma ancora c'è margine di miglioramento.

Uno dei problemi a cui ci ha abituato la serie, la capacità del protagonista di appiccicarsi dove non vogliamo durante la corsa, rimane: a volte è facile perdere il ritmo mentre si insegue qualcuno e ritrovarsi appesi a qualche elemento laterale dell'ambientazione. D'altro canto è vero che ora è più difficile cadere per sbaglio.

Le prestazioni di Assassin's Creed Unity erano una vera delusione, e ora vediamo miglioramenti notevoli.

Analisi aggiuntive:

Assassin's Creed Syndicate - il verdetto del Digital Foundry

Dopo aver fatto il passo più lungo della gamba con Unity, Ubisoft si muove con più cautela e ribilancia la sua tecnologia per raggiungere risultati più solidi con Syndicate. La lezione è stata imparata allora e ora pare che la casa francese abbia capito di cosa sono davvero capaci le console della corrente generazione.

I cambiamenti non riducono drasticamente la qualità estetica del gioco che è comunque un bel passo avanti rispetto a Black Flag, ma i veri vantaggi rispetto allo scorso capitolo li vediamo sul fronte della solidità e del gameplay, che ora è più pulito e con meno bug. La versione PS4 beneficia più di quella Xbox One del cambio nella gestione del rendering, raggiungendo frequentemente i desiderati 30fps, anche se dobbiamo dire che su entrambe le macchine il miglioramento rispetto a Unity è notevolissimo.

Per il momento la versione PlayStation 4 è dunque leggermente migliore ma chiaramente ci aspettiamo grandi cose da quella PC, prevista per il prossimo 18 novembre. Tenendo presente che Unity è riuscito comunque a difendersi su computer (con le necessarie patch), non vediamo l'ora di vedere all'opera anche questo episodio della serie: se gira bene su console, ci aspettiamo giri benissimo su PC.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Ghost of Tsushima e il concetto di spada? Estremamente letali, non sono dei 'tubi'

Il creative director Nate Fox parla di uno degli aspetti fondamentali del gioco.

ArticoloThis is the Zodiac Speaking - prova

Punch Punk Games ci porta alla scoperta di uno dei più iconici serial killer della storia americana.

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza