Il creative director di Doom ci porta alla scoperta della "brutale e iperveloce" campagna singleplayer

"Bruce Lee in uno skatepark con fucile alla mano".

Una grossa parte del nuovo Doom è ovviamente rappresentata dalla campagna singleplayer e da questo punto di vista id Software dovrà creare un titolo all'altezza dei precedenti capitoli ma allo stesso tempo capace di attirare le nuove leve.

Il creative director, Hugo Martin ci presenta la campagna spiegandoci ciò che possiamo aspettarci da questo aspetto della produzione.

Martin ha spiegato il modo in cui è possibile giocare a Doom in un recente post pubblicato su Bethesda.net. Pad alla mano il creative director si paragona a "Bruce Lee in uno skatepark con fucile alla mano".

Seguiamo quindi l'esperienza di Martin in un livello a circa metà della campagna, Lazarus:

"Martin si trova in quello che il team ha amichevolmente battezzato "uno tra i tanti skatepark" di DOOM: uno spazio aperto su più livelli popolato dalla prole infernale, incluso qualche peso massimo come il polposo Mancubus e l'implacabile Revenant.

Ed è qui che comincia lo show. Martin sembra essere ovunque e in qualsiasi momento. Raggiunge una piattaforma sopraelevata e colpisce un demone con il plasma. Scende e usa il suo lanciarazzi modificato per scatenare un'esplosione alle spalle di un pesante Cavaliere infernale. Estrae la mitragliatrice per una rapida distruzione di nemici multipli. Sfianca un demone, poi un altro. Conquista un'uccisione epica con il primo, e subito dopo si sbarazza del secondo con un colpo preciso del suo fucile a pompa modificato. E, come promesso all'inizio, è in fase flick-switch , il termine che viene usato per descrivere uno stile di gioco istintivo in cui si cambia arma in continuazione una volta presa confidenza con la ruota delle armi. "Quando giochi così, ti senti super agile", sorride Martin. "Cambi arma di continuo ed è come se..." Martin si interrompe per scatenare una raffica di fuoco. Bene, il concetto è chiaro."

Questa spiegazione di Martin ha permesso anche di scoprire degli elementi RPG del titolo. Ci sarà la possibilità di personalizzare delle abilità per ottenere uno stile unico. Il creative director si è concentrato soprattutto sulla velocità in tutte le azioni possibili (muoversi, cambiare armi, ricaricare). id Software permetterà di personalizzare il proprio personaggio non vincolando i giocatori a un solo stile di gioco ma permettendo di cambiare in corsa in base ai livelli che ci troveremo di fronte.

Per leggere tutte le informazioni condivise da Martin date un'occhiata al sito ufficiale di Bethesda.

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Valorant è 'attualmente ingiocabile' secondo Ninja

Il celebre streamer si scaglia contro il gioco di Riot afflitto da numerosi problemi.

Serious Sam 4 - recensione

Combattendo l'invasione, un proiettile alla volta.

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza