Take-Two è un publisher che può contare su alcuni franchise di assoluto richiamo ma che nonostante tutto non vuole in alcun modo dare il via a una produzione troppo ravvicinata di nuovi capitoli.

Il presidente della compagnia, Karl Slatoff, ha ancora una volta ribadito il fatto che non trasformare brand particolarmente popolari in uscite annuali è stato molto difficile da un punto di vista della gestione degli investitori ma che allo stesso tempo è una scelta necessaria.

"Si è una sfida ma non intendiamo cambiare la nostra strategia per quanto riguarda i giochi annuali perché il prodotto alla lunga fa in un certo senso fatica. Sicuramente è allettante avere continue uscite e spremere un franchise il più possibile ma è evidente che questo modo di agire sta avendo degli effetti negativi su altri franchise di questa industria. Per quasi ogni nostro franchise l'ultimo capitolo è decisamente più grande di quello precedente".

Slatoff segue, quindi, la linea del chief executive di Take-Two, Strauss Zelnick. Zelnick ha più volte sottolineato che con i giochi non sportivi ha più senso aspettare e creare una domanda per un nuovo capitolo di un franchise.

Cosa pensate della posizione di Take-Two?

Fonte: Gamespot

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.