Shuhei Yoshida, Jim Ryan e la rivoluzione VR - articolo

Due dirigenti sono meglio di uno quando bisogna discutere del prezzo, della strategia e dei giochi VR di Sony del futuro.

Anche a uno show che si concentrava sulla VR come la GDC, Sony è riuscita a rubare la ribalta virtuale annunciando una data d'uscita e un prezzo davvero accessibile per il suo visore, PlayStation VR, mostrando un'impressionate lineup di giochi e promettendo esperienze sociali di alta qualità. La compagnia ha anche messo a disposizione un buon assortimento di dirigenti di alto livello per rispondere alle domande sull'hardware in arrivo e, quindi, abbiamo parlato con Shuhei Yoshida, presidente dei Worldwide Studios e Jim Ryan, presidente e CEO di Sony Computer Entertainment Europe, di questi importanti annunci e del loro impatto sul marchio PlayStation, l'industria intera e gli sviluppatori che ne fanno parte.

Al momento dell'annuncio c'erano due chiari punti in favore di Sony all'interno della sempre più accesa guerra fredda della VR: PlayStation VR sarebbe stato il contendente meno caro e sarebbe stato il più semplice da usare dal punto di vista dei requisiti hardware. Da allora una di quelle questioni è stata confusa dai continui rumor sulla PS4.5, e dalla possibilità che la potenza extra di quell'hardware possa migliorare l'esperienza della realtà virtuale. In ogni caso il prezzo di $399/£349/€399 della console Sony continuerà ad essere un fattore decisivo nelle decisioni di acquisto di molti giocatori. Tenendo conto del gap di $200 tra PlayStation VR e Oculus Rift, senza menzionare il Vive, Sony dovrà seguire il classico modello di vendita delle console vendendo l'hardware in perdita nella sua prima versione? Non secondo i dirigenti della compagnia.

"In realtà non stiamo perdendo denaro a quel prezzo," ci ha spiegato Yoshida. "Dal day one saremo in grado di vendere il visore a quel prezzo senza difficoltà anche dal nostro punto di vista; in questo modo potremo investire nella creazione di demo e nell'aiutare gli sviluppatori."

"Tutti sono eccitati ma il vero test è tra sei mesi"

Shuhei Yoshida

Ryan ha velocemente confermato, affermando che "guadagneremo denaro sull'hardware a partire dal day one".

Con la compagnia che si sta ancora crogiolando nel calore dell'accoglienza pubblica, sono arrivati i primi report sui pre-order dell'headset, che stavano già esaurendo le scorte in tutta Europa sui siti dei maggiori rivenditori come Amazon. Ryan vede questi report come una chiara conferma del fatto che la compagnia è sulla strada giusta, anche se non vuole entrare nei dettagli specifici sui numeri veri e propri di quei pre-order.

"Non abbiamo intenzione condividere quel livello di dettaglio ma ho visto quei report, ho visto i nostri dati interni, ho visto i nostri dialoghi interni con i rivenditori e, sapete, nell'arco di 24 ore o meno la reazione è stata è stata piuttosto spettacolare," conferma Ryan.

"Ed è fantastico perché è sicuramente piacevole organizzare una press conference di fronte a una manciata di giornalisti, molti dei quali sono giocatori appassionati, e ricevere una buona reazione. Ma è solo quando vedi la reazione di migliaia di giocatori che realizzi davvero che potresti essere sulla strada giusta. Questo comunque è solo l'inizio."

1

Yoshida è riuscito a darci qualche altra informazione sulla data d'uscita di ottobre del visore. Questa data mette PlayStation in una situazione di leggero svantaggio nei confronti di Oculus Rift e HTC Vive, ma Yoshida crede che sia cruciale per assicurare la felicità massima dei consumatori.

"Ci siamo sempre posti l'obiettivo della prima metà dell'anno quindi mi aspettavo un periodo intorno al mese di giugno, all'E3. Lo sviluppo dell'hardware è stato completato secondo i programmi e quindi sono molto felice," spiega.

"A causa dell'aumento dell'attesa e dell'entusiasmo intorno alla VR, tuttavia, ci siamo resi conto che la nostra stima per il numero di unità del day one non sarebbe stata sufficiente a soddisfare la domanda. Non volevamo scaglionare il lancio per regioni, dato che è un tema molto delicato e le persone in certe parti del mondo sarebbero rimaste molto deluse se avessimo ritardato la release. Volevamo essere sicuri di poter coprire più nazioni possibili e per questo abbiamo deciso di ritardare il lancio in modo da produrre abbastanza unità per il day one.

"Penso anche che il confine tra ciò che è un videogioco e ciò che è un'esperienza non interattiva diventerà estremamente indistinto in quest'area"

Jim Ryan

"Il lato positivo di questa decisione è che gli sviluppatori, compresi noi, possono passare più tempo a perfezionare le loro esperienze. È una cosa positiva anche per i consumatori, quindi è per questo che abbiamo preso tale decisione."

Coi rivenditori che ora lasciano intendere che coloro che non sono riusciti ad effettuare il pre-order nella prima fase dovranno attendere per le loro unità, è possibile che la domanda abbia superato persino quelle aspettative. Yoshida ha, in ogni caso, affermato che Sony non toglierà il piede dall'acceleratore, facendo intuire che potremo aspettarci l'annuncio di nuovo software all'E3. Ciò nonostante, ciò che è stato mostrato all'evento organizzato alla GDC è sembrata già un'offerta varia e completa.

"Sono un grande fan delle esperienze che si basano innanzitutto su una storia, e uno dei prodotti di questo tipo che abbiamo mostrato è stato Allumette, la ragazza col fiammifero. Quella è una storia corta e molto carina. È qualcosa che sta intrigando quelle compagnie, quelle persone che vengono dall'industria del cinema e vogliono creare una narrazione immersiva con la VR. Non siamo bravi in quel tipo di prodotti, quindi, personalmente, sono molto eccitato dal fatto che quel tipo di persone stiano entrando in questo mondo per creare qualcosa di davvero interessante nella VR"

Ryan ha anche visto diverse persone reagire positivamente alle esperienze più immersive basate sulla trama, e ha lasciato intendere che Sony sta tenendo d'occhio il potenziale della VR al di là dei videogiochi

2

"Mi sono trovato di fronte a questa situazione diverse volte questa mattina, giocatori davvero appassionati che hanno apprezzato queste esperienze che potremmo definire marginali. Chiaramente molto di questo materiale ha l'opportunità di essere davvero rilevante per i nostri giocatori. Penso che il confine tra ciò che è un videogioco e ciò che è un'esperienza non interattiva diventerà estremamente labile in quest'area. State già iniziando a vedere questa tendenza, principalmente si riscontra su PlayStation, quindi riguarderà i videogiochi, ma stiamo tenendo d'occhio molti di questi altri prodotti e , come ha detto Andy House nel suo discorso, in quest'area c'è altro in arrivo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi."

Parte delle ragioni che permettono a Sony di offrire una tale mole di esperienze VR è lo stretto rapporto con la comunità degli sviluppatori, in particolare per quanto riguarda la realtà virtuale. Spiega Yoshida: "Sul fronte dei third-party abbiamo dei gruppi che stanno lavorando duramente negli Stati Uniti e in Europa. Stanno costantemente parlando con degli sviluppatori e stanno provando a trovare dei team da supportare, capire ciò di cui hanno bisogno, ciò che vogliono e ciò che possiamo offrire in base ai loro bisogni. Alcuni hanno bisogno di supporto finanziario, alcuni di aiuto nel campo delle PR o di qualcuno che rappresenti i loro giochi. Tutto ciò per fare in modo di essere in grado di presentare una buona varietà di titoli.

"Abbiamo delle persone che si occupano delle relazioni con gli sviluppatori di grande talento. Parlano sempre con gli sviluppatori, sia che si tratti della VR o di altro. Devono continuare a farlo ma questo è ciò per cui esistono. Quindi è così che sono riusciti a ottenere un accordo con EA e LucasArts, permettendoci di annunciare Star Wars Battlefront per la VR. Persino io ero sorpreso".

"Le persone mi chiedono quale sia la nostra killer app, io rispondo sempre che sbucherà dal nulla"

Shuhei Yoshida

Di fronte a delle domande sul futuro della realtà virtuale come medium, entrambi i boss si sono dimostrati comprensibilmente eccitati ma vaghi sulla strategia da seguire. A Ryan hanno domandato se il visore PSVR possa diventare una piattaforma stand-alone e se ci potrà essere una separazione con le console classiche.

"Guardandolo da un certo punto di vista è un sottoinsieme della PS4, giusto? Ma guardando da un'altra prospettiva il contenuto che viene sviluppato per PlayStation VR è fatto su misura per PlayStation VR, quindi in quest'ottica è una piattaforma a parte. È un po' entrambe le cose. La direzione che prenderà in futuro è una supposizione per chiunque.

"Le possibilità però sono genuinamente eccitanti, perché quando si fanno questi passi verso il cambiamento dal punto di vista delle tecnologie, le persone che creano intrattenimento possono spesso dare vita a qualcosa di completamente diverso, che non è mai stato fatto prima, e c'è la possibilità che con la VR succeda proprio questo."

Yoshida paragona PlayStation VR ad un altro importante punto di svolta per Sony e per l'intera industria, avvenuto più di venti anni fa: la creazione e il lancio della prima PlayStation.

"Ho concesso molte interviste per il ventesimo anniversario di PlayStation e ogni volta mi viene chiesto quale sia stato il momento più divertente in questi anni, io rispondo sempre il lancio della prima PlayStation. Quella è stata la prima volta in cui gli sviluppatori sono stati in grado di utilizzare la grafica 3D in tempo reale per i videogiochi e ancora non sapevano ciò che potevano creare al di là di titoli di guida o degli shooter. Molti giochi come Final Fantasy 7 o Tomb Raider sono usciti e gli sviluppatori si sono resi conto che potevano creare qualcosa di totalmente nuovo. Nuovi sviluppatori e creatori sono arrivati da altri campi, persone come Masaya Matsuura, dall'industria della musica, che ha creato PaRappa The Rapper e ha dato il via al genere dei giochi musicali. È stato divertente vedere così tanti creativi arrivare e iniziare a creare qualcosa che non mi aspettavo.

"Ora mi sento nello stesso modo con la VR. Tenendo conto anche delle esperienze non legate ai videogiochi che ogni mese sono una sorpresa, è difficile tenere traccia di tutti gli annunci di nuovi titoli. Come nelle ultime settimane, in cui tutti parlavano di Budget Cuts. Cos'è? [Ride] Ho guardato un video, sembra molto interessante e quelle persone sbucano dal nulla! La gente mi chiede quale sia la nostra killer app, io rispondo sempre che sbucherà dal nulla.

"Tutti sono eccitati ma il vero test lo avremo tra sei mesi. Un anno dopo il lancio di PlayStation VR, la cosa peggiore che possa accadere è che gli sviluppatori abbiano creato dei giochi fantastici con i propri soldi o con l'investimento di qualcuno, non siano riusciti a rientrare nella spesa e decidano di abbandonare la creazione di giochi VR. Sarò felice solo dopo sei mesi dal lancio.

Intervista a Shuhei Yoshida condotta da Rachel Weber. Intervista a Jim Ryan condotta da Dan Pearson

Vai ai commenti (2)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza