Vi avevamo parlato di 1666 solo pochi giorni fa dopo diversi mesi in cui l'IP era sparita dai radar del mondo videoludico.

1666 (conosciuto anche come 1666: Amsterdam) è un progetto di cui si hanno pochissime informazioni ma a quanto pare l'IP è tornata nelle mani del proprio creatore, Patrice Désilets, in seguito a un accordo raggiunto con Ubisoft. Désilets e la compagnia erano, infatti, coinvolti in una causa legale conseguente al licenziamento dell'ex producer di Assassin's Creed, un contenzioso che si conclude con il ritorno di 1666 nelle mani del suo creatore.

L'IP era costata alla compagnia francese ben $2,5 milioni (era in mano a THQ ed era stata ottenuta dopo un'asta) e si tratta, quindi, di una "perdita" non da poco per Ubisoft. Désilets ha intanto annunciato che per il momento non lavorerà direttamente su 1666 ma continuerà a sviluppare il precedentemente annunciato Ancestors: The Humanking Odyssey.

Fonte: Venture Beat

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

Ubisoft registra un nuovo marchio dedicato a 1666

Il progetto di Patrice Desilets è ancora vivo?

Désilets: 1666 sarebbe stato "il nuovo Assassin's Creed"

Ma con meccaniche totalmente differenti.

Désilets spezza una lancia in favore della "vecchia" Xbox One

"Il futuro è digitale", secondo l'ex Ubisoft.

Désilets sta "combattendo" per riavere 1666: Amsterdam

La battaglia legale contro Ubisoft è appena iniziata.