Call of Duty: Black Ops 3 aiuta i veterani di guerra con un card pack

Continua l'iniziativa di Call of Duty Endowment.

1

Call of Duty è uno dei franchise più importanti del panorama videoludico, una vera e propria gallina dalle uova d'oro per Activision ma anche il mezzo giusto per proporre iniziative benefiche indubbiamente molto importanti.

È così che il CEO della compagnia, Bobby Kotick, ha fondato Call of Duty Endowment nel 2009, un ente no profit che si pone l'obiettivo di aiutare i veterani di guerra a trovare la miglior posizione lavorativa possibile. Questa iniziativa sarà ulteriormente aiutata dal C.O.D.E. Valor Calling Car Set.

Si tratta di un pacchetto di calling card animate che sarà venduto al prezzo di di 4$ e i cui proventi andranno completamente nelle casse di Call of Duty Endowment.

"Finora la community di Call of Duty ha contribuito al nostro sforzo di aiutare i veterani con più di $1 milione," ha raccontato l'executive director dell'associazione, Dan Goldenberg. "Grazie a questo aiuto dei giocatori saremo in grado di trovare lavori di alta qualità per più di 1800 veterani. Solo attraverso questa campagna, la community riuscirà a dare lavoro a un'intera brigata."

Un'iniziativa sicuramente lodevole che con i prossimi capitoli del franchise è destinata ad ampliarsi ulteriormente.

Fonte: VentureBeat

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Ratchet & Clank: Rift Apart per PS5 gira bene anche con il peggiore degli SSD compatibili

Digital Foundry analizza le opzioni SSD disponibili per PS5 usando Ratchet & Clank: Rift Apart

Death Stranding Director's Cut per PS5: in UK l'upgrade next-gen costa solo £5

Il passaggio alla versione PS5 next-gen di Death Stranding avrà un costo minore nel Regno Unito.

Articoli correlati...

Raccomandato | Kena: Bridge of Spirits - recensione

Un viaggio che tocca il cuore e lo spirito.

Articolo | BioShock, Rapture, Columbia e...? La rivoluzione narrativa di Ken Levine e Ghost Story Games

“Sono stufo di lavorare 5 anni a un videogioco lineare che viene finito in un weekend”.

Lost in Random - recensione

Un mondo a sei facce con molto stile.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza