E3 2016: Final Fantasy XV - prova

Le ultime impressioni sull'atteso jRPG.

Los Angeles - Anche Final Fantasy XV è finito sotto la lente d'ingrandimento durante questi intensi giorni di E3 2016. L'ultima fatica di Square Enix era presente in forma giocabile con la medesima demo mostrata alla conferenza Microsoft, mentre era possibile apprendere dettagli succosi attraverso una speciale presentazione fatta dagli sviluppatori su un palco appositamente allestito per l'occasione.

Dobbiamo ammettere di non essere rimasti particolarmente impressionati dalla boss battle, ma è anche vero che si trattava di uno scontro particolare affrontato senza avere un'idea chiara della situazione.

La telecamera era confusionaria e spesso le azioni compiute da Noctis non combaciavano con i comandi impartiti attraverso il joypad. Se poi consideriamo che il gioco ha crashato a metà combattimento (può succedere, con le demo su piattaforme sotto stress continuo come quelle presenti alle fiere), capirete anche voi il motivo del nostro disappunto.

1
Le boss battle sono difficili da apprezzare senza il giusto contesto, ma si preannunciano memorabili.

Le nostre impressioni sono cambiate drasticamente durante la piacevole presentazione portata avanti dagli sviluppatori. In quella sede sono state date molte informazioni utili per capire meglio cosa aspettarsi dal prossimo capitolo di Final Fantasy.

Con Final Fantasy XV i programmatori volevano creare un'avventura che fosse in tutto e per tutto nelle mani del giocatore. Non è un caso, infatti, se la storia inizi con Noctis e i suoi compagni di viaggio intenti a spingere la macchina rimasta a secco.

Non ci sono introduzioni pompose o lunghe spiegazioni sull'ambientazione, ma si parte da una situazione piuttosto banale che fa entrare immediatamente nello spirito di ciò che riserva il gioco.

Final Fantasy XV ruoterà attorno al piacere del viaggio, alla voglia di esplorare luoghi sempre nuovi e di perdersi senza preoccupazioni. Quando calerà la sera si cercherà un buon punto dove piantare la tenda per godersi i siparietti tra i protagonisti (indispensabili per conoscere meglio i personaggi e tanti dettagli sul mondo di gioco).

Non è un caso se tra i membri del gruppo ci sarà anche qualcuno appassionato di fotografie, dettaglio che offrirà la scusa perfetta per immortalare scene divertenti, selfie improbabili, o dettagli dei meravigliosi scenari presenti nel gioco.

Il viaggio in macchina lungo la strada potrà sembrare lento e a tratti tedioso, ma si tratta di una scelta fatta per permettere a tutti di apprezzare i bellissimi paesaggi e un mondo tutto da esplorare a ogni ora del giorno e della notte.

Durante gli spostamenti ci si potrà fermare presso locali e ristoranti, non solo per mettere qualcosa sotto i denti ma anche (soprattutto) per ottenere preziose informazioni sui mostri e sulle creature nelle zone circostanti.

Dopo una prima parte ambientata in una zona desertica, la demo si è spostata nella magnifica città di Altissia, costruita sull'acqua e apertamente ispirata a Venezia, con tanto di gondole!

Altissia è una città con una vastissima estensione verticale e caratterizzata da molta attenzione ai dettagli, tanto che è perfino possibile imbattersi in artisti di strada che disegnano i ritratti dei personaggi. Alcune parti della città, poi, sono accessibili solo attraverso la gondola. A quanto pare c'è anche un enorme Colosseo, ma gli sviluppatori hanno preferito evitarlo per parlarne in futuro.

Il sistema di combattimento di Final Fantasy XV è molto facile da padroneggiare. Si prende il controller, senza alcun tutorial, e si può fare subito più o meno tutto in modo molto fluido. La sperimentazione paga, e giocando si imparano nuove combo e nuove tecniche da sfruttare a proprio vantaggio. Questa accessibilità, tuttavia, non è sinonimo di button mashing.

Premendo sempre lo stesso tasto di attacco si è poco efficaci, e si passa troppo tempo sullo stesso nemico. Per riuscire al meglio è importante imparare a sfruttare combo che anche con la stessa arma possono cambiare lo stile di combattimento. A tutto questo, ovviamente, si affianca il teletrasporto di Noctis.

Si possono anche far compiere ai compagni azioni specifiche per creare combo devastanti e sfruttare i punti deboli dei vari nemici. Anche la magia è parte integrante del gioco. Il sistema chiamato Magic Synthesis permette di creare i propri incantesimi usando gli elementi e perfino gli oggetti. Un incantesimo fatto con la magia del fuoco e una pozione, per esempio, causerà danni da fuoco curando al tempo stesso il personaggio che lo lancerà.

Nella parte finale della presentazione gli sviluppatori hanno affrontato due mini-boss: Bloodhorn e MA-X Cuiass. Il primo era un grosso rinoceronte con due corni, contro cui l'abilità warp era perfetta per evitare le cariche e andargli rapidamente alle spalle. L'altro boss era un enorme mech in grado di reagire prontamente a molte delle tecniche base del gruppo, dettaglio che costringeva alla ricerca di approcci creativi.

La notizia più interessante venuta fuori dalla demo, tuttavia, è la presenza di una modalità di gestione dei combattimenti chiamata "wait", attivabile in qualsiasi momento dal menu delle opzioni.

Con la modalità wait il sistema di combattimento si avvicina a quello dei jRPG più tradizionali, visto che basta non toccare alcun tasto del joypad per bloccare l'azione e prendersi tutto il tempo necessario per selezionare il prossimo bersaglio e la tecnica con cui attaccarlo.

2
Nonostante la dimostrazione sia iniziata con dei combattimenti, esplorazione e viaggi avranno un ruolo fondamentale nel gioco.

Si tratta di un'opzione molto interessante che farà felici tutti coloro che hanno storto il naso di fronte alla svolta action presa dalla serie, e che permetterà anche ai giocatori meno abili di mirare con calma i punti deboli dei nemici (come i corni del Bloodhorn, che possono essere spezzati).

L'uscita di Final Fantasy XV è fissata per il 30 settembre 2016, e ci è stato garantito che non ci saranno altri ritardi. Non ci resta che aspettare con pazienza che i programmatori mettano a punto gli ultimi dettagli, goderci l'estate, e prepararci a vivere un'avventura che si preannuncia memorabile.

Vai ai commenti (12)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGamescom 2019: Trials of Mana - prova

Certi eroi sembrano proprio non voler andare in pensione

ArticoloGamescom 2077: Cyberpunk 2077, così si costruisce Night City - intervista

Kendal Husband, level designer di CD Projekt, ci racconta come si creano i mondi di gioco.

Monster Hunter World Iceborne: sarà presente anche lo Zinogre?

Due tracce registrate nel database del JASRAC sembrerebbero confermare il ritorno di uno dei mostri preferiti dai fan della serie.

Dragon Quest XI S: grazie a una simpatica opzione gli NPC diranno delle bugie

Una trovata bizzarra che aggiungerà del pepe all'avventura del Lucente.

Articoli correlati...

Commenti (12)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza