Valve contro i siti di scommesse che sfruttano Steam

La compagnia risponde allo scandalo di Counter-Strike: Global Offensive.

1

Vi abbiamo parlato dei diversi casi legati a Counter-Strike e in particolare a dei siti di scommesse che permettevano di ottenere delle skin del gioco da poi rivendere per cercare un "guadagno facile".

Valve non era ancora intervenuta sulla questione ma a quanto pare la compagnia ha deciso di rivelare la propria posizione attraverso una dichiarazione ufficiale di Erik Johnson. Ecco quanto riportato da VG247.com.

"Ci teniamo a chiarire che non abbiamo alcuna relazione d'affari con nessuno di questi siti. Non abbiamo mai ricevuto delle entrate da loro e Steam non ha un sistema per trasformare oggetti in-game in denaro reale. Sfruttare le API OpenID per portare avanti un business basato sulle scommesse non è permesso e inizieremo ad inviare delle notifiche a questi siti chiedendo che cessino ogni operazione effettuata attraverso Steam e se necessario continueremo a perseguire queste attività."

Valve ha, quindi, parlato e rivelato la propria posizione: non è affatto contenta della presenza di questi siti di scommesse ed è pronta ad agire.

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darÓ ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza