PS Vita violata: un hack permette di far girare software homebrew - articolo

L'exploit basato su browser gira sul più recente firmware 3.60.

Il sistema di sicurezza di PlayStation Vita è rimasto intatto fin dal lancio della console, avvenuto nel 2011. C'è stata una serie di exploit per PSP, e circa un anno fa anche uno per Vita basato su un vecchio firmware che richiedeva il collegamento dell'unità a un PC. Ora, il gruppo di hacker Team Molecule ha diffuso un nuovo exploit che sblocca completamente l'hardware Vita e rende possibile farvi girare software homebrew.

L'exploit, chiamato HENkaku, è semplicissimo da installare: basta avere il firmware 3.60 e visitare un sito web allestito appositamente. Il codice rimuove i file di sistema di Vita e permette agli utenti di accedervi tramite FTP. A questo punto, i pacchetti homebrew possono essere trasferiti e fatti girare sull'unità.

L'exploit funziona anche su PlayStation TV/Vita TV. L'accesso al file system permette di mettere in whitelist tutti i titoli come in precedenza, e sbloccare quindi quelli bizzarramente inaccessibili. Altre applicazioni permettono di creare app homebrew che overclockano degli elementi di Vita a un livello inaccessibile agli sviluppatori.

VITA1
Al momento sono disponibili vari emulatori, insieme a una conversione di Doom (la versione classsica). L'emulatore SNES sembra far girare tutti i titoli, con l'eccezione di quelli SuperFX, a piena velocità.

Al momentonon c'è molto software homebrew in circolazione, se non una versione Vita di Doom e una serie di emulatori, ma è prevedibile che dopo l'arrivo di HENKaku la situazione cambierà rapidamente. Qualsiasi exploit di questo tipo apre le porte alla pirateria, e anche se non vi sono misure anti-DRM nel pacchetto, Team Molecule ritiene che i videogiochi piratati potrebbero materializzarsi.

"L'exploit non permette di installare né far girare "backup", warez o qualsiasi contenuto piratato", ha dichiarato lo sviluppatore, Yifan Lu. "Non disabilita le funzioni di DRM né permette di decrittare i giochi. A me non interessa la pirateria. Non giudico chi utilizza prodotti piratati. Non sarò io a combattere i pirati, ma non programmerò nessuno strumento che li aiuti. È una mia scelta, proprio come quella dei pirati di rubare dei contenuti".

Vai ai commenti (6)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

Digital FoundryBorderlands 3: che succede con il frame rate su console? - analisi comparativa

Abbiamo testato le prestazioni e le diverse risoluzioni su Xbox One X e PS4 Pro.

FIFA 20 Ultimate Team (FUT 20) Web App disponibile: come accedere e sbloccare il mercato

AGGIORNAMENTO DEL 23 SETTEMBRE: Nuovo premio di accesso e metodi per guadagnare crediti.

Metal Wolf Chaos XD - recensione

Abbiamo dovuto aspettare 15 anni: ne è valsa la pena?

Articoli correlati...

Commenti (6)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza