Nvidia Titan X Pascal - recensione

Potenza assoluta?

Con AMD concentrata altrove nel mercato delle schede video, Nvidia con la sua GeForce GTX 1080 ha stabilito una solida leadership nel mercato delle GPU top-end, offrendo uno strepitoso livello di prestazioni ad un consistente prezzo premium. La nuova Titan X Pascal alza ulteriormente l'asticella, visto che offre prestazioni ancora maggiori ad un prezzo chiaramente ancora più alto. La conclusione è semplice: la nuova Titan X garantisce un livello di performance eccezionale, ma viene venduta ad un prezzo doppio rispetto a quello della GTX 1080, per un vantaggio di frame-rate del 30-33%.

Potremmo avere da ridire sul valore della linea Titan, ma sarebbe inutile. Nvidia è un'azienda e, così come Intel coi processori Extreme Edition, non continuerebbe a produrre la linea Titan se avesse difficoltà a venderla. Ed inoltre la Titan ha ormai il ruolo di anteprima della linea mainstream che verrà dopo. C'era un tempo in cui la Titan X con tecnologia Maxwell era similmente inaccessibile con il suo prezzo di lancio di $999. Ma dopo arrivò la GTX 980 Ti, che era in grado di sostenere frame-rate quasi identici a due terzi del prezzo della Titan X. E adesso, lo stesso livello di prestazioni è ottenibile a soli $380 con la GTX 1070, che in più garantisce un risparmio energetico di circa 100W.

Quindi, la Titan X Pascal vede Nvidia ripetere la sua strategia in termini di produzione dei suoi grandi chip. Per molti versi, la nuova Titan è essenzialmente una versione ingigantita della GTX 1080, che aggiunge il 50% in ogni ambito dell'architettura core. Per esempio, la banda di memoria cresce da 320GB/s a 480GB/s, con l'interfaccia di memoria che si espande da 256 a 384 bit. La quantità di memoria passa da 8GB a 12GB di GDDR5X. Incremento anche nelle ROPs, che passano da 64 a 96. Tuttavia, i core CUDA e le unità texture della Titan X non aumentano della stessa percentuale. Infatti gli shader passano da 2560 a 3584, mentre le unità texture da 160 a 224. Adesso è stato confermato che il GP102 completamente sbloccato conta 3840 shader nel die da 12 miliardi di transistor - 256 core CUDA sono disabilitati per avere chip più gestibili nella dalla linea di produzione.

Quindi, a livello di shading, c'è circa un 25% in più di potenza computazionale qui, una combinazione del 40% d'incremento dei core CUDA e di un decremento della frequenza di boost - il clock di boost della Titan X Pascal è di soli 1531MHz contro i 1733MHz della GTX 1080. Nell'eseguire i nostri test, la nostra preoccupazione era di non raggiungere quel livello di prestazioni che ci saremmo aspettati da una Titan, e che ci sarebbero stati molti compromessi, forse troppi.

Rich presenta una video recensione della Titan X Pascal, delineando il suo salto generazionale nei confronti dei colossi dell'era precedente, il potenziale di overclock, e la sua curiosa relazione con l'ex regina, la GTX 1080.

Un aspetto nel quale la scheda non sorprende è quello fisico. La nuova Titan X Pascal eredita dalla GTX 1080 Founders Edition la forma poligonale e la soluzione di dissipazione termica, applicandole la finitura nera distintiva della Titan X Maxwell. Le interfacce I/O sono pure identiche: tre DisplayPort, una porta HDMI 2.0 ed un'uscita dual-link DVI. Il TDP è di 250W TDP, e sono quindi presenti due connettori di alimentazione: uno a 8-pin ed uno a 6-pin. Naturalmente, ci sono anche due connettori per le configurazioni SLI.

La Nvidia GTX 1080 diventa parecchio calda anche senza overclock, quindi la dissipazione termica della Titan X era il secondo dei nostri maggiori dubbi. Quanto scalderà questo colosso da 12 miliardi di transistor? E il calore impatterà nella potenzialità di overclock? Abbiamo anche voluto constatare se Nvidia fosse riuscita nuovamente a garantire una buona scalabilità a tutte le risoluzioni. Alcuni ritengono che utilizzare una GTX 1080 o questa nuova Titan X per giocare a 1080p sia un immenso spreco di risorse della GPU, ma a costoro rispondiamo che esistono tanti giocatori muniti di monitor ad alto refresh rate che ancora non riescono a fare girare i propri giochi a 120Hz fissi.

Proprio per questi motivi, inizieremo I nostri test partendo dalla risoluzione full HD. La nostra suite di test è pensata per mettere la velocità prima di tutto. Nella maggior parte dei casi imposteremo i dettagli a ultra, ma super-sampling e multi-sampling anti-aliasing saranno disabilitati, in favore delle migliori soluzioni di post-processing disponibili (il più delle volte il SMAA). I risultati sono affascinanti, e suggeriscono che forse, finalmente, Nvidia è riuscita a produrre un hardware che vada oltre le capacità del software.

Il 1080p è l'area in cui la Titan X Pascal è meno valida. Il vantaggio prestazionale nei confronti della GTX 1080 è minore di quanto preventivato, nonostante la scheda si comporti bene contro la Titan X Maxwell e, specialmente, contro la R9 Fury X.

1920x1080 (1080p) Titan X Pascal GTX 1080 GTX 1070 Titan X Maxwell R9 Fury X
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 119.2 98.1 79.1 75.0 61.9
Ashes of the Singularity, Extreme, 0x MSAA, DX12 87.6 75.0 57.0 59.8 70.0
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 153.9 128.3 107.0 105.9 99.9
The Division, Ultra, SMAA 117.9 92.8 78.3 73.9 67.7
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 132.2 105.6 88.8 81.8 75.3
Hitman, Ultra, SMAA, DX12 136.8 115.8 92.5 84.4 93.7
Rise of the Tomb Raider, Very High, High Textures, SMAA, DX12 167.2 133.5 105.0 100.1 81.2
The Witcher 3, Ultra, Post AA, No HairWorks 137.6 114.0 94.2 86.6 78.2

I minori vantaggi nei confronti della GTX 1080 si ottengono nei due titoli DX12 - 16,8% in Ashes of the Singularity e 18,1% in Hitman. Crysis 3 fa segnare un margine di miglioramento del 20%, ma la più grande sorpresa è Assassin's Creed Unity con il 21,5%. Normalmente, questo gioco assorbe tutta la capacità computazionale degli shader ed il bandwidth di ogni GPU (ed è la ragione per cui lo manteniamo nella nostra line-up di benchmark), e la differenza con la Titan X Maxwell è addirittura del 30,8%. The Division scala ad un massimo del 28,2% contro la GTX 1080, seguito da Rise of the Tomb Raider con un +25,2%.

La differenza prestazionale con l'AMD R9 Fury X varia da un +25% in Ashes of the Singularity ad uno straordinario +105,9% in Tomb Raider. Probabilmente questo scenario ci offre una preview delle sfide che AMD deve affrontare. I suoi driver non sono infatti abbastanza validi, e fanno arrancare un hardware eccellente a risoluzioni relativamente basse. Se confrontato con il suo predecessore Maxwell, Titan X Pascal ottiene un vantaggio che va da un minimo del 45,3% in Ashes of the Singularity fino a un massimo del 67% in Tomb Raider. Il vantaggio prestazionale medio di tutti I titoli si attesta ad un +55%.

E quindi, dove sta il collo di bottiglia? Date uno sguardo a Far Cry Primal e Crysis 3, e vedrete i "punti di throttle' - evidenti solo se studiate le prestazioni all'interno del contesto. Crysis 3 potrà andare il 20% più lento mediamente, ma non è un delta costante. Crederete che la Titan X dà la polvere alla Gtx 1080 ma, occasionalmente, i frame calano vistosamente nelle scene piene di dettagli. Ovviamente, non è colpa dell'hardware, ma semplicemente della CPU che non riesce a inviare sufficientemente i dati da elaborare alla GPU. E questa è solo una situazione, ricordandovi che stiamo facendo girare la Titan X Pascal in abbinamento ad un Core i7 6700K overclockato a 4,6GHz. La nuova regina delle GPU di Nvidia offrirà un vantaggio prestazionale a risoluzione full HD, ma i colli di bottiglia non consentono un'esperienza di gioco consistente. Per questo motivo, dobbiamo spingerci su con la risoluzione, in modo di mostrare le piene potenzialità di questa GPU.

La Titan X ama le risoluzioni alte. Per il nostro budget, 2560x1440 o la sua variante ultrawide 3840x1440, sono i migliori punti d'ingresso per utilizzare questa scheda.

2560x1440 (1440p) Titan X Pascal GTX 1080 GTX 1070 Titan X Maxwell R9 Fury X
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 79.4 64.0 51.0 48.8 40.8
Ashes of the Singularity, Extreme, 0x MSAA, DX12 83.7 64.3 56.8 51.6 62.0
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 102.8 83.0 65.8 65.4 65.6
The Division, Ultra, SMAA 84.8 67.1 55.4 54.2 52.8
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 96.3 75.8 61.9 57.1 58.1
Hitman, Ultra, SMAA, DX12 102.4 86.1 67.4 61.5 73.6
Rise of the Tomb Raider, Very High, High Textures, SMAA, DX12 109.4 87.7 68.5 67.4 59.1
The Witcher 3, Ultra, Post AA, No HairWorks 108.3 83.7 67.0 62.1 60.1

Spostandoci alla risoluzione 2560x1440, anche detta qHD, la nuova Titan X mostra molta più consistenza nel vantaggio prestazionale con il suo predecessore. Solo due titoli, Crysis 3 e The Division, fanno riscontrare incrementi minori del 60% (57,2% e 56.5% rispettivamente). In tutti gli altri, siamo su e di molto. The Witcher 3, in particolare, mostra un eccezionale incremento del 74,4%. Il gap si amplia solo se andiamo a confrontare la Fury X, dove The Witcher 3 e Rise of the Tomb Raider sono più veloci dell'80,2% e dell'85,1% rispettivamente, e AC Unity vede la nuova Titan andare più veloce di un impressionante +94,6%. La Titan X è anche più rapida della scheda AMD anche nei suoi territori preferiti, Ashes of the Singularity e Hitman, anche se il vantaggio si riduce ad un +35% e +39,1 rispettivamente.

Tuttavia, anche se nel confronto con la scorsa generazione i risultati sono eccellenti, la GTX 1080 offre una buona resistenza alla forza bruta della Titan X Pascal. Solamente con Ashes of the Singularity e The Witcher 3 si ottiene un vantaggio di frame-rate uguale o superiore al 30% che ci aspetteremmo da un grande chip di Nvidia. Nei restanti 8 titoli provati, il vantaggio medio oscilla tra il 22% a ed il 25,6% a 1080p.

Nvidia ha svolto un ottimo lavoro con la GTX 1080, spingendo al massimo nel debutto con l'architettura Pascal a 16nm. Tenendo a mente la scalabilità della banda di memoria offerta dalla Titan X Pascal, dovremmo riscontrare un più alto aumento prestazionale spingendoci oltre con la risoluzione. Il 4K rappresenta un incremento di 2,25 volte i pixel rispetto al 1440p, quindi dovrebbe essere lo scenario più attendibile per avere il massimo da questa scheda negli ambiti degli schermi consumer.

La Titan X Pascal mostra I più grandi boost nei confronti di tutte le altre grandi schede video a risoluzione 4K. La GTX 1080 si comporta molto bene a questa risoluzione - la nuova Titan può far mangiare la polvere in molti titoli.

3840x2160 (4K) Titan X Pascal GTX 1080 GTX 1070 Titan X Maxwell R9 Fury X
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 43.1 32.9 25.4 25.6 24.3
Ashes of the Singularity, Extreme, 0x MSAA, DX12 63.7 53.6 43.1 40.9 46.2
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 50.0 39.6 31.5 31.3 31.5
The Division, Ultra, SMAA 49.6 38.5 31.0 30.7 31.1
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 49.6 38.5 31.0 30.7 31.1
Hitman, Ultra, SMAA, DX12 54.7 42.4 33.5 33.5 34.3
Rise of the Tomb Raider, Very High, High Textures, SMAA, DX12 62.1 49.0 38.5 36.2 41.2
The Witcher 3, Ultra, Post AA, No HairWorks 63.2 47.5 37.3 34.0 36.4

La Titan X Pascal continua a dominare nei confronti delle star della scorsa generazione, in UHD, con un fantastico 65,6% di vantaggio medio nelle prestazioni rispetto alla Titan X Maxwell, ed un boost del 61,2% nei confronti della R9 Fury X. È interessante notare che a 4K la Fury X inizia a mostrare segni di cedimento nel benchmark DX12 di Hitman - ha tenuto bene a risoluzioni più basse, ma a 4K la Titan X Pascal è più veloce del 50,7%. È interessante anche il benchmark di The Witcher 3, che sembra amare la nuova scheda di Nvidia, con un 85,9% di vantaggio rispetto alla vecchia Titan.

La GTX 1080 continua a dire la sua comunque: la Titan X è più veloce, ma in tutti e 8 i titoli provati, il vantaggio medio è del 27,6%. La media è tuttavia abbassata da un inspiegabile risultato deludente in Ashes of the Singularity (in netto contrasto con il test a 1440p). In linea generale, sembra che la Titan X Pascal offra un boost del 27-30% rispetto alla GTX 1080 a risoluzione 4K, a seconda del titolo. E dovremmo aspettarci alcuni incrementi maggiori in titoli selezioni - The Witcher 3 vede infatti un incremento del 33%.

Un paio di settimane fa abbiamo realizzato un video 'let's play' 4K che mostrava I nostri tentativi di giocare a 4K con una GTX 1080 overclockata, con l'obiettivo dei 60fps fissi nei giochi moderni più pesanti. In generale, con dei netti compromessi, siamo riusciti a mantenere i 50-60fps in molti titoli, ottenendo un'esperienza di gioco superba, nel complesso. Abbiamo ripetuto questo test con la Titan X Pascal, ed il benchmark risultante dimostra che abbiamo ottenuto un netto vantaggio in termini di esperienza di gioco. The Witcher 3 ha mantenuto un frame-rate fisso a 60fps a settaggi "high" con la GTX 1080. La Titan X riesce a mantenere il frame-rate desiderato (seppur con saltuari cali) a settaggi "ultra", ed il risultato visivo è semplicemente stupendo.

Curiosi di vedere come le prestazioni della Titan X scalano con gli stessi giochi alle risoluzioni 1080p, 1440p e 4K? Anche noi lo eravamo, motivo per cui abbiamo imbastito quest'analisi.

Una delle nostre preoccupazioni maggiori risiedeva nel più ridotto clock di boost della Titan X rispetto alla GTX 1080 - un netto disavanzo di 200MHz, stando alle specifiche di Nvidia. Una frequenza di boost di 1,54GHz è comunque convincente, e la bella notizia è che la performance in-game è spesso più alta. Nelle situazioni in cui la GTX 1080 raggiunge I 1886MHz, la Titan X arriva a 100-120MHz in meno. Ma quanto oltre può andare il grande chip Pascal tramite l'overclock? Abbiamo trovato un muro intorno ai 2050MHz nei nostri test con I processori più piccoli. Ebbene, il chip GP102 della Titan X può essere spinto oltre la sua frequenza di boost, ma anche qui ci siamo trovati di fronte ad un muro, attorno ai 1950MHz.

Abbiamo ottenuto un overclock stabile aggiungendo 140MHz alla frequenza del core, mentre la frequenza della memoria è salita di un quantitativo impressionante, visto che gli artefatti si sono iniziati a presentare solo dopo aver aggiunto 750MHz, per cui ci siamo fermati ad un +700MHz. Bisogna però sottolineare che per raggiungere tali frequenze è necessario aumentare manualmente la velocità della ventola - sembra infatti che la frequenza vada in throttle una volta raggiunti gli 82-83 gradi Celsius. Per i nostri test abbiamo dunque aumentato la velocità della ventola al 65% (oltre questa soglia la ventola diventa fastidiosamente rumorosa), lanciato una sessione di test di 30 minuti con Crysis 3 per assicurare la stabilità (guardate sotto). Dopodiché, abbiamo lanciato la nostra carrellata di test.

Nel complesso, parliamo di un ulteriore incremento di prestazioni che va dall'11% al 16%, ma alcuni titoli hanno beneficiato di un vantaggio più ridotto, come Hitman, che ha fatto segnare un boost dell'8.3% nel frame-rate. Il picco di clock del core di 1950MHz cala bruscamente di 100-150MHz, suggerendo che il limite di temperatura viene raggiunto ugualmente - è quindi un peccato che solo Nvidia produca la Titan X (una GTX 1080 Ti basata sul GP102 con soluzioni di dissipazione third-party potrebbe quindi essere molto interessante). In ogni caso, l'efficienza energetica di Nivida continua ad impressionare. Spingendo la scheda ai suoi limiti, abbiamo misurato un picco di corrente assorbita dal nostro sistema di 434W, mentre a frequenze stock i consumi erano in pari con la Radeon R9 Fury X. Anche in overclock, i consumi erano quasi identici a quelli della Radeon R9 390 stock.

crysis
Questa scena di Crysis 3 è facilmente ripetibile e mette sotto un notevole sforzo la GPU - una situazione ottima per testare stabilità di overclock e potenza assorbita.
Titan X Pascal Titan X Pascal OC GTX 1080 GTX 1070 Titan X R9 Fury X R9 390
Potenza di picco assorbita dal Sistema 384W 434W 303W 263W 361W 385W 437W

Nvidia Titan X Pascal - il verdetto del Digital Foundry

Veloce che diventa ancora più veloce. In termini di salto generazionale, Nvidia è riuscita a fornire un miglioramento del 60% rispetto alla Titan X della scorsa generazione. C'è da dire, però, che il vantaggio di prestazioni rispetto alla GTX 1080 non è così netto, visto che Nvidia ha dato veramente il massimo con il chip GP104 della 1080. Nella maggior parte degli scenari di utilizzo tipici, la Titan X Pascal fornisce un'esperienza notevolmente più fluida e valida, a patto che non giochiate a risoluzione 1080p.

La risoluzione 4K è l'ambito in cui questo prodotto eccelle e, da un punto di vista personale, ho cercato di trovare una buona esperienza desktop in cui quegli extra pixel contino davvero. I monitor UHD da 23/27/28 pollici non rendono giustizia a tale risoluzione, la densità di pixel è veramente enorme. Ma provando la Titan X su una TV 40 pollici Samsung KU6400 utilizzata come schermo desktop, il risultato è stato epico, ed il 4K ha mostrato tutto il suo splendore. Questo è un aspetto che approfondiremo meglio in futuro, ma far girare The Witcher 3 su questa configurazione a dettagli ultra e 60Hz (con HairWorks disattivato però, naturalmente) offre un salto generazionale nei confronti dell'esperienza console che non può essere ignorato: frame-rate doppio, risoluzione quadrupla e impostazioni grafiche nettamente superiori. Notevole.

La Titan X Pascal è ovviamente molto costosa, e chiaramente rivolta ad un pubblico di nicchia che può permettersi di spendere il doppio dei soldi per un salto prestazionale del 30% - ma Nvidia ha costruito un mercato e non fa segreto ormai che dopo una Titan seguirà una Ti nel prossimo futuro, spesso dopo appena pochi mesi. Quindi, in tal senso, questa recensione funge come una sorta di anteprima dell'inevitabile GTX 1080 Ti, che magari è proprio dietro l'angolo. Basandoci su quanto visto con la GTX 980 Ti, potremmo vederla sul mercato assieme all'imminente Vega, la prossima GPU top-end di AMD. Ma, al momento, Vega ancora non c'è, ed Nvidia è la dominatrice assoluta del segmento top-end. Se volete potenza assoluta senza compromessi, preparatevi a pagare un prezzo più che alto.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (14)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

eFootball PES 2021 perde le licenze di Inter e Milan

La Serie A del gioco perde altri due club.

Test Drive Unlimited Solar Crown annunciato durante il Nacon Direct

Unirà la fisica moderna alla libertà di progresso e alla competizione.

Articoli correlati...

Commenti (14)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza