Dishonored 2 è uno dei titoli più attesi dei prossimi mesi, un gioco che dovrà migliorare un debutto che ha sorpreso critica e utenti per la qualità di un gameplay di altissimo livello.

Per migliorare ulteriormente una formula di gioco già rodata, Arkane Studios ha deciso di lavorare duramente su un progetto che si prospetta davvero imperdibile. Avremo a disposizione due protagonisti (Emily e Corvo) poteri diversi, altri condivisi e naturalmente un sistema di progressione e upgrade che, secondo quanto rivelato dal creative director Harvey Smith a Gamespot, sarà decisamente più complesso.

1
La schermata degli upgrade del primo Dishonored.

"In Dishonored prendevi un potere e normalmente c'erano degli upgrade. Solitamente erano: il potere funziona per più tempo, funziona leggermente meglio. Questa volta volevamo fare qualcosa di più interessante e quindi abbiamo preso dei poteri e abbiamo pensato a quanti upgrade potevamo creare. Abbiamo provato a non avere degli skill tre simmetrici, non ci interessava avere necessariamente tre upgrade per esempio. Ogni potere ha come upgrade tutte le idee che ci sono venute in mente.

"Branco Famelico di Corvo nel primo gioco aveva un upgrade che rendeva semplicemente più aggessivi i topi, uccidevano e divoravano i cadaveri più in fretta. Tutto lì, un potere, un upgrade. Ora puoi fare quello ma anche sfruttare un upgrade che ti permette di avere due branchi. Puoi attaccare gruppi diversi, avere branchi più ampi o fare in modo che ti seguano guando corri o usi certe abilità di spostamento come Blink. In questo modo avrai una sica di ratti che ti segue. Questo è un piccolo esempio del nuovo modo di approcciarsi agli upgrade che abbiamo utilizzato per Dishonored 2."

Cosa pensate di queste novità?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle