Intel Pentium G4560: la CPU economica definitiva? - recensione

Un i3 da gaming di fatto ma non di nome, e sarà vostro a circa €70. 

Eccoci di fronte a una riflessione. Comprate un Core i5 o un Core i7 come processore per giocare e vi accorgerete che la maggior parte delle risorse rimangono inutilizzate. La GPU è infatti il principale collo di bottiglia durante il gaming, e alcune volte lascia il vostro processore con un quantitativo eccezionale di overhead. Quindi la domanda è la seguente: si può spendere meno sulla CPU e ottenere ugualmente una grande esperienza di gioco? E nello specifico, che tipo di processore può tenere il passo della vostra scheda grafica, offrendo un grande convenienza? Rispondiamo a questa domanda con l'acquisto del Pentium G4560 (67 euro), che è una CPU davvero speciale. È senza dubbio il nuovo re delle CPU budget, e infatti da quando l'abbiamo comprato abbiamo visto i suoi prezzi addirittura calare.

La realtà dei fatti è che il vero entusiasmo per la nuova linea di processori Kaby Lake non lo proviamoper la sua fascia alta, bensì per quella budget. Fino ad adesso, i processori Pentium sono stati penalizzati dal fatto che possedevano solo due core, quando nel mondo reale tutti i giochi ne sfruttano ormai almeno quattro. Il Pentium G4560 è essenzialmente un piccolo i3 con velocità di clock inferiori ma con la presenza dell'hyper-threading. Come abbiamo visto nella nostra recensione del Core i3 7350K, il Pentium offre dal 75 all'80 percento delle prestazioni dell'i3, ma rispetto ad esso costa appena il 36 percento. Un i7 7700K è in molte occasioni il doppio più performante, ma costa anche cinque volte tanto.

E quindi come si comporta questo Pentium? Prima di tutto lanceremo alcuni benchmark di base. Ovviamente c'è una discrepanza tra i benchmark sintetici e le prestazioni gaming del mondo reale, ma per la cronaca ecco come il Pentium G4650 si rapporta a diversi processori Core che abbiano testato recentemente. La sua frequenza di clock di 3,5GHz lo pone in una situazione d'inferiorità rispetto ai suoi colleghi più costosi, ma ci sono altre castrazioni. Le istruzioni AVX2 sono disattivate, causando una grande disparità nei risultati dei benchmark tra il Pentium ed il Core i3 6100 dello scorso anno, che sulla carta offre appena 200MHz in più di frequenza di clock.

Questo risulta particolarmente evidente durante il test di encoding HEVC con Handbrake, dove il Pentium effettivamente è in difficoltà rispetto all'i3 6100 che offre un 40 percento di velocità In più. Ma la buona notizia è che le castrazioni eseguite sul G4560 non sembrano limitare affatto le prestazioni in gioco, ed i miglioramenti in tutti gli altri aspetti garantiti dalla piattaforma Kaby Lake vi portano praticamente ai livelli di frame-rate dell'i3 6100. Lo scorso anno abbiamo pagato 130€ l'i3 6100 e l'abbiamo proclamato il migliore processore budget sul mercato. Quest'anno, anche tenendo conto del rincaro dei componenti per via del Brexit, abbiamo lo stesso livello prestazionale per circa 50€ in meno, un grande affare.

Un'analisi in profondità del nuovo re delle CPU budget, con benchmark, comparative ed uno sguardo a quanto bene se la cavi a far girare i giochi.

Pentium G4560 Core i3 6100 Core i3 7350K Core i5 7600K Core i7 7700K Core i5 6500
XTU Benchmark 336 664 760 1244 1490 1055
Cinebench R15 Single-Core 145 156 184 173 187 144
Cinebench R15 Multi-Core 365 386 450 654 963 537
Handbrake 0.10.5 x264 5.11fps 5.70fps 6.37fps 9.6fps 13.10fps 8.12fps
Handbrake 0.10.5 x265/HEVC 1.92fps 2.70fps 2.82fps 4.84fps 6.20fps 4.06fps

Per mettere alla prova il Pentium G4560, abbiamo messo su un setup gaming orientato al risparmio. Le schede madri Z270 che avevamo precedentemente utilizzato per recensire i chip 'K' col moltiplicatore sbloccato sono state rimpiazzate da una più modesta scheda madre MSI B250 Mortar. Il chipset B250 non ha scorciatoie per l'overclock o trucchi simili, rendendo questa scelta più adatta a configurazioni volte al risparmio. Comunque, il chipset B250 è dotato di un'arma segreta: il supporto a DDR4 fino a 2400MHz, un passo avanti rispetto al limite di 2133MHz imposto sulle RAM da tutti i processor Skylake. Ci riserviamo ancora di confermarlo, ma anche le più economiche schede madri H110 possono supportare anche RAM a 2400MHz, ma serve un BIOS aggiornato.

Ma il punto è che a questo punto l'accesso a un'ampiezza di banda superiore è importante. Da un po' di tempo, le recensioni dei processori del Digital Foundry hanno portato alla luce la stretta correlazione tra prestazioni delle CPU nei giochi e velocità della memoria. I benefici derivanti dall'utilizzo di moduli più veloci sono ancor più palpabili con chip di fascia più bassa, quindi ogni aiuto per incrementare i frame-rate è solo benvenuto. E questo è venuto fuori nei benchmark, in cui il balzo da 2133MHz al nuovo standard di 2400MHz permette effettivamente al Pentium di colmare lo svantaggio di clock con il Core i3 6100. Su sei giochi dei sette che abbiamo provato, il G4560 con moduli DDR4 a 2400MHz eguaglia le prestazioni di un i3 6100 accoppiato a memorie più lente.

Mettendo questi benchmark in prospettiva, spieghiamo il nostro metodo di test. Visto che la GPU è il fattore limitante primario nel gaming, molti benchmark dei processori non evidenziano affatto le performance della CPU stessa. I frame-rate medi non sono dei validi strumenti comparativi, visto che differenze di frazioni di secondo suggerirebbero che non ci sia alcun limite da parte della CPU. Bypassiamo questo problema facendo girare tutti i titoli a 1080p e dettagli ultra utilizzando una Titan X Pascal overclockata. Questo scenario spinge CPU e banda di memoria ai propri massimi e ci permette di misurare le performance relative nella logica dei giochi e permette alla CPU di dedicarsi completamente alla GPU.

Il video completo dei benchmark FCAT per il Pentium G4560, messo a confronto con Core i3 6100 e AMD FX 6300.

1080p/Titan X Pascal OC Pentium G4560 Pentium G4560 Core i3 6100 Core i5 6500 Athlon X4 8600 FX 6300
Memory Frequency 2133MHz DDR4 2400MHz DDR4 2133MHz DDR4 2133MHz DDR4 2400MHz DDR3 1600MHz DDR3
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 77.4 81.8 81.9 98.9 56.3 70.9
Ashes of the Singularity, DX12, CPU Test 17.3 18.2 18.6 22.0 10.7 15.0
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 65.6 66.5 69.9 82.8 46.2 62.0
The Division, Ultra, SMAA 108.2 111.0 111.0 126.1 92.5 103.4
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 79.0 82.2 82.5 90.1 59.8 65.6
Rise of the Tomb Raider DX12, Very High, SMAA 50.5 53.8 53.8 69.7 35.6 47.8
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 61.0 64.5 64.1 76.2 41.2 59.2

La nostra prima tabella qui mostra la performance del Pentium accoppiato sia con le DDR4 a 2133MHz che con quelle a 2400MHz, ed i suoi risultati in confronto a una vasta selezione di processori che potreste considerare per una configurazione budget, tra cui il Core i3 6100 menzionato prima ed un quad-core i5 6500, una possibile scelta chi volesse estendere un po' il budget. Ad aggiungersi al trio Intel, c'è un duo di processori AMD: l'Athlon X4 860 e l'FX 6300. Entrambi sono validi perché possono essere overclockati, e l'Athlon è compatibile con le più veloci DDR3 che abbiamo provato (quelle a 2400MHz), mentre la nostra scheda AM3 ha limitato l'FX 6300 all'utilizzo di moduli a 1600MHz. Ed i risultati sono affascinanti.

Il Pentium si può trovare a prezzi relativamente vicini a quelli dell'Athlon, ed è più economico dell'FX 6300. Ma è più veloce di entrambe le alternative, non c'è partita. Il processore budget di Intel è nettamente di un altro livello. Comunque, l'era degli engine multi-core sta finalmente pagando i dividendi per l'ormai antica linea AMD FX. Titoli come Rise of the Tomb Raider e The Witcher 3 sono gestiti decisamente bene sul processore a sei core FX 6300, anche se giochi come Far Cry Primal, che risente molto della performance single-thread, girano molto peggio. Anche il benchmark CPU di Ashes of the Singularity è notevole: il Pentium e l'i3 sono lenti in confronto a un i5 o (specialmente) ad un i7, ma l'FX 6300 viene oscurato notevolmente, e l'Athlon presenta scatti frequenti

Nonostante non abbiamo benchmark completi da consultare, possiamo confermare anche che i problemi di stuttering del Pentium G3258 sono anche più evidenti di quelli dell'Athlon. Ritenuto come un processore vincente da alcuni, la mancanza del supporto all'hyper-threading combinata alla contenuta ampiezza di banda riduce considerevolmente le capacità gaming del G3258. Facciamola semplice: Il nuovo G4560 li spazza via tutti. Supporto ad hyper-threading e a memorie ad alto bandwidth lo rendono praticamente un i3 tranne che per il nome. È anche interessante notare che l'assenza delle istruzioni AVX2 non sembra rallentare il Pentium, e la cosa è interessante cisto che queste istruzioni sono presenti nei core della CPU Jaguar di Xbox One e PS4, quindi ci aspetteremmo il loro utilizzo nei titoli moderni.

Il Pentium contro il Core i3 7350K, l'i5 7600K e l'i7 7700K; tutti girano a frequenze stock accoppiati a moduli DDR4 a 2400MHz. L'idea è di mostrare il potenziale upgrade per una macchina di fascia bassa, oltre a fornire un'idea delle prestazioni in rapporto al costo della line-up Intel.

1080p/Titan X Pascal OC Pentium G4560 Core i3 7350K Core i5 7600K Core i7 7700K
Frequenza della memoria 2400MHz DDR4 2400MHz DDR4 2400MHz DDR4 2400MHz DDR4
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 81.8 93.7 113.0 129.3
Ashes of the Singularity, DX12, CPU Test 18.2 21.5 27.7 38.2
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 66.5 79.3 98.5 135.0
The Division, Ultra, SMAA 111.0 122.2 130.4 133.6
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 82.2 97.7 103.7 127.5
Rise of the Tomb Raider DX12, Very High, SMAA 53.8 63.3 85.7 114.9
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 64.5 78.9 92.4 125.7

E finalmente, abbiamo messo insieme una tabella comparativa che illustra l'espandibilità di un PC budget basato sul chipset B250. Che guadagno prestazionale c'è muovendosi su un chip più costoso che può rimpiazzare il G4560? Abbiamo confrontato il Pentium con le CPU Core i3 7350K, Core i5 7600K e Core i7 7700K impostate a frequenze stock e abbinate agli stessi moduli DDR4 a 2400MHz utilizzati con il G4560. In pratica, c'è un salto netto, con guadagni importanti muovendoci tra le varie opzioni Intel. Per il nostro budget, l'i5 rimane la scelta più valida per gestire titoli moderni con frame-rate alti, ma quello che è chiaro qui è che il guadagno prestazionali diminuisce nettamente quando invece la spesa cresce enormemente passando alle CPU più performanti. In termini di stretta convenienza in rapporto al costo delle CPU e alla loro resa nei giochi dal punti di vista dei frame-rate, il Pentium è un vero vincente.

È chiaro però che i benchmark sono una cosa, l'esperienza reale di gioco è tutt'altro. Trovare la giusta GPU da accoppiare al G4560 ha richiesto la stessa metodologia, ma abbiamo riscontrato buoni risultati utilizzando la GTX 1060. Pensandoci bene, abbinare una GPU da €260 a una CPU da €70 può sembrare assurdo, ma siamo riusciti a fare girare con nostra soddisfazione DOOM a dettagli ultra sotto Vulkan a 60fps bloccati. In modo simile, Infinite Warfare è girato splendidamente con tutti gli effetti al massimo tranne le ombre. Star Wars Battlefront? Anche nelle enormi mappe multiplayer, non è stato un problema mantenere I 1080p60 ad ultra. Comunque, un match di Battlefield 1 a 64 giocatori ha impegnato al 100 percento tutti e quattro i thread del Pentium, e sebbene le performance siano rimaste pressoché bloccate a 1080p60 a dettagli ultra, ci sono stati cali di frame evidenti nelle scene più pesanti.

I titoli console che girano a 60fps vanno molto ben sul Pentium, anche con una GPU potente. Comunque, quelli a 30fps richiedono delle modifiche: The Witcher 3 ha avuto bisogno di abbassare i dettagli ad high, ed anche così abbiamo sperimentato dei cali in alcune zone affollate delle città. E Crysis 3? È un disastro sul Pentium, visto che lascia la GTX 1060 notevolmente inutilizzata. Il miglior consiglio qui è di bloccare il limite di fps a 30 impostando il v-sync adattivo del pannello di controllo Nvidia, e scalare la risoluzione. Siamo riusciti a fare girare il gioco a dettagli alti e shading e ombre impostate su medio a 4K e 30fps cpn la GTX 1060! In alternativa, a 1440p30 con tutto a very high.

Intel Kaby Lake - Pentium G4560: il verdetto del Digital Foundry

Qui al Digital Foundry amiamo testare le più recenti e le migliori tecnologie gaming e con Skylake/Kaby Lake Intel è il (momentaneo) indiscusso re delle CPU. L'i7 6700K ed il 7700K sono capaci di sprigionare performance fenomenali, mentre gli i5 6600K e 7600K forniscono eccellenti risultati nel gaming a 60fps. Ma stavolta abbiamo voluto provare la linea budget: la sfida del trovare i giusti compromessi nelle impostazioni e personalizzare l'esperienza per giocare su sistemi meno performanti, offre un divertimento che spesso si salta con l'hardware più costoso, che essenzialmente fa tutto il lavoro al posto vostro. L'hardware PC mainstream ha raggiunto il punto in cui il gameplay a 1080p60 è possibile semplicemente impostando tutte le opzioni grafiche su high o su ultra. Questo è fantastico, certo, ma è comunque divertente personalizzare le impostazioni per spingere un setup budget ai suoi limiti.

E quando si tratta di kit più orientati verso la convenienza, si tratta solo di rapporto prezzo vs. prestazioni, ed il Pentium G4560 è semplicemente intoccabile sotto questo aspetto. Togliendo dall'equazione la GPU come fattore limitante primario durante il gaming, il Pentium offre la metà delle prestazioni di un i7 7700K stock al 20 percento del suo prezzo. E ovviamente, la differenza prestazionale tra i due processori sarà variabile a seconda della GPU che gli accoppierete. Quindi, preparando il vostro nuovo PC budget, è richiesto un certo grado di attenzione nella scelta della scheda grafica, ma la decisione della CPU è scontata. Dotatevi di kit di RAM DDR4, comprate una scheda madre in grado di far girare la RAM alla velocità certificata, e acquistate uno dei Pentium con Hyper-threading abilitato.

Certamente il G4560 non è l'unico Pentium dotato di quattro thread: il G4600 ed il G4620 offrono una maggiore frequenza, rispettivamente 3,6GHz e 3,7GHz, ma è un vantaggio che ha un costo extra. Basandoci sui nostri test qui con il G4560, ognuno di essi dovrebbe offrire ottime performance per i giocatori con un budget ristretto. Ma per come stanno le cose, il G4560 è il più economico processore Intel con hyper-threading disponibile, ed il suo valore è semplicemente fenomenale. Ma anche per quanto valido possa essere in rapporto al suo prezzo ridicolo, bisogna riconoscere i suoi limiti nei giochi: molti di noi preferiscono divertisi su PC perché è possibile rompere il muro dei 30fps dei titoli console, ed il gaming a 1080p60 rimane un'esperienza notevolmente allettante. I risultati con il G4560 sono variabili e nonostante la sua bontà come processore economico, consigliamo ugualmente un veloce i5 per mantenere i 60fps nei pesanti titoli moderni.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (16)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (16)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza