AMD potrebbe distruggere il mercato delle CPU da gioco? - articolo

Più core e più potenza a un prezzo parecchio allettante. 

Sono passati ben 11 anni da quando Intel rilasciò i suoi primi processori Core 2 Duo, ed una decade dal debutto degli epocali Core 2 Quad. Da allora è stato un periodo di completo dominio da parte di Intel, visto che le architetture di AMD hanno ripetutamente fallito nell'interrompere il monopolio di Intel nel mercato x86. Ma a breve Ryzen, la nuova architettura di processori del team rosso, sarà tra noi. Nuovi leak stanno arrivando giorno per giorno e ci dicono una cosa: il rapporto prezzo-prestazioni è straordinario.

Recentemente, abbiamo scritto un articolo sul futuro prossimo delle tecnologie delle CPU, e la prognosi non è stata molto ottimistica. Kaby Lake di Intel ha spinto le frequenze ai limiti del silicio, senza ridurre il processo produttivo, modificare l'architettura core o altro. I prodotti rimangono eccellenti dal punto di vista prestazionale ma le innovazioni sono stagnanti. Ci chiediamo in che modo Ryzen smuoverà le acque, tenendo a mente che l'unico processore che è apparso punta a confrontarsi con l'octa-core di Intel i7 6900K, una CPU da $1000. Sembrava ragionevole pensare che AMD volesse puntare alla fascia di mercato premium prima di muoversi verso quella mainstream, ma la realtà dei fatti è adesso chiara: Ryzen sarà una forza distruttiva con prezzi altamente aggressivi lungo tutta l'intera gamma. Multipli leak suggeriscono che i processori Ryzen top di gamma partiranno da $320, la stessa fascia di prezzo del Core i7 7700K.

Ma AMD non si ferma qui, visto che l'intera linea di processori è emersa dai leak, dal top-tier Ryzen 7 1800X, fino al modello entry level Ryzen 3 1100. La scelta dei nomi non è affatto casuale: la gamma è pensata per competere con i processori mainstream di Intel Core i3, i5 ed i7. In tutte le aree AMD offre più core, più thread e più potenza, partendo dall'assunto che le demo mostrate dal team rosso siano basati su test dell'utilizzo quotidiano. I benchmark leakati sono indubbiamente promettenti.

Partendo dalla fascia top, Ryzen 7 offre il doppio dei core e dei thread rispetto al Core i7 7700K, ma i prezzi sono invece in linea. La proposta economica di AMD, Ryzen 3, se la vedrà con i Core i3, offrendo una configurazione puramente quad-core, con prezzi che apparentemente partiranno da appena $129, se i leak risulteranno attendibili. Ma è la linea Ryzen 5 quella più interessante per i giocatori, visto che offre un mix di sei core/12 thread e quattro core/8 thread al costo di un Core i5. Questo è il terreno dei giocatori, e l'arrivo di CPU esa-core a un prezzo competitivo che possono competere con Intel è rilevante per le ragioni che spiegheremo a breve.

amd
CPU Core/Thread Base Clock Boost Clock XFR Clock Prezzo
Ryzen 7 1800X 8/16 3.6GHz 4.0GHz 4.0GHz+ $495
Ryzen 7 1700X 8/16 3.4GHz 3.8GHz 3.8GHz+ $389
Ryzen 7 1700 8/16 3.4GHz 3.8GHz 3.8GHz+ $319
Ryzen 5 1600X 6/12 3.3GHz 3.7GHz 3.7GHz+ $259
Ryzen 5 1500 6/12 3.3GHz 3.7GHz 3.7GHz+ $229
Ryzen 5 1400X 4/8 3.5GHz 3.9GHz 3.9GHz+ $199
Ryzen 5 1300 4/8 3.2GHz 3.5GHz - $175
Ryzen 3 1200X 4/4 3.4GHz 3.8GHz 3.8GHz+ $149
Ryzen 3 1100 4/4 3.2GHz 3.5GHz - $129

Dando un'occhiata ai leak, ci sono alcune interessanti statistiche da valutare. Per ogni processore abbiamo frequenze di base e Turbo clock (un auto-overclock disegnato per operare entro il TDP - Intel ha qualcosa di molto simile), più una variabile: l'XFR clock. L'idea di base dell'XFR è di posizionare sul processore una soluzione di raffreddamento custom che fornisca al processore più margine di auto-overclock. Ed è una caratteristica intrigante, visto che tutti i processori Ryzen sono overclockabili, AMD lo ha confermato; non ci sono chip K come per Intel, o soluzioni equivalenti, il che ci porta a chiederci che differenza ci sia tra i processori X e non-X. Nella tabella non è inclusa la linea di chip 'Pro', la cui natura non è al momento chiara, anche se è facile immaginare che si tratti di processori dotati di feature aziendali.

Quindi, almeno sulla carta, Ryzen sembra sensazionale nel rapporto prezzo vs prestazioni, e vari benchmark trafugati mostrano che l'architettura risulta competitiva nei confronti dei monumentali processori a otto core di Intel, come il Core i7 5960X con architettura Haswell ed il suo successore Core i7 6900K con architettura Broadwell. Questo ci porta a porci due domande: prima di tutto, come saranno le prestazioni nei giochi ed, in secondo luogo, come potrà una compagnia più piccola battere Intel così nettamente?

Per rispondere alla prima domanda sulle performance gaming, ci sono due variabili in gioco: l'IPC (instructions per clock) e la frequenza di clock. Avere una buona performance single-thread e una frequenza di clock alta tendono a essere fattori veramente importanti per il gaming, e ciò spiega perché il Core i7 6700K batta di poco sia l'esa-core i7 5820K che l'octa-core 5960X nella nostra analisi comparativa delle CPU gaming dello scorso anno. Due generazioni di miglioramenti all'IPC, abbinati a frequenze di clock più alte, hanno dato prova di portare più benefici rispetto all'aggiunta di core. Basandoci sui test di AMD, ancora da confermare al di fuori di un ambiente controllato, Ryzen ha una performance single-thread pari a quella della vecchia architettura Broadwell di Intel, e le frequenze di clock sono inferiori a quelle del nuovo i7 7700K.

La nostra analisi del Core i7 6700K contro le proposte a sei e otto core basate su architettura Haswell. Incredibilmente, il chip Skylake li batte entrambi in gran parte dei casi. Tenendo ciò a mente, nonostante un evidente deficit del rapporto core/thread nei confronti di Ryzen, ci aspettiamo che sia il 6700K che il 7700K lottino ad armi pari con gli imminenti nuovi processori AMD.

Titan X OC (FPS Medi) i7 6700K/ 3000MHz DDR4 i7 6700K 4.6GHz/ 3000MHz DDR4 i7 5820K/ 3200MHz DDR4 i7 5820K 4.6GHz/ 3200MHz DDR4 i7 5960X/ 3200MHz DDR4 i7 5960X 4.4GHz/ 3200MHz DDR4
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 88.4 89.3 84.2 84.6 84.4 84.6
Crysis 3, Very High, SMAA 124.4 124.7 119.4 120.8 124.4 125.5
Grand Theft Auto 5, Ultra, no MSAA 89.4 92.7 79.0 86.7 81.9 90.3
Far Cry 4, Ultra, SMAA 120.4 125.9 92.0 104.5 84.8 95.4
Shadow of Mordor, Ultra, FXAA 141.0 142.9 139.6 139.5 139.9 139.9
The Witcher 3, Ultra, HairWorks Off, Custom AA 105.8 106.4 103.4 103.4 103.5 103.8

Si tratta solo di una supposizione per ora, certamente, ma se i chip Ryzen di fascia premium si comporteranno come un Intel octa-core come AMD suggerisce, ci sono chance che il Core i7 7700K rimanga la CPU gaming più veloce sul mercato, esclusivamente per via delle frequenze. Comunque, se guardiamo ai risultati nel complesso, la mancanza di variazione tra i chip a sei e otto core è eloquente, e la leadership del 6700K non è certo sensazionale. C'è veramente poca differenza prestazionale tra loro, e ciò potrebbe suggerire che questi Ryzen 5 da sei core/12 thread offriranno una convenienza eccezionale, in particolare se le frequenze di clock potranno essere spinte oltre i 4GHz. Kaby Lake può raggiungere facilmente i 4.8GHz tramite l'overcock, ma al momento non sappiamo che frequenze potrà raggiungere Ryzen. Essere veloci è certamente importante, ma offrire convenienza è il campo in cui AMD può fare la differenza qui.

Passando al secondo punto, Intel ha lesinato sul proporre avanzamenti tecnologici, sicura del fatto che non aveva concorrenza? È lecito affermare che la compagnia ha fatto leva sulla sua posizione di monopolio (in particolare sulle CPU di fascia entusiast a sei e otto core), ma sarebbe una negligenza da parte nostra non sottolineare una differenza chiave tra Ryzen ed i processori Intel mainstream: la presenza di una GPU integrata. Date un'occhiata a uno scatto di un die Intel e vedrete che la componente grafica occupa un'enorme quantità di spazio che fa anche levitare i costi di produzione, a prescindere che la usiate o no. Ryzen non ha GPU dedicate sul die, come potete vedere dall'immagine sottostante, e ciò implica che lo stesso spazio può essere utilizzato per ospitare più core e cache per la CPU.

Per i produttori di PC di fascia bassa non dedicati al gaming, Ryzen potrebbe non essere così conveniente, per via della necessità di aggiungere una scheda grafica discreta al sistema (a meno che non compaia una nuova linea di APU da AMD). Comunque, si profilano giorni felici per i giocatori: i chip grafici integrati sono usati raramente quando si assembla un sistema da gioco, rendendoli parti di silicone praticamente morte, quindi perché non concentrarsi invece sulla potenza della CPU? E non dimentichiamoci che anche se i giochi non sfruttano interamente tutti i core addizionali, non è detto che non saranno utilizzati affatto. Gli streamer spesso preferiscono la qualità del software di encoding video, e dedicando un paio di core in eccesso all'encoding h.264 senza impattare negativamente sulle prestazioni in-game potrebbe risultare estremamente utile. Oltre a ciò, il PC ha numerosi impieghi oltre al gaming, ed è difficile immaginare che Ryzen non possa essere decisamente allettante per i creatori di contenuti video, per esempio.

die
Il nostro primo sguardo al die di Ryzen: questa è la configurazione quad-core vista in Ryzen 3 ed in alcuni dei processori Ryzen 5. Guardate quanto spazio occupano sul die gli 8MB di cache L3.

Potenzialmente c'è molto di cui essere eccitati sul rapporto prezzo prestazioni di Ryzen, anche per chi intende assemblare un sistema da gaming economico. Nella fascia low-budget Il Pentium G4560 sembra ancora inattaccabile, ma assumendo che Ryzen possa competere con un processore Intel Broadwell processor, l'entry-level Ryzen 3 1100 dovrebbe offrire superbe prestazioni gaming in linea con un moderno i5, persino senza mettere in conto il potenziale di overclock del chip.

Ci sono anche altri fattori da considerare, come l'ormai nota capacità di AMD di fornire caratteristiche utili ai giocatori nelle schede madri entry-level. Abbiamo testato recentemente un Athlon X3 860K su una economica scheda FM2+ per la recensione del Pentium G4560. La performance della CPU non era esattamente eccezionale ma la scheda madre stessa permetteva facilità di overclock e supporto a RAM veloce, due elementi normalmente riservati a chipset più costosi su schede madri Intel. Speriamo vivamente di vedere questi aspetti anche sulla prossima generazione di piattaforme economiche AMD. Ovviamente, il limite delle precedenti piattaforme AMD è l'impossibilità di upgrade ma questa è una situazione che sarà un ricordo del passato con le nuove schede madri AM4, che dovrebbero permettere facilità di upgrade tra tutti i prodotti Ryzen ed anche tra le prossime APU.

Nuovi processori, nuova architettura, nuove piattaforme, supporto a DDR4: Ryzen catapulta potenzialmente AMD nella contesa del mercato x86 per il gaming PC e in altri ambiti. Partendo dall'assunto che le configurazioni ed i prezzi che abbiamo visto si rivelino corretti (e c'è una convergenza in tutti i leak emersi finora), Ryzen potrebbe avere un tremendo impatto sul prezzo di un valido PC gaming. Ed i giocatori che montano ancora i loro i5 2500K e 3570K, forse potrebbero essere finalmente convinti all'upgrade da questo potenziale boost nel rapporto prezzo-prestazioni.

Vai ai commenti (26)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGamescom 2019: Marvel's Avengers - prova

In occasione della Gamescom abbiamo potuto provare il titolo per la prima volta.

ArticoloGamescom 2019: Project x Cloud - prova

Abbiamo testato il servizio di cloud gaming di Microsoft!

ArticoloGamescom 2019: Final Fantasy VII Remake - prova

E se l'attesa del remake fosse essa stessa il remake?

ArticoloGamescom 2019: Dying Light 2 - anteprima

Uno dei progetti più interessanti della fiera!

Articoli correlati...

Commenti (26)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza