Kona - recensione

Un gelido intrigo...

Il genere degli action adventure sta vivendo recentemente una sorta di seconda giovinezza, grazie soprattutto al desiderio, diffuso in tutto il settore, di innovare e di mescolare gli stilemi di detto genere con quelli di altri pi¨ o meno adiacenti. Firewatch Ŕ l'esempio pi¨ semplice e immediato, ma su tutte le piattaforme i titoli che seguono questo canovaccio iniziano a essere parecchi. Kona si unisce a questa schiera e propone al giocatore un approccio che unisce alla narrazione elementi quale l'esplorazione, la soluzione di enigmi e, udite udite, anche il survival.

Il personaggio principale impersonato dal giocatore Ŕ un investigatore privato assunto da un magnate locale di una zona remota del Canada (climaticamente, diciamo, 'problematica'), per gestire una serie di problemi riguardanti la popolaritÓ di detto magnate. In parole povere: l'uomo d'affari in questione Ŕ coinvolto in alcune questioni poco chiare che ne mettono a repentaglio la vita e il business, e al giocatore tocca scoprire l'intrico di relazioni sottostante alle varie questioni e, in ultima analisi, cercare una soluzione. Per ovvie ragioni rimaniamo sul generico...

Il gameplay prevede quindi una grossa dose di esplorazione (probabilmente la maggior parte del tempo), alcuni enigmi, ricerca di oggetti, qualche combattimento e la gestione di tre indicatori di sopravvivenza (salute, calore e stress). In pratica, enigmi e sopravvivenza funzionano come aggiunte di gameplay alla pura esplorazione che, altrimenti, verrebbe velocemente a noia. Kona lascia al giocatore completa libertÓ su come gestire cronologicamente le indagini e si limita a offrire suggerimenti e note tramite la voce esterna del narratore (qualitativamente solo discreta).

kona1
L'utilizzo di veicoli aiuta il giocatore nell'esplorazione di una mappa di gioco che Ŕ decisamente molto ampia.

Purtroppo l'esplorazione in sÚ ha ben poco di nuovo e/o di interessante; si tratta di ricercare indizi su un'area decisamente vasta e di mettere insieme, cosý, i pezzi del puzzle costituito dagli eventi che si scoprono durante l'avventura. Rispetto a Firewatch manca completamente la parte emotiva di un rapporto umano, o comunque di una situazione che sappia coinvolgere a un livello profondo: si vaga semplicemente in un ambiente desolato alla ricerca di indizi.

Dove Kona cerca di innovare Ŕ soprattutto nella parte di sopravvivenza, ovvero dando al personaggio principale una profonditÓ nuova: in caso di situazioni in cui uno dei tre indicatori (li ricordiamo: calore, salute e stress) risulti deficitario, il giocatore si troverÓ a gestire momenti di difficoltÓ quali lentezza di movimenti o di riflessi, imprecisione e, eventualmente, anche problemi pi¨ gravi.

Risolvere questi problemi implica l'utilizzo di oggetti (per esempio alcol e sigarette per ridurre lo stress, o fal˛ improvvisati per generare calore) e/o il raggiungere certe locazioni: questa dinamica aumenta la sensazione di coinvolgimento e, in generale, la profonditÓ dell'esperienza e dell'atmosfera ma risulta ancora troppo limitata per assurgere a un ruolo superiore a quello di mero riempitivo.

kona5
L'utilizzo della torcia si rivela spesso fondamentale…anche se certe cose sarebbe meglio non vederle!

A proposito di atmosfera... Kona raggiunge l'obiettivo di costruire uno scenario credibile e un'atmosfera generale di mistero e pericolo incombente, anche se a tratti si pu˛ incorrere in una sensazione di vuoto e desolazione francamente eccessiva. I combattimenti aggiungono decisamente poco all'intera esperienza e sono limitati a un solo tipo di nemico (!), una scelta francamente bizzarra e comprensibile solo alla luce di eventuali problemi di budget. La meccanica dei combattimenti Ŕ anch'essa poco convincente e mal realizzata: le varie armi non solo sono prive di alcun realismo, ma falliscono anche nell'offrire un'azione anche solo vagamente divertente.

La storia regge in tutte le sue parti ma il finale lascia molto a desiderare, anche considerata l'assenza della possibilitÓ di continuare l'esplorazione una volta completato il gioco. La narrazione esterna, come detto, aiuta a costruire sia l'atmosfera che la trama, ma Ŕ decisamente troppo poco, soprattutto considerati gli standard attuali del genere. Qualche anno fa Kona sarebbe stato un titolo da uno o due punti in pi¨...

Graficamente ci sono luci e ombre. Le luci riguardano gli scenari, ben realizzati e molto evocativi. Peccato per˛ che vi siano seri problemi di stabilitÓ di framerate e che i caricamenti tra una zona e l'altra siano troppo frequenti, lunghi e privi di indicatori: semplicemente lo schermo si blocca e il giocatore deve aspettare qualche secondo... decisamente non l'ideale, soprattutto nel 2017 su una console di nuova generazione.

kona6
In alcune occasioni avrete accesso a dei flashback che spiegano gli avvenimenti che hanno avuto luogo in una locazione.

In definitiva Kona raggiunge la sufficienza grazie alla validitÓ generale dell'atmosfera e alla buona idea di portare le meccaniche di sopravvivenza nel genere degli action adventure. Sfortunatamente qui finiscono i suoi pregi e in tutti gli altri comparti il gioco lascia molto a desiderare, soprattutto considerati gli ottimi concorrenti recentemente arrivati sul mercato nel genere di riferimento.

6 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Davide Pessach

Davide Pessach

Redattore

Studia, scrive, videogioca da tanto, tanto tempo. Quando si annoia rimescola le carte e sposta le prioritÓ, ma i tre ingredienti principali rimangono quelli . Obiettivi? Solo due: curiositÓ e divertimento.

Contenuti correlati o recenti

Draugen - recensione

Un thriller immerso nella mitologia norrena e nei meandri della mente.

Alt Frequencies - recensione

Scovare fra le frequenze, per la veritÓ.

Devotion - recensione

L'horror imperdibile che forse non giocherete mai per colpa di un meme legato a Winnie the Pooh.

We. The Revolution - recensione

LibertÚ, egalitÚ, fraternitÚ e poca humiltÚ

The Occupation - recensione

Una immersive sim in miniatura travestita da thriller investigativo.

Articoli correlati...

RaccomandatoSea of Solitude - recensione

Un mare mai raggiunto da nessuna riva, un ponte da nessuna strada, un colore da nessuna luce.

Hellblade su Switch: quanto riesce ad avvicinarsi all'esperienza offerta da PS4? - analisi comparativa

Il porting ingegnoso di uno dei giochi pi¨ impegnativi mai realizzati con Unreal Engine 4.

Detroit Become Human ha "cambiato per sempre" David Cage

Ad affermarlo Ŕ lo stesso Cage tramite un post su Twitter.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza