Il creatore di XCOM torna alle origini con l'ambizioso Phoenix Point

Julian Gollop cerca fortuna su Fig.

Se il papā di XCOM decide di tornare alle origini e di lavorare su un nuovo strategico a turni l'interesse di tantissimi fan č inevitabile. Č arrivato il momento di parlare dell'ambizioso Phoenix Point.

Julian Gollop ha dato il via a una campagna crowdfunding su Fig per dare vita a questo ambizioso progetto che cerca di unire il passato di XCOM, i nuovi giochi di Firaxis e diverse novitā davvero molto interessanti e in grado, potenzialmente, di fare la differenza all'interno del genere.

Nel mondo di gioco delle misteriose creature sono letteralmente spuntate dalle profonditā della Terra e hanno sostanzialmente preso il controllo di ogni distesa d'acqua. Nel 2022 uno strano virus si č liberato dal permafrost in scioglimento, un virus totalmente sconosciuto che ha trasformato i mari in qualcosa di alieno abitato da un misterioso mutageno che si diffonde attraverso l'aria in una pericolosissima nebbia.

Nel 2057 la popolazione umana č stata decimata e si č divisa in fazioni. Qui nasce il progetto Phoenix che accoglie i migliori scienziati, ingegneri e soldati al fine di combattere questa misteriosa minaccia.

I punti in comune con i nuovi XCOM sono innegabili ma certe meccaniche non possono che attirare la nostra attenzione.

Tra le peculiaritā del titolo (che ha giā raccolto $379.000 rispetto a un obiettivo di $500.000) troviamo:

  • Evoluzione Nemica: se nel gioco ucciderete troppo spesso e troppo facilmente un'unitā, quest'ultima muterā per cercare di rendervi la vita pių difficile. Nel caso in cui la mutazione dovesse essere efficace la manterrā, altrimenti cambierā ulteriormente.
  • Fazioni: ci sono fazioni uniche che cambieranno notevolmente il nostro modo di giocare: riuscendo a stringere alleanze o distruggendo completamente tali fazioni si otterranno risorse e conoscenze uniche. Una fazione, per esempio, sperimenta con il DNA mutagene creando degli ibridi umani/alieni con abilitā uniche. Potremmo farlo anche noi alleandoci a questa fazione.
  • Boss: sono presenti delle creature pių grandi e potenti da affrontare. I punti deboli potrebbero essere situati in zone particolari e la posizione del team in questi scontri sarā fondamentale.
  • Behemoth: si tratta di creature gigantesche che spuntano sulla mappa di gioco e che se ignorate rischiano di essere molto dannose. Per affrontarle i soldati atterreranno letteralmente sul Behemoth e dovranno per esempio fare breccia nel suo carapace difendendosi da ondate di altri mostri.

Questi sono alcuni aspetti peculiari del progetto. Cosa ne pensate?

Vai ai commenti (9)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darā ragione.

Contenuti correlati o recenti

Frostpunk: l'espansione 'L'ultimo Autunno' č ora disponibile e si mostra in un trailer

Il nuovo scenario č un prequel degli eventi catastrofici del gioco.

Slay the Spire riceve il personaggio di The Watcher nel nuovo grande aggiornamento 2.0

L'update č disponibile ora su PC e arriverā presto su console.

Fire Emblem: Three Houses sta per ricevere la quarta casa attraverso il DLC Cindered Shadows

Il nuovo contenuto della storia č atteso per il prossimo mese.

Articoli correlati...

Iron Harvest: l'ispirato RTS dieselpunk torna a mostrarsi in un nuovo trailer

Il video presenta scene di gameplay, cutscene e gli obiettivi raggiunti quest'anno dal team di sviluppo.

Phoenix Point - recensione

Il futuro di X-Com, o il suo passato?

Gears Tactics ha una data di uscita e sembra XCOM che incontra Gears of War

Microsoft pubblica un nuovo trailer in occasione dei TGA 2019.

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza