Ecco come CD Projekt RED ha creato la città di Beauclair nell'espansione Blood and Wine di The Witcher 3

Mettetevi comodi: il video dura un'ora!

The Witcher 3: Wild Hunt è stato uno dei capolavori che ci ha regalato questa generazione videoludica, e la bontà del titolo principale si è replicata anche nella sua espansione Blood and Wine. Questo dimostra che i ragazzi di CD Projekt RED sono dei veri professionisti, che prendono il proprio lavoro con la massima serietà ed il massimo impegno.

Lo testimonia anche questo lungo video, che possiamo benissimo definire un documentario, che mostra l'approccio che hanno usato gli sviluppatori per creare la città di Beauclair, la maestosa e coloratissima roccaforte dell'espansione Blood and Wine. Nel video si menziona la difficoltà nel creare una città del genere, non solo perché profondamente diversa da quello che abbiamo visto nel gioco principale con Novigrad e le isole Skellige, ma anche perché CD Project RED voleva confezionare una città che fosse bella da esplorare per i giocatori.

La notizia è stata riportata da Gameranx. Se non siete ancora riusciti a mettere le mani su The Witcher 3, vi consigliamo vivamente di acquistare la Game of the Year edition, che comprende tutti i DLC usciti per il titolo; fidatevi di noi, non ve ne pentirete assolutamente!

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Marco Brigato

Marco Brigato

Redattore

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Contenuti correlati o recenti

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

Borderlands 3 è il più grande lancio in versione fisica del 2019 in UK

I dati sottolineano che l'edizione fisica ha venduto meno della metà di Borderlands 2 al lancio nel 2012.

The Witcher incontra gli anni '80 grazie ad un artista russo

Geralt come Jena Plissken in "1997: Fuga da New York".

In qualche modo anche Borderlands 3 ha la sua modalità battle royale

Una missione del gioco riprende alcune meccaniche della famosa modalità.

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza