Sam Lake: "Alan Wake 2? Microsoft voleva una nuova IP"

Il creative director di Remedy torna sull'argomento.

Alan Wake non è un titolo che ha ottenuto un successo immediato ma è uno di quei progetti singolari che ha guadagnato una non trascurabile schiera di fan solo con il tempo, trasformandosi progressivamente in un vero e proprio cult.

Chi spera in un sequel è ovviamente deluso e lo rimarrà per diverso tempo dato che il prossimo progetto del team non dovrebbe essere Alan Wake 2. Come sappiamo il gioco era in sviluppo ma uno dei motivi principali per cui non è mai stato realizzato è rappresentato dalla volontà stessa di Microsoft. A parlare della questione è il creative director di Remedy Entertainment, Sam Lake, protagonista di un'intervista concessa a Venture Beat.

Lake ha discusso del perché Quantum Break si e Alan Wake 2 no e di come la volontà di creare una serie TV legata al videogioco facesse parte dell'essenza stessa della prima Microsoft di questa generazione, una compagnia che poneva molta più enfasi sulla TV ma che progressivamente ha abbandonato questo aspetto della sua strategia.

1

"Dopo Alan Wake andammo da loro pensando a ciò che sarebbe potuto essere Alan Wake 2. A quel punto non erano interessati esattamente a quello. Volevano avere qualcosa di nuovo. Volevano in sostanza che creassimo una nuova IP per loro e ovviamente Quantum Break è di proprietà di Microsoft. Parte degli elementi di Alan Wake 2 fanno parte del gioco. Avevo già l'idea di avere una serie TV. Quella parte piacque molto e ci chiesero di mantenerla nel nuovo progetto che inizialmente si chiamava solo Quantum. Il fatto che fossero interessati all'aspetto live action e che avessi questa idea portò alla realizzazione dello show.

"Dato l'interesse che in quel momento avevano verso l'aspetto televisivo volevano che lo show fosse godibile anche separatamente, senza il videogioco. Quello era il loro punto iniziale e abbiamo avuto diverse discussioni in merito per un po' di tempo. Volevano che desse l'impressione di essere separato con personaggi diversi che non erano necessariamente presenti nel gioco. Anche se sarebbe stato tecnicamente legato al gioco e alla stessa location avrebbe avuto il proprio arco narrativo separato".

Niente Alan Wake 2 per una scelta di Microsoft quindi (e anche perché il progetto non venne sostenuto da nessuno). Cosa ne pensate?

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Batman Arkham Trilogy e i 3 LEGO Batman sono disponibili gratuitamente su Epic Games Store

Sei giochi dedicati al Cavaliere Oscuro gratis sullo store fino alla prossima settimana.

Ancestors: The Humankind Odyssey: pubblicato un nuovo video della serie Experiences

Il direttore creativo Patrice Désilets illustra alcuni degli aspetti più originali del gioco.

Nuovi dettagli per il multiplayer di Death Stranding: i giocatori potranno trasformare il terreno e costruire strade

Hideo Kojima svela nuove interessanti informazioni sulla componente multiplayer.

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza