Cosa spinge un giocatore semiprofessionista di PES a diventare il migliore - intervista

Dentro il mondo degli eSport.

Una delle cose che preferisco dell'essere un fan del calcio è il fatto che ormai la partita vera e propria non è più l'unica cosa di cui si sente parlare. La richiesta apparentemente insaziabile di una copertura news ventiquattr'ore su ventiquattro ha garantito ai giornalisti l'occasione per raccontare delle storie che vanno al di là dello sport nel senso stretto del termine.

Sono sempre stato affascinato, in particolare, dalle interviste faccia a faccia con un giocatore. La possibilità di scoprire qualcosa di più del gioco parlando con le persone che ne prendono parte mi ammalia, soprattutto quando le interviste sono così argute come quella realizzata da Sid Lowe a Luis Suarez nel 2012.

Mentre le interviste ai giocatori sono un pilastro del giornalismo calcistico, si tratta di un fenomeno che è ancora una rarità nel mondo degli eSports. Di conseguenza, dopo essere stato invitato da Konami alla finale della Pro Evolution Soccer (PES) League che si è tenuta a giugno nell'Emirates Stadium, mi sono preso la responsabilità di fare qualcosa al riguardo. Ho messo all'angolo uno dei sedici partecipanti, il ventisettenne Eldridge O'Niel aka Oneill, al fine di scoprire che cosa lo motiva. E posso tranquillamente affermare che ho imparato molto su ciò che significa cercare di creare una carriera in un'industria che è ancora lontana dal proprio apice.

Eldridge O'Niel potrà essere diventato un professionista degli eSports solo recentemente, ma ha alle spalle un lungo rapporto con i giochi di calcio di Konami.

"Gioco a PES da qualcosa come 20 anni, quando credo si chiamasse International Superstar Soccer sul Super Nintendo", mi spiega. "Giocavo con mio fratello. Non era qualcosa di realmente competitivo, era solo per divertimento". Le cose sono continuate in questo modo per la maggior parte dei vent'anni successivi. Per quanto giocasse alla maggior parte dei titoli della serie in questo periodo di tempo, questo ragazzo olandese non aveva alcuna idea del fatto che sarebbe diventato uno dei migliori giocatori al mondo.

Solo agli inizi del 2010, infatti, O'Niel si rese conto che avrebbe potuto fare qualcosa con le sue abilità a PES.

"Nel 2013 iniziai a giocare online e notai di essere piuttosto bravo (sono uno dei migliori in Olanda) e poi mi qualificai per le finali nazionali", mi spiega.

Nonostante fosse riuscito ad arrivare alle finali nazionali, tuttavia, O'Niel non era sicuro di voler partecipare.

"Il fatto è che non volevo andarci", spiega sorridendo piegandosi verso di me per spiegarmi tutti i dettagli. "Il giorno prima delle finali nazionali non ci volevo andare. C'era un mio amico che si era anche qualificato che continuava a dirmi che sarei dovuto andare perché ero davvero bravo e avrei potuto vincere ma io non ne ero sicuro".

"Poi giocai contro di lui e vinse una partita qualcosa come 7-0. Pensai che non potevo presentarmi, però dissi che avrei deciso se presentarmi o meno la mattina dopo, il giorno del torneo".

Quella decisione ha cambiato la vita di O'Niel. La sua prima incursione nel mondo competitivo di PES è terminata con una vittoria, con O'Niel che sconfisse l'allora tre volte campione olandese dando il via alla sua carriera come giocatore professionista di PES. Per una serie di ragioni, tuttavia, la carriera di O'Niel non spiccò immediatamente il volo dopo quella vittoria.

Prima di tutto ha avuto fortune alterne nei tornei successivi al 2013. Nel 2014 O'Niel non apprezzava quella particolare versione del gioco e decise di non partecipare alle competizioni (una cosa inimmaginabile da pensare per un calciatore professionista). Poi nel 2015 ebbe, secondo quanto afferma, "sfortuna nelle finali", prima di perdere contro quello che sarebbe diventato il campione del mondo di PES nel torneo del 2016. In ogni caso il 2017 aiutò ad aumentare notevolmente le speranze di O'Niel. Le performance nelle qualificazioni nazionali e regionali gli hanno dato l'impressione che quello fosse il "suo gioco" mentre intanto raggiungeva la finale della PES League dopo un secondo posto a un evento organizzato al Camp Nou.

È anche stato pesantemente incentivato da un'importante e piuttosto marcato aumento nella quantità di denaro che andava a costituire il montepremi della PES League.

Per fare un paragone, nel 2016 il primo premio consisteva in €15.000 mentre il secondo posto ottenuto ai regionali del febbraio 2017 è valso $10.000 con la possibilità di provare a ottenere fino a $200.000 nella finale. Questa quantità di denaro è e rimane un cambiamento potenzialmente molto notevole per i giocatori. Nonostante l'immagine tipicamente proposta dall'industria eSports, che propone dei giocatori professionisti, O'Niel è attualmente efficacemente descritto come un semiprofessionista.

Attualmente, al di fuori dei tornei di PES, ha un lavoro in una compagnia di servizi finanziari in quel di Amsterdam. "Delle persone vogliono dei prestiti", ci spiega. "Io devo controllare se siano o meno idonei a riceverli".

D'altro canto non si tratta di certo dell'unico giocatore che proviene da un background simile. L'austriaco Matthias Luttenberger è andato a Londra per vincere il titolo di PES ma se tutto fosse andato per il peggio sapeva che sarebbe potuto tornare al suo lavoro di tutti i giorni nel campo dei distributori automatici in cui lavora la sua famiglia.

Con Konami che ha aumentato il sostegno economico per i tornei, O'Niel afferma che il suo approccio nei confronti di PES è cambiato in maniera marcata.

"Il premio complessivo è semplicemente cambiato radicalmente da un momento all'altro. Lo scorso anno era di €15.000 e ora è di $200.000. Si tratta solo di un anno e nessuno si aspettava qualcosa del genere. Quando si seppe erano tutti stupiti e io iniziai a giocare un po' di più rispetto a quanto facessi abitualmente".

O'Niel ammette che attualmente il suo tempo con PES deve essere limitato. La sfida di gestire il suo lavoro, controllare una figlia ancora piccola e convincere sua moglie di non star battendo la fiacca giocando ai videogiochi limita il tempo da dedicare al titolo Konami.

Mentre i calciatori professionisti passano giorni, settimane, mesi e anni completamente immersi nello sport, O'Niel passa solamente un paio di ore al giorno sul gioco. Tutto ciò ha un inevitabilmente un impatto. Quando gli chiedo se si alleni o meno con degli obiettivi specifici in mente, per esempio reagire a certi moduli o imparare nuovi modi per approcciarsi a una partita, O'Niel ammette che non ha il tempo per queste cose.

"Attualmente non posso imparare nulla di nuovo nelle partite. Devo dedicare più tempo al mio stile di gioco o al cambiarlo. Non sto cercando di imparare cose nuove ma di giocare la mia partita".

In parte si tratta di un aspetto stilistico. Ho domandato a O'Niel come gli piace giocare. Ha affermato di essere felice sia facendo catenaccio che con la riaggressione (pressare non appena si perde il possesso del pallone) nello stile di Jurgen Klopp. Il che dimostra un ammirevole focus sulla flessibilità tattica tipica del calcio olandese. C'è anche la scelta consapevole di doversi concentrare su aspetti diversi del diventare un competitor di alto livello. O'Niel pone particolare enfasi sul fatto che si stava concentrando sul migliorare la propria forza mentale perché "se soccombi alla pressione è la fine anche se sei un giocatore fantastico".

Allo stesso tempo, tuttavia, è evidente il fatto che sia lui che gli altri giocatori vorrebbero passare più tempo sul gioco vero e proprio. Secondo i rappresentati di Konami la maggior parte dei giocatori passa solo alcune ore al giorno sul titolo. Si tratta sicuramente di più tempo rispetto ai giocatori casuali di PES e di una quantità sufficiente per guidare l'evoluzione del gioco competitivo.

1
La posta in gioco è davvero alta nei tornei di oggi.

Ma è certamente molto lontano da ciò che accade nel modo dello sport professionistico in cui allenamenti e competizioni costituiscono la maggior parte della vita quotidiana. In confronto a quello di un atleta professionista il tempo che O'Niel utilizza per allenarsi è davvero poca cosa.

Con premi così alti, d'altro canto, una vittoria in un torneo è ora un autentico percorso verso il professionismo. È una cosa importante per giocatori come O'Niel non solo perché gli permetterebbe di concentrarsi a tempo pieno su PES ma anche perché gli darebbe la possibilità di inseguire il sogno di essere il miglior giocatore al mondo. Per quanto possa sembrare un'affermazione pomposa e roboante, l'umiltà che O'Niel ha dimostrato nel corso della conversazione mi fa pensare che sia davvero un obiettivo che vorrebbe raggiungere.

"Voglio svolgere questa attività più per gli altri aspetti. I soldi sono l'ultima cosa per cui lo faccio. Voglio essere considerato il giocatore migliore che ci sia. Il mio obiettivo è essere ingaggiato da un club conosciuto in tutto il modo per poter essere riconosciuto dalla gente, per potermi godere ciò che sto facendo mettendoci tutto il mio cuore. Sono me stesso, mi piace esserlo. Sono estroverso e sembra che piaccia alle persone".

Mentre O'Niel mi ha detto che sta trattando per firmare con un team di eSports, quando gli ho chiesto qual è la squadra dei suoi sogni, quella per cui vorrebbe firmare, non ha esitato un secondo.

"Arsenal", afferma inequivocabilmente. "È la mia squadra preferita". Anche se attualmente non stanno facendo nulla nell'ambito eSports, O'Niel ha sostanzialmente annunciato la sua disponibilità. "Arsenal venite a prendermi immediatamente, io e la mia famiglia traslocheremo subito".

La possibilità che possa davvero accadere in futuro c'è. Lennart Bobzien, European PES League e Digital Manager, mi ha spiegato che Konami stava lavorando con dei club che stavano esaminando l'ambito eSports e che, in caso di interesse concreto, avrebbero potuto coinvolgere i giocatori della PES League.

Per quel che vale ingaggiare O'Niel non sarebbe poi una scelta così negativa per l'Arsenal. Ha raggiunto le semifinali del torneo ed è stato sfortunato a non raggiungere uno dei premi più importanti che gli avrebbe permesso di lasciarsi alle spalle il lavoro quotidiano.

Al di là dell'essere un grande competitore, O'Niel (così come altri giocatori) ha soprattutto il genuino desiderio di essere il migliore per se stesso e per i potenziali club.

Mentre i fan del mondo del calcio sono sempre più preoccupati da come le incredibili opportunità finanziarie trasformino giovani calciatori in mercenari affamati solo di denaro, i giocatori di PES come '0'Niel hanno uno spirito che credo possa essere paragonato a quello dei primi calciatori professionisti.

Vogliono essere i migliori, spinti dalla voglia di avere successo eppure ancora sorprendentemente umili. E per quanto possa sembrare una cosa da poco, l'innocente divertimento dei giocatori semiprofessionisti del mondo degli eSports è qualcosa che dovremmo goderci prima che questa industria esploda in tutto e per tutto nel corso dei prossimi dieci anni.

Vai ai commenti (0)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

George Osborn

George Osborn

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza