L'app Nintendo Switch Online era prevista inizialmente per questo venerdì, 21 luglio, ma a quanto pare la grande N ha scelto un lancio anticipato rispetto al primo gioco che la sfrutterà (Splatoon 2).

Come riportato da Polygon, l'app è ufficialmente disponibile in maniera gratuita sia su Google Play che su Apple Store. Attualmente l'applicazione non è ovviamente utilizzabile ma vi permetterà di effettuare il log in con il vostro account Nintendo per creare lobby private e sfruttare la chat vocale di Splatoon 2.

Con l'arrivo ufficiale dell'app dedicata, ricordiamo i dettagli dell'online della console Nintendo e in particolare del servizio in abbonamento, una novità assoluta per la grande N che viene introdotta proprio su Switch.

1

L'online sarà completamente gratuito fino al 2018 e non, come previsto inizialmente, fino a questo autunno. Dal 2018 si inizierà a pagare per il servizio, ma con quali prezzi? Nel mercato americano sarà possibile scegliere tre abbonamenti: il mensile a $3,99, il trimestrale a $7,99 e l'annuale a $19,99 (i prezzi in Italia potrebbero essere in linea con queste cifre anche se ulteriori dettagli verranno condivisi solo in concomitanza del lancio del servizio).

Cosa garantisce questo servizio a pagamento? La possibilità di giocare online, sconti per titoli dell'eShop ma anche l'accesso alla "Classic Game Selection". Quest'ultimo aspetto ha subito non pochi cambiamenti rispetto ai primi piani della grande N: i giocatori non avranno accesso a un solo gioco per un singolo mese ma a un catalogo di titoli a cui verranno aggiunte delle feature online.

Avete già scaricato l'app? Cosa pensate della necessità di sfruttare lo smartphone per la chat vocale?

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle