L'incredibile IA che ha sconfitto uno dei migliori giocatori di Dota 2

OpenAI è finanziata da Elon Musk.

Il lavoro sulle intelligenze artificiali sta facendo passi da gigante e anche i videogiochi possono avere un ruolo molto importante per questo sviluppo. A dimostrarlo un segmento a sorpresa degli International di Dota 2, un momento in cui uno dei migliori giocatori al mondo ha dovuto sfidare un avversario molto particolare.

Come riporta The Verge, Danylo "Dendi" Ishutin ha affrontato in un faccia a faccia un bot realizzato da OpenAI, una startup finanziata niente meno che da Elon Musk. L'IA è riuscita a sconfiggere Ishutin grazie a un apprendimento durato circa due settimane ma che a livello di contenuti equivale all'esperienza di un'intera vita. Naturalmente giocare uno contro uno in un MOBA è incredibilmente limitato ma lo stesso Ishutin si è detto molto colpito dalla qualità del proprio avversario.

Il giocatore professionista ha dichiarato di essere molto sorpreso dal fatto che un'IA possa sconfiggere un essere umano e ha sottolineato che il bot "dava l'impressione di essere umano ma anche di essere qualcosa di diverso".

Elon Musk, che ha fondato OpenAI come una società nonprofit per proteggere il mondo da un eventuale attacco di un'IA (tema di cui ha parlato in diverse occasioni), è ovviamente molto soddisfatto dal risultato e ha evidenziato il fatto che Dota 2 è un gioco molto più complesso degli scacchi o di Go, altri giochi con cui le IA erano solite confrontarsi.

Cosa pensate di questo notevole passo in avanti per le intelligenze artificiali e del bot della compagnia di Elon Musk?

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

L'Evo 2020 diventa un evento digitale a causa del Coronavirus

Cancellata la competizione che ora si svolgerà solo online.

ArticoloScoperti gli esport, si può tornare indietro? - editoriale

La pandemia non ha fermato l'industria videoludica. Soprattutto gli esport hanno rafforzato la loro posizione.

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza