Destiny 2, Bungie risponde alle critiche sugli shader usa e getta

Il creative director, Luke Smith, interviene sulla questione.

Tra le tante novità implementate nel nuovo Destiny 2, titolo del quale vi abbiamo fornito la nostra guida, alcune sono state molto gradite, altre invece hanno scatenato forti critiche da parte dei giocatori, è il caso degli shader "monouso".

In Destiny 2, come probabilmente saprete, è stato introdotto un nuovo sistema per gli shader, che vengono applicati individualmente sui singoli pezzi dell'armatura, invece che sul set intero. Questo significa che i giocatori dovranno cercare più shader per la personalizzazione, inoltre, una volta esauriti non potranno essere utilizzati, perciò si è parlato di "shader usa e getta".

Tutto ciò non è andato propriamente a genio ai giocatori, anche perchè questi shader sono uno degli oggetti trovabili negli Engrammi Luminosi, recentemente al centro di una polemica poiché acquistabili con denaro reale.

A chiarire la "questione shader", come segnalato dai colleghi di VG247, è intervenuto il creative director di Destiny 2, Luke Smith, con una serie di post su Twitter, dove viene spiegato, ad esempio, che gli shader si ottengono giocando e livellando o, che dal livello 20, verranno rilasciati più spesso:

E voi che ne pensate d questa vicenda?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza