Prima di arrivare al lancio ufficiale c'è inevitabilmente il periodo delle previsioni e delle analisi, quel momento in cui gli analisti più importanti del settore cercano di capire quale sarà l'impatto sul mercato di un certo prodotto. Quando si parla di Xbox One X non sono di certo mancati gli scettici ma c'è anche chi crede, nonostante tutto, che la console valga il prezzo a cui verrà venduta anche se non sarà di certo sufficiente per fare meglio di Sony.

In questo particolare gruppo sembra rientrare Lewis Ward, direttore delle ricerche della divisione Gaming e VR/AR di IDC. Come riportato da WccfTech, Ward è stato intervistato all'interno dell'ultimo numero di GamesTM e ha concesso le seguenti dichiarazioni riguardanti previsioni di vendita e prezzo:

1

"No Xbox One X non sarà di certo sufficiente per permettere a Microsoft di riagguantare Sony. Secondo le mie proiezioni verranno distribuiti circa 4 milioni di Xbox One X dal Q4 del 2017 alla fine del 2018 e nello stesso periodo verranno distribuiti 5 milioni di PS4 Pro. Per il modo in cui funzionano le distribuzioni globali ci sarà una sfida molto agguerrita negli Stati Uniti e nel Regno Unito".

Xbox One X peggio di PS4 Pro secondo Ward. Il problema è il prezzo? Secondo l'analista sicuramente non è un fattore da ignorare ma fare di più da questo punto di vista sarebbe stato molto complicato per il colosso di Redmond.

"Potrebbero essere in perdita sin dal lancio della console. Il nostro teardown mostra un prezzo retail di almeno $600. Sicuramente è costosa rispetto alle console tradizionali e si questo spingerà alcune persone a non acquistarla ma considerando le specifiche hardware penso che $500 sia un ottimo affare".

Cosa pensate delle parole di Ward? Vi sembrano previsioni credibili e condivisibili?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle