La lettera a cuore aperto di Zach Mumbach: l'ex Visceral Games dà l'addio allo studio

Le parole dell'ex producer che lavorava in Visceral da 17 anni.

Visceral Games non è stata una software house perfetta in questi anni (affermarlo sarebbe decisamente molto semplicistico) ma non si può negare il fatto che il team sia entrato nel cuore di parecchi giocatori grazie all'ottima saga di Dead Space.

La chiusura di un team che sembrava pronto a rialzarsi grazie a un ambizioso progetto ambientato nel mondo di Star Wars e sviluppato in collaborazione con un grande nome dell'industria come Amy Hennig (figura chiave del successo di Uncharted) ha comunque lasciato parecchi giocatori giustamente con l'amaro in bocca.

L'ormai ex producer di Visceral, Zach Mumbach, ha deciso di dare l'addio allo studio con una lettera a cuore aperto che non è assolutamente passata inosservata e che è stata riportata da VG247.it. Ecco il messaggio completo che tra l'altro è anche stato condiviso da Amy Hennig e da Ken Levine (ex Irrational Games e creatore di BioShock):

1
Zach Mumbach.

"Ho apprezzato tutto il supporto e le parole di incoraggiamento che sto ricevendo negli ultimi giorni, significa molto. Io e mia moglie abbiamo avuto il nostro secondo figlio domenica e Visceral è poi stata chiusa martedì quindi è ancora molto da sopportare attualmente. In un certo senso sto ancora vagando in giro frastornato da tutto ciò. Sono incredibilmente triste. Per la cancellazione di un gioco fantastico che stavamo realizzando, la chiusura dello studio in cui ho passato la gran parte della mia vita da adulto e le conoscenze che non avrò non lavorando più con le persone di questo team.

"Visceral ha significato molto per me. È l'unica casa che abbia mai conosciuto e non ci sono possibili giri di parole, questa cosa spezza il cuore. Sono estremamente fortunato e onorato per aver avuto l'opportunità di lavorare con le straordinariamente talentuose persone che hanno reso Visceral ciò che era. Grazie a tutte le persone che hanno supportato lo studio e giocato ai nostri titoli nel corso degli anni. Presto capirò cosa mi aspetta in futuro ma per ora ho intenzione di stare con il mio nuovo figlio, giocare a qualche videogioco e riflettere su ogni fantastico momento di questi ultimi 17 anni".

Un messaggio che sicuramente non passa inosservato, cosa ne pensate?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Overwatch 2 in uscita nel 2020: arrivano nuove conferme

Nuove indiscrezioni sulla data di uscita da un team della Overwatch League.

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza