EA rivede il sistema di progressione di Need for Speed Payback

Dopo il "caso" Star Wars Battlefront II ci sono cambiamenti.

Il "caso" Star Wars Battlefront II ha sicuramente mosso un'accesa discussione all'interno del mondo del gaming, giocatori e addetti ai lavori hanno detto la loro in proposito e, in seguito alla polemica, ecco che Electronic Arts rivede il sistema di progressione del suo Need for Speed Payback, a dimostrazione di come all'interno della compagnia si sia avviata una riflessione generale mirata alla "soddisfazione" dell'utenza.

Infatti, come segnalato da PCGamesN, EA ha modificato il sistema di ricompense e il bilanciamento di Need for Speed Payback: sono stati aumentati i punti reputazione e crediti che si ottengono con gli eventi e nei "bait crate", nelle gare avviate nei vari punti della mappa di Fortune City ed è stato introdotto un aumento dei punti anche in competizioni dove non si finisce al primo posto.

need_for_speed_payback_progression_microtransaction_changes

Che ne pensate di questa nuova politica adottata da EA per Need for Speed Payback?

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Assassin's Creed Valhalla avrà un sistema di progressione diverso per evitare il grinding selvaggio

Il creative director, Ashraf Ismail, promette una piccola rivoluzione.

The Last of Us: Parte II risplende nel fantastico approfondimento e video gameplay targato State of Play

Tra stealth, azione brutale e sopravvivenza. Un assaggio di un possibile capolavoro.

Ghost of Tsushima si ispira al primo splendido Red Dead Redemption

Sucker Punch ammette di aver preso spunto anche da Zelda: Breath of The Wild.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza