Bruce Straley e Neil Druckmann si sono affermati come i volti di Naughty Dog quando The Last of Us è stato lanciato nel 2013.

Come riporta Gamespot, Straley ha rivelato che il suo addio a Naughty Dog è stato dovuto allo stress e alla pressione per lo sviluppo di Uncharted 4. Si è trattato della prima volta, riferisce lo sviluppatore, che un progetto veniva sentito più come un obbligo per il team e l'azienda, piuttosto che un lavoro dovuto in primis alla passione.

the_last_of_us_1_1

"Credo vi sia una differenza tra il fare una cosa perché ti appassiona, mentre Uncharted 4 è diventato più qualcosa come "come faccio a fare questo per il team e per la compagnia?", ha riferito in un'intervista.

Per realizzare il gioco avevano a disposizione solo due anni contro i quattro di The Last of Us: "Avevamo bisogno di far uscire il gioco e avevamo bisogno che fosse qualcosa di buono, così da lasciare il segno", ha detto. "Ho capito che con il senno di poi ho mantenuto quel ruolo più per il team che per me personalmente ... Due anni per creare quella bestia, che poi è diventato il progetto più difficile [su cui io abbia mai lavorato]".

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.