Final Fantasy 12: The Zodiac Age è finalmente arrivato su PC, garantendo così la possibilità di far girare il gioco a 4K nativo e 60 fotogrammi al secondo. Con la PS4 Pro che invece opera a 1440p con un limite di 30fps (e la PS4 base limitata a 1080p30), questo upgrade ha il potenziale di fornire al momento la migliore versione del gioco, soddisfacendo completamente le aspettative che ruotano attorno a un remaster.

In maniera simile ai titoli di Final Fantasy X, le meccaniche di gioco, le animazioni ed altri componenti chiave erano disegnati originariamente per girare a 30fps e avevano bisogno quindi di essere rimaneggiati per permettere frame-rate superiori senza rompere l'equilibrio del gioco. Non è sempre un compito facile questo, ma lo sviluppatore Virtuos Games ha fatto perlopiù un buon lavoro da questo punto di vista. I 60fps funzionano bene in questa release PC e con minimi inconvenienti: le animazioni girano alla giusta velocità, il lip-sync sembra ben implementato, e le meccaniche di gioco sembrano esprimersi bene a frame-rate più alto.

Sotto questo aspetto si tratta di una grandiosa release. Giocare a 60fps aggiunge un ulteriore strato di rifinitura che nessun'altra versione precedente è stata mai in grado di fornire. Nonostante il gioco originale abbia 12 anni di età, visto che uscì originariamente su PlayStation 2, gli artwork vividi, il design iconico dei personaggi e le grandiose location rendono ancora molto bene con questo remaster. Ed il gameplay è piacevolmente migliorato dal frame-rate più alto. I controlli risultano reattivi come ci si aspetta, ma è la fluidità extra che trasforma davvero l'esperienza, aumentando il livello di rifinitura di un remaster già solido di un RPG classico di Square Enix.

Se avete abbastanza potenza GPU (sorprendentemente Final Fantasy 12 può risultare abbastanza avido di risorse), potete ottenere anche un'immagine 4K nativa. Ciò fornisce anche un bell'incremento di nitidezza e fedeltà, con dettagli più rifiniti sulle texture che si notano di più rispetto alle immagini a 1440p gestite da PS4 Pro. La differenza non è enorme per via dell'intensivo uso di depth of field e altri effetti post-processing, ma è certamente un upgrade più evidente rispetto a quello da PS4 standard a PS4 Pro.

Dave dà uno sguardo alla versione PC di Final Fantasy 12, e analizza i miglioramenti grafici e l'hardware necessario per far girare il gioco a 60fps a 1080p, 1440p e 4K.

Anche gli effetti hanno subito un ritocco, in particolare la qualità delle ombre e l'occlusione ambientale che ricevono un bell'upgrade. Le ombre a risoluzione maggiore appaiono più nitide e più definite, mentre l'occlusione ambientale è adesso riprodotta a piena risoluzione, cosa che consente una propagazione più ampia dei raggi e una migliore precisione. A onor del vero, è solo un piccolo upgrade, ed è la transizione dai 30fps ai 60fps a costituire la miglioria più grande di questa release PC.

Detto ciò, ci sono alcuni aspetti di questa conversione che non sono all'altezza e fanno perdere un pizzico in rifinitura extra rispetto alla versione console. In alcune scene il dettaglio è ridotto su PC, con alcune superfici in cui mancano texture e strati di bump mapping che invece sono presenti su PS4. Il fatto che questa stranezza non si verifichi sulle stesse superfici durante tutto il gioco fa pensare a un bug piuttosto che un tweak grafico voluto. L'esperienza è ulteriormente colpita dagli alti requisiti di sistema (specialmente per le GPU AMD) e da un menu di sistema che risulta evidentemente disegnato per PlayStation 2.

Il menu del setup risulta frustrante quando si cerca di ottimizzare la grafica per la propria configurazione hardware. Anche se si apre una piccola finestra di dialogo, prima di caricare il gioco, per modificare i parametri di base (come risoluzione, limite di fotogrammi e qualità grafica generale), il menu completo delle opzioni grafiche è accessibile solo tramite l'opzione New Game del menu principale. È possibile apportare cambiamenti alla grafica, dopodiché tornare al menu principale e caricare il salvataggio, ma è un metodo non proprio ideale. Il problema è proprio che non c'è modo di aggiustare le opzioni grafiche in tempo reale durante il gameplay, e questo rende l'ottimizzazione del gioco per il vostro sistema un processo molto lungo

PS2 1080p EmulationPlayStation 4PlayStation 4 ProPC
Il balzo al 4K nativo su PC fornisce nitidezza extra alle texture in tutto il gioco, assieme ad un aumento della nitidezza di personaggi e poligoni degli ambienti.
PS2 1080p EmulationPlayStation 4PlayStation 4 ProPC
La più alta risoluzione delle ombre su PC le rende più nette e definite. Le ombre di Vaan in questa scena appaiono modellate molto meglio.
PS2 1080p EmulationPlayStation 4PlayStation 4 ProPC
L'occlusione ambientale è renderizzata a risoluzione più alta su PC, con una copertura di raggi più ampia. Ciò porta ad aree della scena che ricevono ombre indirette ottenendo quindi un aspetto più pieno. Guardate attorno al braccio ed ai capelli di Vaan.
PS2 1080p EmulationPlayStation 4PlayStation 4 ProPC
Il lavoro di rimasterizzazione brilla sia su PS4 che su PC, anche se l'originale PS2 visualizzato a 1080p tiene ancora molto bene. Ovviamente, la mancanza di upgrade agli effetti e all'illuminazione implica una perdita di dettagli e di profondità nella presentazione originale.

Se potete passare oltre questi inconvenienti, l'esperienza di gioco è eccellente, sia che giochiate a 1080p, che a 1440p o in 4K. Ma la velocità di aggiornamento a 60fps è l'upgrade più importante e raggiungerla stabilmente è abbastanza difficile, richiedendo un tweak accurato delle impostazioni. Per esempio, nemmeno una Titan X Pascal o l'equivalente GTX 1080 Ti riescono a raggiungere i 60fps bloccati con il gioco maxato a 4K, e la RX Vega 64 si allontana ulteriormente dall'obiettivo prestazionale.

Questo è davvero scioccante, considerando che stiamo parlando di un remaster PS2 e non di una release current-gen che usa le più recenti tecnologie. C'è qualcosa che non sembra filare liscio da questo punto di vista: attivare alcuni effetti grafici ha un impatto molto pesante sulle prestazioni. In questo caso è l'occlusione ambientale che è responsabile di risultati così deludenti. Attivare l'occlusione ambientale a piena risoluzione è deleterio in Final Fantasy 12 se si vogliono mantenere i 60fps, e dovrete abbassare la risoluzione di questo parametro almeno alla metà per rinvigorire le performance. Ridurre il MSAA da 8x a 4x aiuta pure a guadagnare qualche fotogramma, e non inficia granché sulla qualità generale dell'immagine.

Dopo aver applicato queste modifiche è possibile ottenere un'esperienza in gran parte stabile a 60fps utilizzando una GPU del livello della GTX 1070 Ti/GTX 1080. Non si ottiene comunque un frame-rate bloccato, con alcuni cali qua e là, ma questo può essere ulteriormente affinato riducendo ancora il MSAA a 2x o disattivandolo completamente (è disponibile il normale AA), e abbassando la qualità delle ombre al valore medio. Questi tweak dovrebbero permettervi di giocare a 4K60 bloccati con la qualità grafica PS4. Sfortunatamente, ciò non è abbastanza invece per ottenere i 60fps rock solid con la RX Vega 64. Per avvicinarsi al target con la GPU AMD, dovrete disattivate completamente l'occlusione ambientale e ridurre la qualità grafica sotto gli standard di PS4.

PC_Settings
L'occlusione ambientale a piena risoluzione è il killer delle performance in Final Fantasy 12. Ridurla a metà risoluzione, impostare le ombre su medio, e disattivare il MSAA permetterà di raggiungere i 60fps a diverse risoluzioni.

Spostarci a 1440p permette a una GPU come la GTX 1060 di riprodurre i fotogrammi a 60fps bloccati, con le impostazioni qualitative della PS4 e sembra esserci sufficiente potenza in avanzo per impostare le ombre su alto e il MSAA a 4x senza perdere di vista il frame-rate target in gran parte delle scene. La scheda grafica equivalente di AMD, la RX 580, ha vita più difficile con queste impostazioni ed anche con l'occlusione ambientale disattivata non è possibile mantenere i 60fps a questa risoluzione; occorrerà quindi una RX Vega 56 per raggiungere l'obiettivo mantenendo il livello grafico PS4. Anche se per mantenere i 60fps in forma realmente stabile serve comunque una Vega 64.

Ottenere il 1080p60 è un'impresa più semplice. Ci siamo riusciti usando sia la GTX 1050 Ti che la RX 580 riscontrando solo piccoli cali, riuscendo comunque a mantenere le ombre su high e il MSAA a 4x. Si riesce a ottenere un frame-rate bloccato abbassando il MSAA a 2x e le ombre a medio, ottenendo così un livello qualitativo console a un frame-rate doppio. La cosa interessante è che il massimo frame-rate possibile in Final Fantasy 12 è proprio 60fps: anche disattivando il v-sync il tetto è sempre di 60fps, ottenendo solo come effetto collaterale il tearing dello schermo.

In definitiva, Final Fantasy 12 sembra avere dei requisiti estremamente alti per un remaster di un gioco PlayStation 2, e anche se i 1080p60 dovrebbe essere facilmente raggiungibili con i PC mainstream di oggi, raggiungere risoluzioni più alte richiede un bello sforzo di ottimizzazione da parte dell'utente, cosa fra l'altro resa complicata dall'astruso menu di sistema. Inoltre, le performance dell'hardware AMD (abbiamo testato il gioco su due sistemi differenti con gli ultimi driver) sembrano stranamente basse. Speriamo che questi problemi possano essere risolti con una patch futura, ma al momento considerate questa situazione se state valutando l'acquisto della versione PC del gioco.

Tutto sommato, anche se il menu delle impostazioni grafiche e le performance PC non siano proprio ideali, da tutti gli altri punti di vista questa conversione risulta eccellente. Non ci sono effetti collaterali giocando a 60fps, e il frame-rate più fluido rende l'esperienza di gioco migliore rispetto a quella offerta su PS4 standard e PS4 Pro. A parte le stranezze delle texture che riducono la loro qualità in alcune occasioni, la versione PC di Final Fantasy 12 è quella migliore disponibile sul mercato. Assicuratevi solamente di avere abbastanza potenza GPU per godervi il gioco al massimo.

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

Final Fantasy 12: The Zodiac Age e Dragon Ball Fighterz saranno protetti da Denuvo

I due giochi saranno protetti dalla manomissione digitale.

Gamescom 2018: l'ispirato open-world investigativo The Sinking City si mostra in un trailer e in un video gameplay

Il titolo di Bigben Interactive e Frogwares tra i protagonisti dell'evento di Colonia.

Guacamelee 2 - recensione

Spolverate la maschera da luchador.