Benvenuti al nuovo Eurogamer - articolo

Con oggi si aggiorna la grafica del sito, ma non solo. Ecco cosa cambia.

Sono passati così tanti anni dal lancio dell'ultima grafica di Eurogamer, che ricordare quando è avvenuto mi richiede un certo sforzo con la memoria. Parliamo infatti del 2011, un'era geologica fa in un mondo che corre alla velocità della luce quale il nostro. Eppure non era facile trovare qualcosa che funzionasse meglio dell'interfaccia cui ci siamo abituati in questi anni, e capace di proporvi sempre e in qualsiasi momento gli articoli per voi più interessanti.

Crediamo di esserci riusciti ora, con questo restyling che mantiene inalterato il DNA di Eurogamer, aggiornandolo però a quelli che sono gli standard grafici più attuali. Un restyling che, come avranno notato i più attenti di voi, comincia dal logo, riveduto e corretto, e che prosegue nel solco di alcuni criteri chiave. Ossia mantenere inalterato il senso d'identità che traspare dal sito, fornendo informazioni in modo più chiaro nella homepage e negli articoli. E aumentare la leggibilità offrendovi al contempo modi migliori di scoprire i contenuti che abbiamo da offrirvi.

Resta quindi immutata la struttura che vuole pubblicati nella colonna di destra tutti i contenuti, che siano news, anteprime o recensioni, e che invece vede a sinistra il blocco con gli articoli più popolari, ossia quelli che secondo un nostro algoritmo interno sono i più richiesti in quel momento. Le prime novità le si vedono invece scendendo subito sotto, quando s'incontrano i primi blocchi tematici, o la finestra sulla nostra produzione video (streaming inclusi) che ancora mancava.

Sono poi cambiate anche le pagine delle singole sezioni (Digital Foundry, news, recensioni, articoli, ecc.), insieme alle pagine suddivise per piattaforma quali PS4, Xbox One, PC e Switch. Ma è una volta entrati all'interno degli articoli che, mi auguro, troverete i cambiamenti più graditi, grazie a una grafica più leggibile, più ariosa, e a un sistema di commenti in stile Reddit che renderà più facile per voi seguire le discussioni. Sotto il profilo del design, in generale, il sito è ora più arioso e spazioso, e le informazioni sono disposte in modo più organico e leggibile.

Il Digital Foundry in particolare è stato oggetto di attenzioni, e presto vedrete articoli con al loro interno dei nuovi strumenti interattivi di analisi. A differenza della precedente versione di Eurogamer, poi, questa è stata progettata sin dall'inizio per offrire il meglio di sé sui dispositivi mobile, e siamo convinti di aver migliorato la fruibilità di Eurogamer sui vostri smartphone, che ora caricheranno le pagine sito ancora più velocemente.

Gli obiettivi: mantenere inalterato il senso d'identità, aumentare la leggibilità e offrire modi migliori di scoprire i contenuti del sito

Mi preme poi evidenziare che nel pensare al nuovo design abbiamo ragionato anche sui formati pubblicitari, ovviamente vitali per la nostra sussistenza eppure modificati nel posizionamento in modo da renderli meno invasivi per quanto possibile. Da ultimo, per migliorare la nostra sicurezza abbiamo adottato lo standard HTTPs.

Ci sono poi tante altre piccole novità nel nuovo Eurogamer, che però non troveranno spazio in questo articolo per due ragioni. La prima è che non voglio trasformare l'articolo in una patch note, la seconda è che preferisco che vi divertiate a curiosare per il sito, scoprendo da voi ciò che di nuovo ha da offrire.

Non si tratta del primo cambio di cambio di grafica cui vado incontro negli anni e per esperienza so che ogni volta che si tocca qualcosa alla quale vi siete abituati, ci sarà chi apprezzerà le novità e chi invece rimpiangerà l'impostazione precedente. A chi tra voi si sentisse più legato al passato, non posso che chiedere di darsi un po' di tempo per abituarsi, ma sono fiducioso che non ce ne vorrà molto.

Infine, spesse volte quando si cambia un sito accadono inconvenienti tecnici che la fase di testing interno non poteva prevedere. Mettere le mani avanti in questo caso è un obbligo scaramantico ma prima l'alpha e poi la beta della nuova grafica non ci hanno mai dato problemi, e mi auguro che non ce ne darà neppure la versione finale, una volta sottoposta alla prova del traffico quotidiano.

Come sempre, nei commenti qui sotto potrete comunicare le vostre impressioni e segnalare gli eventuali problemi che dovessero emergere. Buona lettura e buon divertimento!

Vai ai commenti (129)

Riguardo l'autore

Stefano Silvestri

Stefano Silvestri

Editor in Chief, EG.it

Il suo passato è costellato di tutto ciò che è stato giocabile negli ultimi 30 anni. Dal ’95 a oggi riesce a fare della sua passione un mestiere, non senza una grande ostinazione e un pizzico di incoscienza.

Contenuti correlati o recenti

Death Stranding - La Guida Completa

Trofei, segreti, consigli: tutto quello che c'è sapere per dominare Death Stranding.

Digital FoundryAbbiamo assemblato un PC 'next-gen' basato su Zen 2/Navi: quanto è più veloce delle console attuali? - articolo

Una configurazione sulla carta molto simile a quella delle console next-gen PS5 e Scarlett.

Alle 21:30 giochiamo a World of Warcraft ammirando una gilda di veterani

Una live da non perdere in compagnia di Wochinimen.

Articoli correlati...

Alle 21:30 giochiamo a World of Warcraft ammirando una gilda di veterani

Una live da non perdere in compagnia di Wochinimen.

AdBlock su YouTube potrebbe portare al ban permanente

La piattaforma cambia e da dicembre potrebbe arrivare la stangata.

Un nuovo documentario di Noclip ci offre uno sguardo a come l'ESRB valuta i giochi

Vediamo insieme l'interessante video realizzato da Danny O'Dwyer.

The Outer Worlds può essere terminato senza uccidere nessun nemico

Sì, a quanto pare è possibile finire il gioco di Obsidian con un approccio...pacifista!

Commenti (129)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza