Studenti e insegnanti insorgono: l'edizione mobile di Fortnite starebbe distruggendo le scuole

Con l'arrivo del titolo su smartphone e tablet, le classi scolastiche si sono trasfomate in sale giochi. 

Con l'arrivo di Fortnite su smartphone e tablet, il titolo di Epic Games al centro di un successo planetario è prevedibilmente arrivato anche nelle classi scolastiche, dove ragazzi di tutte le età si divertono a giocare a questo Battle Royale a discapito dei doveri di ogni studente. La situazione è rapidamente sfuggita di mano e insegnanti e altri studenti hanno preso le vie dei social per lamentarsi del fenomeno in rapida ascesa.

Kotaku ha voluto dedicare un articolo al problema raccogliendo numerose testimonianze, che provano come Fortnite sia ormai diventato una presenza fissa tra i banchi di scuola. Molti istituti sono arrivati a bandire il gioco e a vietare l'utilizzo degli smartphone nelle classi, e come possiamo vedere in un tweet alcuni docenti hanno realizzato specifici contenitori dove vengono accumulati i dispositivi dei ragazzi colti a giocare a Fortnite o a PUBG durante le lezioni.

"C'è stato un aumento del numero degli incidenti che hanno visto protagonisti studenti che camminavano per le classi giocando a Fortnite", ha riferito a Kotaku Nick Gutierrez, un insegnate di informatica. "Iniziano una partita durante il pranzo, o prima della scuola, e devono finire i match della durata di 10 o 15 minuti. Ho notato nelle mie classi tanti studenti che giocano insieme ai loro compagni facendo finta di studiare".

Fortnite_scuola_1
Fortnite_scuola_2
Fortnite_scuola_3

Stando invece a quanto afferma Nick Fisher, il docente responsabile della realizzazione della scatola per i sequestri che vediamo nel tweet, il rapido diffondersi di Fortnite è causato dal suo stretto legame con i social network. "Se coniughi il fatto che devi condividere ogni vittoria o condividere il fatto che i tuoi amici stiano perdendo, combini le due più grandi distrazioni che uno studente possa avere".

Altre testimonianze evidenziano come Fortnite occupi soprattutto il tempo libero degli studenti durante le giornate scolastiche, come le pause dedicate al pranzo e alla ricreazione. "Tutto quello che fanno è giocare, invece che socializzare", afferma l'insegnante Priscilla Cullen.

Insomma, una vera e propria tendenza che potrebbe influenzare i risultati scolastici di milioni di studenti. Voi che ne pensate del fenomeno?

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Gianluca Musso

Gianluca Musso

Redattore

Si è appassionato ai videogiochi grazie al capolavoro Monkey Island, oggi massacra NPC nei GDR Bethesda. Qualcosa dev'essere andato storto!

Contenuti correlati o recenti

In Death Stranding viaggeremo attraverso varie aree degli USA

L' appuntamento con la Gamescom ha svelato ulteriori dettagli sulla nuova opera di Kojima.

Death Stranding: secondo Geoff Keighley il pubblico non è ancora pronto per le funzionalità online del gioco

Il giornalista e produttore crede che gli elementi online siano stati sottovalutati.

Articoli correlati...

Control si mostra in uno spettacolare trailer di lancio

Pronti ad entrare in un mondo misterioso ed ostile?

ArticoloControl - prova

Remedy stupisce con un potenziale gioiello.

Death Stranding non compare più come esclusiva PS4 sul sito ufficiale di Sony

L'attesissimo gioco di Kojima arriverà su altre piattaforme?

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza