"Star Wars Battlefront II? Non era nostra intenzione creare una slot machine per spremere denaro dalle persone"

Le parole di Patrick Soderlund, vicepresidente esecutivo di EA.

"Per me è importante che i grandi publisher diano una mano nella realizzazione dei giochi indie. Quando possedevo la mia compagnia avevamo la stessa passione e convinzione che hanno parecchi piccoli sviluppatori di oggi e ho vissuto le stesse lotte e difficoltà. Proprio per questo posso dire una cosa: quando feci tutto questo venti anni fa penso che fosse più facile di quanto lo sia oggi. Gli sviluppatori di oggi si trovano in un mondo molto diverso e più difficile. Ho capito che potevo aiutare, che come compagnia dovremmo dare una mano. Credo che dovremmo essere in grado di permetterci di supportare la comunità di sviluppatori".

Il significato pare: se le compagnie più grandi non supporteranno gli sviluppatori indie allora chi lo farà? È con queste parole che si apre l'intervista concessa da Patrick Soderlund, vicepresidente esecutivo di EA, a The Guardian. Un'intervista che si è concentrata sull'impegno di EA nei confronti di progetti più contenuti come Fe ed A Way Out ma che non poteva di certo non tornare su una delle vicende più significative degli ultimi mesi: il caso Star Wars Battlefront II.

Come sappiamo il gioco si è ritrovato al centro di parecchie critiche per il sistema di progressione e la gestione di loot box e microtransazioni. EA e DICE hanno cercato di cambiare le cose ma il danno a livello di immagine (che tra l'altro tra molti giocatori non era già particolarmente positiva) è stato evidente. Soderlund spiega la posizione sulla vicenda Star Wars Battlefront II e le intenzioni di EA con queste parole:

1

"Penso che esattamente come succede per ogni forma creativa in cui gestisci un grande team (come film o videogiochi) devi renderti conto che non tutto ciò che fai avrà successo. Ogni sviluppatore sulla faccia della Terra può testimoniarlo. Quando le cose non vanno nel modo in cui pensavi sarebbero andate devi essere molto umile, avere un approccio onesto con te stesso e con il risultato e cercare di fare meglio la prossima volta. Questo è stato un esempio di un cambiamento che non ha funzionato.

"Non c'è modo per sfuggire dal fatto che abbiamo preso alcune decisioni che con il senno di poi penso che non avremmo dovuto prendere. Né gli sviluppatori né noi di EA avevamo l'intenzione di creare una slot machine o di spremere il denaro dalle persone anche se questa è stata la percezione".

Cosa pensate delle parole di Soderlund sulla questione giochi indie e sul caso Battlefront II?

Vai ai commenti (12)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (12)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza