Come avrete intuito anche dalla nostra recensione, God of War è stato accolto in maniera estremamente positiva dalla critica e in attesa del debutto del 20 aprile e dell'accoglienza del pubblico (con i dati di vendita che ovviamente saranno tutti da scoprire), possiamo sottolineare un traguardo davvero notevole raggiunto dall'esclusiva PS4.

Come evidenziato su Metacritic, l'aggregatore di voti più conosciuto in ambito videoludico, le avventure di Kratos all'interno della mitologia norrena riescono a superare la media voti dei precedenti capitoli della serie, anche dello storico (e omonimo) primo God of War

Ecco la valutazione media dei vari capitoli della serie secondo Metacritic:

  1. God of War (2018): 95
  2. God of War (2005): 94
  3. God of War II (2007): 93
  4. God of War III (2010): 92
  5. God of War: Chains of Olympus (2008): 91
  6. God of War Collection (2009): 91
  7. God of War: Ghost of Sparta (2010): 86
  8. God of War: Origins Collection (2011): 84
  9. God of War III Remastered (2015): 81
  10. God of War: Ascension (2013): 80
1

Come potete notare nel corso degli anni c'è stato un progressivo calo nelle valutazione dei God of War appartenenti alla serie principale fino ad arrivare all'ultimo gioco (al di là di collection e remaster), God of War: Ascension, che ha rappresentato il punto più basso del franchise. Molto probabilmente anche per questo motivo Sony, Santa Monica Studios e il director, Cory Barlog, hanno sentito il bisogno di un cambiamento importante e sotto alcuni aspetti radicale che si è tradotto nel nuovo stile di action di God of War e nel nuovissimo setting.

Cosa pensate del risultato raggiunto dall'ultima avventura di Kratos? Vi aspettavate un gioco in grado di superare la media voti del primissimo capitolo?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle