Halo 5, Sea of Thieves, la serie di Crackdown, i Forza Motorsport ma anche PlayerUnknown's Battlegrounds infrangerebbero dei brevetti presentati da Infernal Technologies e Terminal Reality. Proprio per questo motivo Microsoft si trova di fronte a una causa legale che potrebbe rivelarsi una magagna da non sottovalutare per il colosso ma anche risolversi, come spesso accade, in un nulla di fatto.

Microsoft Ŕ stata accusata di "violazione oltraggiosa e premeditata" di brevetti riguardanti metodi per gestire l'illuminazione e le ombre all'interno dei giochi. Terminal Reality nella causa legale afferma che durante lo sviluppo di progetti non certo indimenticabili (ma questa Ŕ un'altra storia) come Nocturne, Bloodrayne e The Walking Dead: Survival Instinct, avrebbe costruito e migliorato l'Infernal Engine poi concesso in licenza ad altri studi.

Terminal Reality afferma che il colosso di Redmond era assolutamente consapevole della natura dei brevetti violati sin dal 2005. Nel 2007, a quanto pare, un brevetto presentato da Microsoft fu rifiutato proprio a causa della rivelazione dei brevetti '488 e '822 di Terminal Reality.

1

Come riportato da Games Industry, ci sarebbero anche dei precedenti a vantaggio di Terminal Reality legati a un contenzioso con EA del 2016. Naturalmente non sappiamo come la causa legale andrÓ a svilupparsi nÚ se le accuse nei confronti di Microsoft verranno effettivamente confermate ma si tratta sicuramente di una potenziale brutta tegola per la compagnia.

Cosa pensate di questa vicenda?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darÓ ragione.