Red Dead Redemption 2: Rockstar ha scartato l'idea delle missioni procedurali

Non sarebbero state coerenti con un mondo di gioco costruito "completamente a mano".

Red Dead Redemption 2 vanterÓ un mondo di gioco vastissimo, che a detta degli sviluppatori riuscirÓ a coinvolgere il giocatore grazie alla totale assenza di confini tra missioni principali, secondarie e attivitÓ opzionali. Ogni incontro nasconderÓ diverse possibilitÓ, e in molti si sono chiesti se questo enorme numero di interazioni potesse nascere da approcci procedurali allo sviluppo del gioco.

Rob Nelson, a capo di Rockstar, ha potuto parlare dell'argomento in una intervista concessa a IGN e riportata da Wccftech, svelando che in qualche modo l'idea Ŕ stata presa in considerazione dal team, prima di essere definitivamente scartata.

"Abbiamo giocato per un po' di tempo con questa idea delle missioni opzionali procedurali", racconta Nelson. "Le abbiamo provate e abbiamo scoperto che non potevano essere interconnesse e sofisticate come volevamo che fossero queste esperienze. Credo che avremmo potuto farlo, ma il modo che utilizziamo per creare questi mondi consiste nel costruirli a mano."

"Non sarebbe stato pratico avere un mondo costruito in questo mondo combinato a elementi procedurali. Non sarebbe stato coerente con quello che cerchiamo di raggiungere nel realizzare questo mondo". Nelson spiega che questa scelta farÓ nascere dei limiti alle azioni del giocatore, che sono per˛ necessari per garantire che le situazioni che vivremo possano essere convincenti.

Red_Dead_Redemption_2

Ad esempio, non potremo appiccare dei grossi incendi alle foreste e alle cittÓ di Red Dead Redemption 2. "Sarebbe carino", commenta Nelson, "ma no. Non sarebbe pratico. Puoi bruciare delle singole strutture, ma appiccare fuoco a una foresta cambierebbe la mappa e le sensazioni date dalle ambientazioni al giocatore".

A quanto pare quindi il mondo di Red Dead Redemption 2 non sarÓ un'enorme parco giochi che saremo liberi di mettere a ferro e a fuoco, ma piuttosto l'espressione autoriale delle capacitÓ di Rockstar di costruire un bellissimo sfondo alle vicende di cui sarÓ protagonista Arthur Morgan.

Che ne pensate delle scelte di Rockstar? Siete d'accordo con il team?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Gianluca Musso

Gianluca Musso

Redattore

Si Ŕ appassionato ai videogiochi grazie al capolavoro Monkey Island, oggi massacra NPC nei GDR Bethesda. Qualcosa dev'essere andato storto!

Contenuti correlati o recenti

L'uscita di GTA 6? Secondo un analista Ŕ ancora molto lontana

Non dobbiamo aspettarci a breve un nuovo capitolo dell'amata serie di Rockstar.

Rod Fergusson: "se fossi rimasto con Epic avrei cancellato Fortnite"

Il boss di The Coalition svela un'interessante retroscena.

Death Stranding non sarÓ un gioco stealth, spiega Hideo Kojima

Scopriamo di pi¨ sull'attesa esclusiva PS4.

Articoli correlati...

La Juventus in FIFA 20 si chiamerÓ Piemonte Calcio

Ecco il nome del club bianconero nel gioco di EA.

Il producer di Dark Souls vorrebbe collaborare con Guillermo Del Toro

Il desiderio di Masanori Takeuchi, produttore di alcuni titoli targati FromSoftware.

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza