Una chiacchierata con Phil Spencer sulle Xbox della prossima generazione - intervista

La retrocompatibilitÓ farÓ il suo ritorno.

Durante la conferenza Microsoft all'E3 2018, Phil Spencer, il capo della divisione Xbox, ha annunciato che i lavori per la “prossima Xbox” sono iniziati. Ecco la dichiarazione completa:

"Lo stesso team che ha architettato Xbox One X con le sue prestazioni senza precedenti è a lavoro sulle prossime console Xbox. Daremo il massimo, ancora una volta, per fissare un nuovo standard per le console da gioco."

La conferma che Microsoft è al lavoro su un nuovo set di console Xbox (notate il plurale) non è stata particolarmente sorprendente ma sentirla dalla bocca di Phil Spencer sul palco dell'E3 di quest'anno, indubbiamente, lo è stato. Perché farlo ora? Ecco la domanda che abbiamo fatto a Spencer durante un'intervista svolta poche ore dopo la conferenza Microsoft.

Spencer ci ha risposto che voleva rendere chiara una cosa: Microsoft crede fermamente nelle console da gioco. Sono qui per restare.

1
Il capo della divisione Xbox, Phil Spencer, sul palco della conferenza E3 di Microsoft.

"Pensiamo che la gente voglia giocare grandi titoli su console, è un elemento chiave per il nostro successo”, ha detto Spencer a Eurogamer.

"È importante per noi l'opinione che la gente ha di Xbox. Un'Xbox è qualcosa che colleghi alla TV, è la console più potente al mondo (mi piace molto dirlo!), ti consente di giocare grandi giochi direttamente sulla TV di casa tua. Voglio che questo concetto continui ad esistere e non solo a parole ma nei fatti. Negli ultimi due anni abbiamo lanciato Xbox One S, che personalmente adoro, e anche Xbox One X, su cui abbiamo fatto delle promesse importanti che siamo riusciti a mantenere."

"Qualcun'altro potrebbe non dichiarare che arriverà un'altra console, anche se sappiamo tutti che probabilmente arriverà, perché hanno bisogno che la gente compri quella che hanno già lanciato. Noi la pensiamo diversamente: quando qualcuno compra un'Xbox, sta comprando una parte di un ecosistema, diventa un fan di Xbox. Molti dei nostri fan sono con noi fin dai tempi della prima Xbox, ci hanno seguiti con la 360 e sono con noi anche con Xbox One. Posso avvertire il loro affetto verso i nostri dispositivi, verso i nostri servizi mentre procediamo in questa avventura insieme. Sarò sempre molto onesto con loro."

"Non ho nulla di particolare da annunciare ma voglio che la gente sappia che ci impegniamo parecchio nel creare le esperienze che amano, nel creare giochi che potranno giocare sulla TV di casa. Tutto questo è una parte importante del futuro del nostro brand."

Chiaramente Spencer vede le console da gioco come prospettive a lungo termine per Microsoft. La conferenza E3 del colosso americano, infatti, ci offre una prima occhiata al futuro di Xbox e agli investimenti che saranno fatti per garantirlo. Abbiamo avuto un primo assaggio di Halo Infinite che è stato un modo per annunciare il nuovo motore grafico di 343, Slipspace, più che il gioco in sé. Successivamente, abbiamo potuto intravedere il nuovo servizio di streaming su cui Microsoft sta lavorando e, inoltre, sono stati annunciati una serie di studi di sviluppo che entreranno a far parte di Microsoft Studios per far sì che, quando arriverà la prossima generazione di Xbox, saranno pronti a rilasciare giochi memorabili.

Le nuove console Xbox stanno arrivando ma è tutto quello che sappiamo, per ora. Non sappiamo come saranno chiamate, non sappiamo quanto saranno potenti o come funzioneranno ma Spencer ci ha confermato che la retrocompatibilità rimane un elemento molto importante per Xbox, perciò aspettatevi un suo ritorno sulle prossime console di Microsoft.

"Più specificamente direi, senza annunciare nulla, che siamo molto orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto sulla retrocompatibilità. Rispettiamo gli acquisti dei giochi che avete fatto con noi e per questo li abbiamo portati nell'attuale generazione”, ha detto Spencer. “Fa parte della nostra filosofia aziendale."

"Se pensate alla prossima generazione di console che prima o poi arriverà, molti dei titoli più grandi che la gente gioca oggi esisterà ancora, quando uscirà il nuovo hardware. Non vedrete molti '2' nei titoli, solo per costringervi a passare alla prossima versione di quei giochi. Nel vecchio modello di lancio dei titoli, che venivano giocati e poi si passava oltre in quasi tutti i casi, un passaggio di console era una semplice funzione di transizione."

"È stato, ad esempio, il caso di Minecraft. Non abbiamo lanciato Minecraft 2 su Xbox One solo per spingere tutti a spostarsi sulla nuova console perché non è ciò che i giocatori di Minecraft desiderano. Volevano semplicemente che Minecraft migliorasse. Se guardiamo a giochi come PUBG o Fortnite, ai loro giganteschi ecosistemi e alle sconfinate community, quando le nuove console arriveranno, la gente vorrà ancora giocarci e sarà molto importante per noi, come piattaforma, continuare a supportarli."

Sappiamo che la prossima generazione di console sta arrivando. Spencer, in fin dei conti, ha confermato che le nuove console Xbox sono in cantiere. La domanda è: la prossima generazione di console sarà l'ultima?

È quello che Yves Guillemot, capo di Ubisoft, l'azienda di Assassin's Creed, ha affermato in una recente intervista. Parlando a Variety, Guillemot ha dichiarato: "Ci sarà un altra generazione di console e, dopo quella, tutto sarà in streaming."

Spencer, tuttavia, non è d'accordo.

"Posso capire perché lo abbia detto", ha affermato.

"Io sono un po' più ottimista sul fatto che la gente potrà giocare su hardware locale per molti, molti anni. Quello che succederà è che troveremo molta più gente che gioca a giochi di qualità molto alta, che di solito vedremmo sulle console, su altri dispositivi. Questo, però, non significa che l'esperienza di giocare sulla mia televisione, con un grande impianto audio, con un alto frame-rate e un'ampia risoluzione debba andare via tanto facilmente. Avremo solo una maggiore diversificazione dei dispositivi su cui la gente potrà giocare ottimi contenuti."

"Molti di noi, oggi, si aspettano di trovare un certo tipo di giochi sugli smartphone ed un altro tipo sulle console. Non è sempre vero che debbano essere separati. Poteve vedere che PUBG e Fortnite, sui telefoni, girano alla grande anche se ci sono anche un sacco di giochi molto, molto casual. So che gli sviluppatori vogliono raggiungere più persone possibili con i loro contenuti perciò credo che, andando avanti, molta più gente giocherà quel tipo di titoli su altri tipi di dispositivi, ma giocare su TV rimarrà un'esperienza importante.

"Ci impegneremo parecchio, sotto questo aspetto."

Vai ai commenti (42)

Riguardo l'autore

Wesley Yin-Poole

Wesley Yin-Poole

Deputy Editor

Wesley is Eurogamer's deputy editor. He likes news, interviews, and more news. He also likes Street Fighter more than anyone can get him to shut up about it.

Contenuti correlati o recenti

PS5 arriva su Amazon ed Ŕ boom di recensioni deliranti

Pesa 5 kg? Per fortuna qualcuno la butta sul ridere...

Halo 3 (PC) - recensione

La trilogia finalmente Ŕ completa anche su PC.

RaccomandatoGhost of Tsushima - recensione

Nell'ombra non c'Ŕ onore, ma c'Ŕ fascino da vendere.

Articoli correlati...

Commenti (42)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza