Detroit Become Human: Il nido - tutti i finali e le conseguenze del capitolo sul gioco

A caccia di devianti.

Nel quindicesimo capitolo di Detroit: Become Human vestiamo i panni di Connor, intento ad investigare insieme al collega Hank su dei rumori sospetti provenienti da un appartamento.

Questo capitolo ha quattro possibili finali differenti e qui di seguito vi spiegheremo come sbloccarli tutti. Ogni finale, ovviamente, può avere conseguenze differenti sul proseguimento della storia.


Detroit: Become Human - tutte le sezioni della guida


Qui potete accedere alla pagina principale della nostra guida di Detroit: Become Human, in cui trovare tanti trucchi e consigli!

La lista delle sezioni specifiche della guida:

Detroit: Become Human - la guida completa per ogni capitolo


1

Guida ai finali del capitolo "Il nido"

Finale 1: Non trovi Rupert

Per terminare il capitolo con questo finale bisogna proprio impegnarsi. È infatti necessario non fare niente per cinque minuti, evitando di trovare il nascondiglio del deviante Rupert.

A questo punto, se il rapporto con Hank è sufficientemente buono, allora il tenente vi chiederà se volete restare ancora o andare via.

  • Restare: se decidete di restare, Hank vi darà ancora due minuti di tempo per trovare il deviante. Al termine dei due minuti il capitolo finirà con Hank e Connor che vanno via dall'appartamento senza trovare Rupert.
  • Andare via: scegliete di andare direttamente via dall'appartamento e il capitolo si conclude così.

Se invece terminate i 5 minuti di tempo a disposizione per trovare il deviante, ma il vostro rapporto con Hank non è dei migliori, allora il capitolo si conclude direttamente con Connor ed Hank che lasciano l'appartamento.

Finale 2: Connor muore inseguendo Rubert

Come si può intuire facilmente, per sbloccare questo finale è sufficiente sbagliare un QTE nel corso dell'inseguimento del deviante Rubert che porti alla morte di Connor.

La prima occasione in cui è possibile far morire Connor è quando, inseguendo il deviante, il nostro protagonista scivola su un vetro e deve saltare per raggiungere la finestra dell'edificio di fronte. Basta non fare niente durante il QTE per far cadere giù Connor.

Questa è una delle morti di Connor necessarie per sbloccare il Trofeo "Tornerò" di Detroit: Become Human, come vi spieghiamo nella sezione dedicata.

2

Finale 3: Rupert scappa

Per sbloccare questo finale è sufficiente lasciar scappare il deviante durante l'inseguimento, stando fermi, oppure aiutare Hank quando Rupert lo fa cadere dal parapetto.

Scegliere se salvare Hank o seguire il deviante ha grosse ripercussioni sul proseguimento del gioco. Salvando Hank, infatti, migliora notevolmente il rapporto con il vostro collega e aumenta di parecchio l'instabilità del software. Al contrario, seguire Rupert lasciando Hank in difficoltà sortirà l'effetto contrario.

Finale 4: Rupert si suicida

Questo finale può essere sbloccato solo se, portato a termine l'inseguimento, decidete di seguire il deviante fregandovene di Hank in pericolo.

Come spiegato nel finale 3, questa scelta avrà serie ripercussioni sul proseguimento del gioco: il vostro rapporto con Hank peggiorerà notevolmente e il software ne guadagnerà in stabilità.

Le conseguenze del capitolo "Il nido" sul gioco

Qui di seguito vi elenchiamo tutte le azioni che possono avere importanti ripercussioni sul proseguimento del gioco.

  • Trovare il diario del replicante nell'appartamento ha ripercussioni sui capitoli successivi. Lo potete scovare dietro al poster degli orti urbani nella sala principale.
  • Se Rupert si suicida, come spiegato poco più sopra, questo avrà delle conseguenza sui prossimi capitolo del gioco. Senza contare il forte impatto sulla relazione con Hank e sulla stabilità del software.
  • Anche la morte di Connor nel corso dell'inseguimento del deviante Rupert ha conseguenze importanti sul gioco.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Pier Giorgio Liprino

Pier Giorgio Liprino

Redattore

Per far felice Pier Giorgio basta parlargli di politica, scienza e videogiochi. A questi ultimi s'è avvicinato da bambino giocando ad Age of Empires 2 e da allora è rimasto un appassionato PC gamer, con uno sguardo attento alle console.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza