Sembra che Google si stia preparando a lanciare la propria piattaforma per il mercato dei giochi di fascia alta.

Un rapporto di Jason Schreier di Kotaku afferma che Google sta attualmente lavorando sulla propria piattaforma di gioco, Project Yeti, che dovrebbe comprendere due aspetti principali: un servizio di streaming e un qualche tipo di hardware. Non è chiaro se l'hardware sia una vera e propria console da gioco completa o solo un terminale per il servizio di streaming di Google, ma quello che è noto è che Google vuole competere con PlayStation e Xbox.

Google sta reclutando in modo aggressivo veterani del settore dei videogiochi, tra cui Phil Harrison, che in precedenza ha lavorato sia su PlayStation sia su Xbox e sta anche coinvolgendo alcuni sviluppatori di giochi nella creazione di titoli.

google_console

Nel corso della GDC 2018, un rappresentate del colosso Google avrebbe avuto incontri con importanti personalità dell'industria e dello sviluppo, proprio per parlare del progetto Yeti. Ma non solo, la compagnia avrebbe presenziato anche all'E3 2018 per cercare di acquisire interi studi.

Ma come potrebbe funzionare la piattaforma streaming? Probabilmente come GeForce Now di Nvidia e , quindi, con i giochi che verrebbero renderizzati da potenti computer centralizzati e poi trasmessi in streaming su dispositivi economici, che non richiedono quindi grossi esborsi economici o continui aggiornamenti hardware.

Dal punto di vista dell'hardware, i rumor sono ancora più fumosi, in quanto non è chiaro se Google voglia sfidare PlayStation e Xbox nel "campo della potenza" a livello di specifiche tecniche, o se invece voglia puntare su un dispositivo più economico, meno dotato tecnicamente e con un ottimo servizio di streaming.

Se Google sia in procinto di realizzare una console di fascia alta, ancora non è chiaro, quello che è certo è che la sfida nel campo delle console AAA, con Sony e Microsoft, diventerebbe ancora più accesa.

Che ne pensate?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.