The Witcher 3: il Gwent ha rischiato di essere tagliato dal gioco

Il co-creator Rafal Jaki ci parla della faccenda.

The Witcher 3 è stato senza dubbio un titolo di grande successo, perfino il Gwent pur essendo un elemento secondario ha fatto breccia nei fan al punto di convincere CD Projekt a creare un gioco a esso dedicato.

Come riporta Twinfinite però il Gwent ha rischiato seriamente di non venire incluso nel gioco finale. Rafal Jaki (uno dei creatori del mini-gioco) ha raccontato di come lui e Damien Monnier (anche lui creatore) abbiano lavorato per ore sui prototipi per rendersi poi conto che il gioco semplicemente non era divertente ed il Managing Director Adam Badowski era tutto tranne che impressionato.

maxresdefault

Nonostante gli insuccessi Monnier era fiducioso di poter rendere divertente il Gwent e chiese a Badowski un'ultima possibilità e si lavorò per tutto il fine settimana, fortunatamente la cosa funzionò e Badowski diede il via libera per lo sviluppo del gioco.

Può sembrare una storia singolare ma capita spesso nel mondo dei videogiochi, si tagliano contenuti, si aggiungono, modificano ed elaborano anche all'ultimo momento se serve.

Cosa ne pensate? Come sarebbe stato The Witcher 3 senza Gwent secondo voi?

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza