Più di ogni altra compagnia, Panic Button ha dimostrato ciò di cui lo Switch è veramente capace: nell'ultimo anno hanno già portato sulla console di Nintendo Wolfenstein 2: The New Colossus e DOOM, due giochi AAA della generazione attuale e due vetrine grafiche realizzate per PS4, Xbox One e PC, e, a quanto pare, i due titoli fanno la loro bella figura sull'ibrida.

Attualmente, Panic Button sta lavorando allo sviluppo di Warframe per Nintendo Switch, ma sicuramente, dopo tutto questo tempo e con questo terzo gioco per l'ibrida, dovrebbero ormai essere vicini a sfruttare ciò di cui lo Switch è capace, giusto?

Come segnala Gamingbolt, parlando in un AMA Reddit, Panic Button ha affermato che ogni volta che pensano di essere vicini a massimizzare ciò di cui Switch è capace, sembra che un nuovo aggiornamento dell'API di Nintendo, o qualcosa del genere, sblocchi di più. "Nintendo aggiunge anche nuovi strumenti e API che sbloccano tecniche e percorsi diversi per le prestazioni", hanno detto.

Nintendo_Switch

Hanno anche accennato al fatto che Switch è un dispositivo fantastico per quello che è, e che confrontarlo 1:1 con altre console non ha senso a causa di quanto sia unico. Detto questo, un modo in cui lo Switch è migliore di altri sistemi è che non ci sono evidenti debolezze o colli di bottiglia. Gli sviluppatori confermano di aver trovato questo problema in passato con altri sistemi, ma su Nintendo Switch non ci sarebbe un particolare "tallone d'Achille", "l'hardware è abbastanza capace con tutto ciò che abbiamo portato su di esso", hanno detto.

Questo in realtà è interessante, dato che i colli di bottiglia sugli hardware sono davvero comuni, persino su Xbox One / Xbox One X e PS4 / PS4 Pro. È interessante notare, inoltre, che nessuna lamentela su Switch è mai emersa: se non altro, è evidente che Nintendo ha realizzato una macchina molto ben bilanciata nel suo complesso.

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.