Al di là di una conferenza dai ritmi sostenuti, gli annunci veri e propri in ambito esclusive non sono di certo risultati particolarmente sorprendenti in casa Microsoft. Al momento si parla sempre dei soliti franchise ma il colosso di Redmond ha avuto l'accortezza di rassicurare i fan: il futuro, soprattutto quello oltre a Xbox One, sarà più roseo.

L'annuncio di nuovi studi interni acquisiti o creati da zero rappresenta quanto meno la certezza che la compagnia si impegnerà maggiormente dal punto di vista delle produzioni made in Microsoft Studios. Proprio di questo punto ha discusso Matt Booty, CVP dei Microsoft Game Studios, sulle pagine di PC Games Insider.

"Avere una serie studi first-party dedicati allo sviluppo è una risorsa unica e potente. Siamo i primi a implementare nuove tecnologie, i primi a proporre contenuti per nuove piattaforme, i primi a esplorare nuovi modelli di business. Ci fornisce l'abilità di costruire un catalogo di giochi esclusivi e questo era il momento giusto per aumentare quel tipo di investimento. È anche interessante osservare i cambiamenti nell'industria.

1
Matt Booty.

"Mentre l'industria in generale sta crescendo sembra che ci siano meno team e studi focalizzati su giochi di media grandezza che stanno tra i blockbuster AAA da una parte e i giochi indie più piccoli dall'altra. Proprio quelli al momento sono alcuni dei tipi di studi in cui siamo interessati quando si tratta di stringere una collaborazione, studi con team che possono creare giochi di qualità che stanno tra i giochi di medio livello e gli AAA e che diventando parte della famiglia dei Microsoft Studios possono concentrarsi sull'innovazione e accelerare la loro crescita creativa".

Cosa pensate di Booty e della acquisizioni di Microsoft?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle