Crackdown 3 Ŕ una delle prossime esclusive di Microsoft, e come riporta Usgamer sembra proprio che il team di sviluppo abbia tutte le intenzioni di evitare di ripetere quanto accaduto con Crackdown 2, il quale ebbe un'accoglienza alquanto travagliata.

Paul Porter, managing director di Sumo Digital spiega come desidera non commettere gli stessi errori: "Credo che la mia esperienza con Crackdown sia simile a quella di molte altre persone: ho giocato a morte il primo, giocandoci anche in co-op, collezionando tutte le sfere. Poi dopo un paio d'ore a cui avevo giocato il secondo, volevo lanciare il controller contro la TV, ed ero molto triste. Ecco, questa Ŕ la strada che assolutamente non vogliamo prendere con Crackdown 3".

Crackdown_3_Shot_01

Secondo Porter il team ha finito di lavorare al gioco ma desidera rifinirlo e migliorarlo il pi¨ possibile per assicurarsi che rispetti le aspettative del pubblico. "Il modo di realizzare i videogiochi migliori Ŕ finirli, poi finirli di nuovo, poi finirli. Si tratta esattamente di quello che stiamo facendo con Crackdown 3", questo il pensiero dello sviluppatore.

Il gioco Ŕ atteso per febbraio, lo state aspettando?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.