Star Wars: Battlefront 2 come ricorderete ha fatto parlare di sé ma probabilmente per il motivo sbagliato. Il polverone mediatico sollevato attorno alla questione delle famigerate casse premio, e il modo in cui erano utilizzate da parte degli sviluppatori, sembra aver portato ad un risultato concreto, riporta Gamespot.

11408895_1654532747637438

La stessa EA ha ammesso di avere intenzione di cambiare la propria politica in merito. La storia delle casse premio è solo lo specchio dell'intera industria videoludica in moto per trovare nuovi metodi di monetizzazione più efficaci, tant'è che gli acquisti in-app sono sempre più frequenti, ma il fenomeno delle casse premio ha raccolto l'attenzione anche di sedi legali e giuridiche per la loro capacità di attuare meccanismi propri del gioco d'azzardo.

Ebbene tutto il polverone mediatico che ha visto EA nell'occhio del ciclone ha portato qualche risultato, il vice president Matt Bilbey ha infatti dichiarato come in seguito alla vicenda con Star Wars: Battlefront 2 la società ha deciso di rivedere i modi in cui progetta i giochi e li testa, secondo direttive definite come una "bussola morale".

A seguire la progettazione di un sistema online morale sarà proprio un team dedicato, in modo da non dover più applicare modifiche in corso d'opera, proprio come accaduto con Star Wars: Battlefront 2.

Cosa ne pensate di questa scelta?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Altri articoli da Stefan Tiron

Commenti (9)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

Star Wars: Battlefront II - recensione

Per molti, ma non per tutti.

La polemica scatenata da Star Wars Battlefront 2 ha cambiato il modo in cui EA realizzerà i giochi

Dopo l'accesa discussione sulle microtransazioni, Electronic Arts aggiusterà il tiro.

Octopath Traveler: vendute in Giappone 175.000 copie nel primo mese

Un ottimo risultato per il JRPG in esclusiva Switch.

Blizzard sarebbe molto felice di avere Diablo nel roster di Super Smash Bros. Ultimate

Sarebbe un buon modo di celebrare l'arrivo di Diablo 3: Eternal Collection su Switch

le ultime

Octopath Traveler: vendute in Giappone 175.000 copie nel primo mese

Un ottimo risultato per il JRPG in esclusiva Switch.

Blizzard sarebbe molto felice di avere Diablo nel roster di Super Smash Bros. Ultimate

Sarebbe un buon modo di celebrare l'arrivo di Diablo 3: Eternal Collection su Switch

La mappa di Red Dead Redemption 2 sarà la più grande mai creata da Rockstar

Decisamente uno dei titoli più ambiziosi della compagnia.

Pubblicità