Braccio di ferro tra Sapkowski e CD Projekt RED: il creatore di The Witcher chiede $16 milioni

Come andrà a finire?

Che il rapporto tra Andrzej Sapkowski, il creatore di The Witcher e autore dei romanzi dedicati all'universo di Geralt di Rivia, e i videogiochi non sia di certo idilliaco è cosa ormai risaputa. Ce n'eravamo già accorti quando su queste pagine avevamo pubblicato una lunga intervista in cui lo scrittore si era definito "stupido" per aver rifiutato una percentuale sui guadagni dei giochi di CD Projekt RED accettando invece di vendere i diritti di The Witcher per una cifra fissa in prospettiva molto bassa.

Sapkowski non aveva creduto nel possibile successo a lungo termine dei videogiochi e per questo ha guadagnato relativamente poco. A quanto pare la cosa non gli dà ancora pace perché come riportato da Eurogamer.net, la software house polacca ha rivelato di aver ricevuto una richiesta direttamente dallo scrittore. La natura della richiesta? $16 milioni (€14 milioni) come royalties aggiuntive.

"Il consiglio di amministrazione di CD Projekt annuncia che in data 1 ottobre ha ricevuto una richiesta ufficiale di pagamento dal signor Andrzej Sapkowski. La notifica indica che Sapkowski si aspetta il pagamento di royalties aggiuntive oltre ciò che ha pattuito secondo contratto".

CD Projekt ovviamente non ci sta e lo spiega chiaramente:

"Secondo l'opinione della compagnia le richieste espresse sono infondate sia nel merito che per quanto riguarda la cifra espressa. La compagnia ha legittimamente e legalmente acquisito i diritti per le opere del signor Andrzej Sapkowski nella misura in cui erano richiesti per l'utilizzo nei giochi poi sviluppati. È volontà della compagnia il mantenere dei buoni rapporti con l'autore i cui lavori hanno ispirato le creazioni di CD Projekt RED. Di conseguenza l'amministrazione farà tutto il possibile per assicurare una risoluzione amichevole della disputa. In ogni caso qualsiasi sia la risoluzione questa dovrà rispettare le intenzioni precedentemente espresse da entrambe le parti oltre a rispettare i contratti in essere".

1

Sicuramente è interessante valutare su quali basi si fonda la richiesta di Sapkowski.

Gli avvocati dell'autore affermano di aver preparato questa richiesta esaminando con attenzione il caso e decidendo di farsi avanti solo dopo una lunga preparazione. Secondo gli avvocati il contratto stipulato tra lo scrittore e CD Projekt "riguardava solo il primo di una serie di giochi e per questo motivo la distribuzione di tutti gli altri titoli inclusi DLC, espansioni e spin-off sarebbe illegittima".

Attraverso i propri avvocati lo scrittore ha fatto capire di essere disposto a trovare un accordo. La questione è sicuramente spinosa e senza la possibilità di visionare il contratto è indubbiamente complicato capire chi possa avere ragione in questa contesa. Sicuramente continueremo a seguire la vicenda con molta attenzione e curiosità e magari ci sarà un lieto fine in cui Sapkowski e il mondo dei videogiochi avranno fatto definitivamente pace.

Vai ai commenti (17)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Resident Evil Village è il GOTY degli Steam Awards, Cyberpunk 2077 si aggiudica il premio per la migliore storia

Resident Evil Village, Cyberpunk 2077 e tutti i vincitori degli Steam Awards.

Genshin Impact: una ragazza ha speso più di $ 20.000 con la carta dei suoi genitori

La valuta di gioco in Genshin Impact è acquistabile con soldi reali.

Elden Ring con il suo open world manterrà i giocatori 'interessati ad esplorare tutte le zone'

Elden Ring offrirà molta più libertà rispetto agli altri giochi FromSoftware.

Elden Ring è stato influenzato da Il Signore degli Anelli e dalla serie di romanzi The Eternal Champion

Hidetaka Miyazaki svela molti nuovi dettagli su Elden Ring e parla del personaggio di Godfrey.

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (17)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza