Ubisoft ritorna alla cadenza annuale con il nuovo Assassin's Creed Odyssey, anche se solo temporaneamente. L'eredità lasciata da Origins è sicuramente importante e il primo obiettivo è quello di non deludere tutti i fan appassionati del brand. Sotto numerosi aspetti Odyssey è un miglioramento della formula del suo predecessore ma sarebbe sbagliato bollare questo nuovo episodio come un banale "bigger and better".

Ad attenderci un cambio di ambientazione ed un grande balzo temporale che ci trasporta nell'antica Grecia ai tempi della Guerra del Peloponneso (431 a.C.) tra Sparta e Atene. Le novità come detto poc'anzi sono diverse ed è nostro compito in questo appuntamento ricoprire il ruolo "dell'oracolo di Delfi", guidandovi lungo la vostra personalissima Odissea.

È tempo quindi di lanciarci in Assassin's Creed Odyssey e serviranno pazienza, riflessi pronti ed un'insaziabile sete di avventura.

Altre pagine della guida:

Assassin's Creed Odyssey: trama e ambientazione

Dato il periodo storico i collegamenti alla mitologia classica di Assassin's Creed sono più deboli, e si paleseranno solo alla fine di tutti e tre gli archi narrativi disponibili: la vita di Kassandra/Alexios, la guerra alla setta e la scoperta dell'antica civiltà. Questi tre filoni si intrecceranno in maniera naturale durante le ore di gioco ma per concluderli servirà una buona dose di ricerca e pazienza, complice una mappa più vasta del 60% rispetto ad Origins.

L'esplorazione è una componente fondamentale in Odyssey e la trama principale non ci trasporterà in ogni isola della mappa. Servirà quindi uno sforzo aggiuntivo per navigare verso certi luoghi, sbloccare il viaggio rapido sincronizzando i punti di interesse per poi sfruttarli in seguito quando non vorremo solcare il mare aperto. In termini di comparto artistico, ci ritroviamo davanti a uno dei capitoli più ispirati e poter visitare città come Sparta e Atene restituisce un feeling davvero unico.

Assassin's Creed Odyssey: le novità

Come detto in precedenza Odyssey amplia enormemente la formula ludica e la mole contenutistica del suo predecessore, ecco quindi una lista di tutte le novità presenti in questo capitolo:

Doppio Protagonista: All'inizio del gioco saremo chiamati alla scelta tra Kassandra e Alexios. In termini ludici la campagna non presenta nessuna differenza sostanziale e solo alcuni dialoghi vengono modificati di conseguenza in base al sesso. Il trucco è stato quello di affibbiare al nostro alter ego il soprannome "misthios", utilizzato in Odyssey per indicare la figura di un mercenario molto abile (termine coniato solo nel gioco, non ha rimandi storici). Questo nomignolo è usato abbondantemente nelle conversazioni secondarie e ha evitato il doppiaggio di innumerevoli linee di dialogo in base al sesso del protagonista. Detto questo fate la vostra scelta in base alla vostre preferenze, ricordate solo che sarà permanente.

Esplorazione senza aiuti: Sin dalle prime opzioni vi verrà anche richiesto se attivare l'Esplorazione guidata o se provare un nuovo sistema che rimuove tutti gli aiuti visivi da HUD e mappa. Si tratta di un esperimento interessante, che favorisce il senso di immersione e porta una novità nella formula classica della serie. Se attivata, quando accetterete un incarico dovrete prestare attenzione alle linee di dialogo aggiuntive, in cui chiedere dove trovare l'obiettivo della vostra missione. Spesso le indicazioni sono basate su punti di riferimento ben visibili: monti, statue o templi, e la zona dove svolgere le ricerche (ad esempio settentrione). Una volta raggiunto il luogo dell'indagine l'aquila Icaro, in maniera simile ad Origins, vi segnalerà nemici ed obiettivi. Al contrario del protagonista questa impostazione può essere modificata in qualsiasi momento dalle opzioni.

Conseguenze: In Assassin's Creed Odyssey i dialoghi hanno acquisito un'importanza maggiore, sia nella campagna principale che nelle missioni secondarie. Sarete chiamati a scelte continue, a preferire un approccio violento o caritatevole e spesso subirete le conseguenze delle vostre azioni. Nel primo filone narrativo dedicato al protagonista e alla sua infanzia, a seconda delle decisioni prese potrete ottenere uno dei nove diversi finali presenti.

Mercenari: Per certi versi ricordano i phylakes visti in Origins ma la loro presenza in questo capitolo è molto più pressante. Ogni volta in cui commetterete reiterati atti illeciti alla luce del sole verrà messa una taglia sulla vostra testa e diversi cacciatori di taglie si metteranno sulle vostre tracce. Non importa se state passeggiando in una grande città o sulla cima di un monte, se siete dei ricercati un mercenario potrebbe fare la sua comparsa, anche durante uno scontro ostico o una missione della trama principale. Sconfiggetene uno e verrà subito sostituito da un nuovo arrivato con caratteristiche, punti di forza e debolezze unici, quasi a ricordare una versione meno profonda del Nemesis System di Shadow of War. Per poter rifiatare dalla loro caccia incessante potete pagare la vostra taglia in qualsiasi momento dalla mappa del mondo di gioco, oppure uccidere i testimoni (hanno un simbolo rosso a forma di sacco di denaro).

1

Battaglie Navali: A differenza di Origins la nave e le battaglie in mare aperto ricoprono un ruolo maggiore. Curare la vostra imbarcazione sarà un'attività da non sottovalutare, e per farlo saranno necessari diversi materiali (ferro, cuoio e legno), delle tavolette antiche da recuperare in zone specifiche del mondo ed ovviamente denaro. Il sistema di potenziamento e personalizzazione della nave non raggiunge i fasti di Black Flag ma resta un piacevole elemento che varia la formula. La navigazione è anche importante per raggiungere isole altrimenti inaccessibili. Con l'assalto alle altri imbarcazioni potrete ottenere grandi quantità di materiali, e nei mari della Grecia troverete navi Ateniesi, Spartane, mercantili, appartenenti alla setta o ai fuorilegge.

Battaglie di Conquista: Come detto in precedenza vivremo il periodo della Guerra del Peloponneso, capace di frantumare il mondo greco ed in cui Sparta e Atene non si sono mai risparmiate. In qualità di mercenari potremo influenzare il conflitto, e per parteciparvi dovremo indebolire una zona dall'influenza di una delle due fazioni. Per farlo dovremo attaccare forti, distruggere risorse, uccidere membri di rilievo della fazione e/o il capo della città. Appena il controllo sulla zona verrà meno potremo scegliere se schierarci in difesa della zona o tra le fila degli attaccanti.

Ricordate che i difensori saranno in una posizione privilegiata, ma in caso di vittoria le ricompense saranno minori. Al contrario, schierarsi con i conquistatori ci lancerà in un conflitto più complesso, ma dove troveremo premi maggiori alla fine dello scontro.

Abilità: Tra le novità di Odyssey troviamo un sistema di abilità attive estremamente variegato, diviso come da tradizione in tre rami: cacciatore, guerriero ed assassino. In sessanta ore non sbloccherete tutte le skill presenti, e dovrete necessariamente fare delle scelte, anche perché potrete equipaggiare solo quattro mosse in un menu a selezione rapida (utilissimo in combattimento). Una ruota di abilità sarà dedicata al ramo del cacciatore, mentre l'altra agli altri due rami. Proseguendo nella campagna sbloccherete una ruota alternativa per costruire due diversi set di skill, da cambiare a seconda della situazione.

Da segnalare inoltre il fatto che ogni abilità ha tre diversi livelli di potenza, e se dopo aver sperimentato un nuovo attacco non sarete soddisfatti, potrete riassegnare i punti utilizzati pagando con le dracme nei menu di gioco. Questi punti si ottengono ad ogni nuovo livello, oppure esaminando le stele rinvenibili nelle tombe.

Equipaggiamento: La classificazione delle armi secondo la rarità ritorna dal capitolo precedente, ma con la novità delle incisioni: questi perk passivi possono essere inseriti in ogni strumento di offesa presso qualsiasi fabbro, pagando ed offrendo i materiali richiesti. E' possibile inoltre ottenere delle incisioni aggiuntive completando diverse sfide. Inoltre il potenziamento classico è sempre presente, consentendo di incrementare l'efficacia di qualsiasi arma o armatura.

Assassin's Creed Odyssey: Season Pass e DLC

A metà settembre Ubisoft ha reso noti i contenuti post lancio per Assassin's Creed Odyssey. Chiunque acquisterà il Season Pass troverà due nuovi archi narrativi, ognuno composto da tre episodi:

  • The Legacy of the First Blade: In questa sottotrama seguiremo le gesta del primo assassino ad utilizzare la lama celata. Questo contenuto è previsto per il mese di dicembre.
  • The Fate of Atlantis: Il secondo arco narrativo è collegato alla mitologica città sprofondata nell'oceano e dalle premesse sembra il più esoterico e misterioso. I possessori del Season Pass potranno provarlo nella primavera del 2019.

In aggiunta da segnalare anche Assassin's Creed 3 Remastered, incluso come contenuto aggiuntivo del Season Pass. Il capitolo ambientato in America verrà pubblicato verso marzo 2019 e supporterà 4K e HDR su PC, PS4 Pro ed Xbox One X.

Riguardo l'autore

Gabriele Carollo

Gabriele Carollo

Redattore

Si barcamena nello scrivere da pochi anni, tra ettolitri di birra e mostrando con orgoglio la sua barba. Se cercate un consiglio fraterno e senza fronzoli, è l’uomo che fa al caso vostro.

Altri articoli da Gabriele Carollo

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti