Gli sviluppatori di Red Dead Redemption 2 esaudiscono il sogno di un ragazzo malato terminale permettendogli di giocare a una demo preliminare

Il nobile gesto di Rockstar Games.

Sfortunatamente abbiamo giÓ sentito parlare di persone che si trovano in precarie condizioni di salute e che, di fronte alla prospettiva di una prematura scomparsa, si rendono conto che le cose che avrebbero potuto aspettarsi potrebbero arrivare troppo tardi. In questi casi, abbiamo assistito a gesti di grande umanitÓ da parte delle aziende responsabili di alcuni amati videogiochi, che permettono alle suddette persone di giocare il proprio gioco in anticipo. Lo abbiamo visto con Super Smash Bros. Ultimate e poi con Fallout 76. E ora, Rockstar ha fatto qualcosa di simile per un ragazzo in attesa di Red Dead Redemption 2, che purtroppo soffre di un caso di Neurofibromatosi terminale di tipo 2.

Come riporta Gamingbolt, il sito olandese GamersNet ha recentemente riferito che il padre del ragazzo malato, Jurian, ha contattato Rockstar Netherlands per cercare di organizzare un'anteprima del gioco per suo figlio. Rockstar Netherlands si Ŕ messa in contatto con il loro editore principale e poi hanno inviato una build demo del gioco a casa del ragazzo, permettendogli di giocare per un certo numero di ore a Red Dead Redemption 2.

Si tratta senza dubbio di un gesto molto nobile da parte di Rockstar, che ha esaudito il sogno del ragazzo regalandogli qualche ora di felicitÓ in un momento molto impegnativo.

A6EA9608_B9DE_4904_ADBE_74DA81EC905C_768x432

Leggete Red Dead Redemption 2 - tutto quello che sappiamo per scoprire i dettagli sul gioco.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi¨ rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

L'uscita di GTA 6? Secondo un analista Ŕ ancora molto lontana

Non dobbiamo aspettarci a breve un nuovo capitolo dell'amata serie di Rockstar.

Rod Fergusson: "se fossi rimasto con Epic avrei cancellato Fortnite"

Il boss di The Coalition svela un'interessante retroscena.

Death Stranding non sarÓ un gioco stealth, spiega Hideo Kojima

Scopriamo di pi¨ sull'attesa esclusiva PS4.

Articoli correlati...

La Juventus in FIFA 20 si chiamerÓ Piemonte Calcio

Ecco il nome del club bianconero nel gioco di EA.

Il producer di Dark Souls vorrebbe collaborare con Guillermo Del Toro

Il desiderio di Masanori Takeuchi, produttore di alcuni titoli targati FromSoftware.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza