Ve ne avevamo parlato anche noi: secondo quanto dichiarato dal cofondatore di Rockstar Games, Dan Houser, in un'intervista a Vulture, alcuni membri del team hanno lavorato per 100 ore alla settimana nel 2018 al fine di portare a termine lo sviluppo di Red Dead Redemption 2.

La dichiarazione ha sollevato più di qualche critica per l'incredibile pressione a cui venivano sottoposti gli sviluppatori all'interno di questo periodo di crunch e anche per questo motivo Houser ha deciso di chiarire ulteriormente quanto trapelato nell'intervista condividendo con IGN un'ulteriore dichiarazione. Quest'ultima spiega come le 100 ore di lavoro settimanale si limitassero al team che si occupava della scrittura che includeva Houser stesso, Mike Unsworth, Rupert Humphries e Lazlow Jones. Come sottolineato si è trattata di una decisione presa da questo piccolo team che non aveva alcuna pretesa nei confronti del resto dello staff.

Ecco la dichiarazione completa di Houser:

"Pare che ci sia un po' di confusione derivata dalla mia intervista con Harold Goldberg. Il punto che cercavo di sottolineare nell'articolo era legato a come la narrazione e i dialoghi nel gioco fossero creati (che è anche stato il nostro argomento principale) non i diversi processi del team in generale. Dopo aver lavorato al gioco per sette anni il team di senior writing, che consiste di quattro persone (Mike Unsworth, Rupert Humphries, Lazlow Jones e me) ha deciso, come è ormai solito, di svolgere tre settimane di lavoro più intenso verso la fine dello sviluppo. Tre settimane, non anni. Tutti noi abbiamo lavorato insieme per almeno 12 anni ormai e abbiamo sentito il bisogno di farlo per completare il tutto.

1

"Un aspetto ancora più importante è il fatto che ovviamente non ci aspettiamo che qualcun altro lavori in questo modo. Nella compagnia abbiamo alcuni veterani che lavorano molto duro semplicemente perché appassionati al progetto o al proprio lavoro e crediamo che la passione sia evidente nei giochi che pubblichiamo. Tuttavia quello sforzo aggiuntivo è una scelta e non chiediamo né ci aspettiamo che qualcuno lavori così. Molti altri veterani lavorano in un modo completamente diverso e sono altrettanto produttivi, semplicemente non sono uno di loro! Nessuno, senior o junior, è mai obbligato a lavorare più duro del normale. Credo che facciamo molto per portare avanti un business che dia valore alle persone e per rendere la compagnia un ottimo luogo in cui lavorare".

Dan Houser parla quindi di una scelta personale e spiega in questo modo le dichiarazioni sui periodi di crunch dietro allo sviluppo di Red Dead Redemption 2. Cosa ne pensate?

Leggete Red Dead Redemption 2 - trailer, data di uscita, mappa, personaggi e tutto quello che sappiamo per scoprire tutti i dettagli del gioco

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle

Commenti (2)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

EssenzialeRed Dead Redemption 2 - recensione

Tramonti di fuoco sulle rive del Lannahechee.

Red Dead Redemption 2 - La Posizione di tutte le Figurine delle Sigarette

Dove trovare ogni singola figurina per completare tutti i set.

Red Dead Redemption 2 - La posizione di tutti gli Acchiappasogni

La soluzione di una misteriosa quest non segnalata.

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

le ultime

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

N64 Classic Mini non rientra al momento nei piani di Nintendo

Lo conferma il presidente di Nintendo of America.

Secondo il CEO di GAME, l'early access incentiva la vendita delle edizioni speciali

La possibilità di giocare i titoli in anticipo attira molti utenti.

Pubblicità